Lavoro. Società pubbliche e raccomandazioni politiche. Ma quale meritocrazia?

maimone1(ASI)  Lettere in redazione. Qualche anno fa ho lavorato in una società pubblica e ho potuto constatare personalmente la veridicità dell’esistenza di alcune gravi problematiche che tali società vivono relativamente alle raccomandazioni connesse alle assunzioni.

Ciò che colpisce di più non è tanto la raccomandazione in quanto tale, piuttosto il fatto che sovente il raccomandato non solo non si prefigge l’obiettivo di svolgere in modo professionale il proprio lavoro, ma inficia il senso della propria relazione lavorativa con le altre risorse umane e sminuisce le finalità produttive dell’Azienda che lo ha assunto. Ruoli importanti, pertanto, scadono nelle trame distruttive dell’incapacità di chi li riveste. La destra e la sinistra propongono proprie figure lavorative in seno alle Aziende pubbliche e ne consegue come risultato una battaglia improduttiva ed efferata tra le varie fazioni, contraddistinta da dispetti e malvagità che deteriorano il mondo del lavoro e gli aspetti propriamente lavorativi. Si può facilmente comprendere come molte crisi possano essersi originate da tale modo di intendere il mondo del lavoro, che diventa luogo di sfide personali e non di sfide lavorative per raggiungere obiettivi aziendali. L’impegno di queste persone non sa e non può esprimersi in termini lavorativi, ma considerate le premesse, si configura come battaglia contro il nemico, che è solitamente colui che si prefigge come unico scopo di offrire il suo contributo lavorativo all'Azienda. In poche parole, chi ne fa le spese sono i lavoratori motivati e la stessa Azienda, fagocitata da una realtà spietata “antilavorativa”. Chi dirige, in genere, è qualche “raccomandato” dalla politica, magari implicato in qualche scandalo, che ha paura della lealtà e della trasparenza di altre risorse umane. Ed ecco il proliferare di intrighi, cospirazioni e prese in giro nei confronti di chi lavora, da parte di incapaci arricchitisi percependo stipendi altissimi. La meritocrazia non vive e non può vivere in tali contesti. Ma è certo che si sta procedendo verso un cambiamento improrogabile, data la crisi del mondo del lavoro e, quindi, della vita economica che si ripercuote sull’intera umanità.

Biagio Maimone

 

 

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Al Mef avviato tavolo tecnico su fisco e vigilanza calcio

(ASI) Al Ministero dell’economia e delle finanze si è tenuta oggi una riunione nel corso della quale il viceministro Maurizio Leo e il ministro per lo sport e i giovani ...

Regionali Lazio, Grassi (Tea Energia): con Rocca la vera svolta per il Lazio. D'Amato diffonde dati non reali

(ASI)“I dati che  sta diffondendo D’Amato circa i risultati raggiunti da questa giunta in questi anni non corrispondono alla realtà”, così in un’intervista a Radio Radicale ...

Disney e il monopolio del mercato cinematografico.

(ASI) Il colosso americano Disney sta creando un monopolio nel settore dell'intrattenimento e il bilancio recentemente diffuso testimonia la continua e costante crescita dell'impresa.

CulturaIdentità Genova: "Grave atto vandalico contro il Ricordo dei Martiri delle foibe e gli Esuli"

(ASI) Genova  – L’atto vandalico è avvenuto ieri nei giardini Cavagnaro a Genova-Staglieno, dove si erge la stele che ricorda i Martiri delle Foibe e gli Esuli di Istria e ...

Decreto "milleproroghe", Dehors liberi fino al 31 dicembre 2023. La soddisfazione di FAPI CESAC

(ASI) "Una buona notizia per gli imprenditori della ristorazione. Accogliamo con grande soddisfazione la proroga al 31 dicembre 2023 dei dehors liberi proposta dal Governo. Si tratta di una decisione di buon ...

Giorno del Ricordo, Ambrogio-Ravello-Viscione (FDI): “Inaccettabile che Eric Gobetti presenti libro revisionista al Comune di Grugliasco”

(ASI) “Abbiamo appreso con indignazione l’organizzazione di un convegno sul libro revisionista “E allora le Foibe” pubblicato da Eric Gobetti, personaggio fazioso e denigrante dell’eccidio dei nostri connazionali”.

Sanità, Csa-Cisal incontra l’assessore regionale Volo: “Stabilizzare i precari, non si disperdano competenze e professionalità”

(ASI) Palermo – “La sanità siciliana ha bisogno di investimenti e risorse umane e non può permettersi di disperdere le professionalità e le competenze di chi, durante l’emergenza Covid, ha ...

CIPESS, Morelli: approvato progetto definitivo Pedemontana, risultato storico

(ASI) Roma - “Il Cipess ha approvato il progetto definitivo della Pedemontana piemontese con gli aumenti dei costi legati al caro energia per il limite di spesa pari a 385 milioni”.&...

Vino, Malaguti (FDI): da Irlanda dichiarazione di guerra commerciale ai prodotti italiani

(ASI) “Dall’Irlanda arriva una chiara dichiarazione di guerra commerciale al vino italiano dopo il via libera all'etichetta con gli alert sanitari per gli alcolici. Siamo in presenza di una ...

Liliana Segre cittadina onoraria di Somma Vesuviana

(ASI)  Salvatore Di Sarno (sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano): "E' praticamente terminato l'iter per il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, testimone ...