Istituto Friedman: Paul Coyer nominato direttore per GLI Stati Uniti d’America 
(ASI) Roma, 22 febbraio 2023 - Nella giornata odierna il Direttivo dell’Istituto Milton Friedman Institute ha nominato all’unanimità il Prof. Paul Coyer, componente del Comitato scientifico dell’Istituto e Direttore per gli Stati Uniti d’America.
 
Paul Coyer è uno storico che vanta  numerose pubblicazioni negli Stati Uniti e nel mondo in particolare in materia di politica estera e sicurezza nazionale. Attualmente è professore associato d Vicepresidente della International Coalition e della Common Sense Society di Washington DC e membro dell’International Institute of Strategic Studie. Passando dagli Stati Uniti, alla Russia, alla Cina, fino all'America Latina, al Medio Oriente, andando ad analizzare il ruolo della religione, della cultura, del nazionalismo e dell'identità nazionale nelle questioni globali.
 
“È con l’incarico a una figura prestigiosa come quella di Coyer a rappresentare il nostro Istituto, proprio negli Stati Uniti, che intendiamo lanciare la nostra presenza e attività oltreoceano, rafforzando ancora una volta la nostra presenza a Washington, i legami transatlantici, nella certezza di quanto sia volontà condivisa quella di portare avanti i valori di democrazia, libertà e difesa del libero mercato che ci accomunano e ci animano. Il legame tra Italia, Europa e Stati Uniti è indissolubile, così come gli USA non smettono di rappresentare il grande Paese dove maggiormente si sono sviluppate e realizzate proprio le politiche promosse da Friedman.”
Affermano congiuntamente Dario Peirone e Alessandro Bertoldi, rispettivamente Direttore generale ed esecutivo dell’Istituto Friedman.
 
Paul Coyer ha accolto con entusiasmo la prestigiosa nomina e si è detto onorato di entrare a far parte dell’Istituto, ha inoltre affermato: “Studio e seguo Friedman sin dalla mia adolescenza, ho iniziato da giovanissimo ad apprezzare le sue teorie politiche ed economiche, lui infatti è da sempre un mio punto di riferimento. È un grande privilegio oggi contribuire con l’Istituto Friedman a costruire un futuro in cui promuovere le idee di libertà, di difesa del libero mercato e benessere a cui ci ispiriamo.” Ha concluso Coyer. 
 
Il Segretario generale dell’Istituto Gabriele Giovannetti ha consegnato quest’oggi in Roma la nomina direttamente nelle mani di Paul Coyer, al quale a nome dell’intera organizzazione ha voluto rivolgere i migliori auguri di buon lavoro per l’incarico, rinnovando la disponibilità della struttura a fornire ogni tipo di supporto per una rapida e proficua crescita dell’Istituto negli Stati Uniti. L’Avv. Giovannetti ha infine accompagnato il prof. Coyer in una serie d’incontri organizzati dall’Istituto per presentare il nuovo Direttore per gli USA a parlamentari e rappresentanti istituzionali italiani. Infine anche il Presidente del Comitato scientifico dell’Istituto, Francesco Lombardi, ha incontrato in Roma Coyer dandogli personalmente il benvenuto nel prestigioso Comitato da lui presieduto.
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...

Olimpiadi 2026, Cappelletti (M5S): si fermi capriccio pista bob e Salvini-Zaia chiedano scusa

(ASI) Roma. – “È ormai palese che non ci sono i tempi tecnici per realizzare il “budello del ghiaccio” a Cortina per i Giochi olimpici del 2026. Il governo metta fina a questa ...