Congiuntura Confcommercio: scenario complesso e incerto, consumi deboli

 A febbraio Pil -0,4% su dicembre e inflazione al 9,4% su base annua. Aumento prezzi impatta su quantità e qualità dei consumi alimentari (-4,6% a gennaio).

(ASI) Agli sporadici segnali positivi sul versante della produzione si contrappongo le difficoltà delle famiglie a proseguire nel percorso di recupero dei consumi, ancora distanti dai livelli del 2019. A soffrire è soprattutto la domanda di beni, dato sottolineato dal ripiegamento a gennaio della fiducia degli operatori del commercio al dettaglio. Inoltre, il rallentamento delle dinamiche inflazionistiche appare ancora limitato e non contiene granché l’erosione del potere d’acquisto di redditi correnti e ricchezza liquida, solo in parte compensata dall’importante intervento pubblico. Tutto questo alimenta le aspettative di un nuovo piccolo ripiegamento della crescita nei primi mesi dell’anno in corso.

A dicembre, dopo un trimestre in negativo, la produzione industriale ha mostrato un incremento dell’1,6% su novembre. Stando alle opinioni degli imprenditori, le prospettive a breve rimangono comunque incerte, seppure connotate da elementi meno sfavorevoli rispetto ai mesi autunnali. Il mercato del lavoro ha mostrato, a dicembre, un modesto miglioramento con una lieve crescita degli occupati (0,2% su novembre pari a 37mila unità). A gennaio i consumi, espressi nella metrica dell’ICC, hanno registrato un moderato miglioramento nel confronto annuo con il ritorno a valori positivi (+1,0%). Questa stima va letta con molta cautela perché a gennaio del 2022 si registrò la peggiore ondata di Covid-19, in termine di contagi, con la conseguente limitazione di molte attività commerciali e della mobilità.

Al suddetto miglioramento tendenziale ha contribuito esclusivamente la domanda relativa ai servizi, in aumento del 9,0% sullo scorso anno, mente per i beni si conferma la tendenza alla riduzione dei volumi acquistati (-1,3% tendenziale). All’interno di questo aggregato, piccoli segnali di recupero si rilevano per l’abbigliamento e l’automotive. Permangono le difficoltà per l’alimentazione domestica, il settore dei mobili e gli elettrodomestici.

In linea con una situazione che, pur meno negativa rispetto alle attese, presenta molteplici segnali di rallentamento, a febbraio il PIL, secondo le nostre stime, dovrebbe registrare una riduzione dello 0,4% congiunturale e una crescita dello 0,6% nel confronto annuo. Pur in presenza di un rimbalzo nel mese di marzo, il primo trimestre si chiuderebbe con una moderata riduzione, confermando l’ipotesi di una contenuta recessione a cavallo del 2022-2023.

Il processo di rientro dell’inflazione, seppure appare ormai avviato con la discesa, a gennaio, al 10,1% dall’11,6% di dicembre, è ancora caratterizzato da molti elementi di incertezza. Le tensioni ancora presenti nel sistema, sottolineate da un’inflazione di fondo in crescita anche a gennaio, rendono difficile immaginare il ritorno verso dinamiche più in linea con gli obiettivi della politica monetaria prima dell’ultimo trimestre dell’anno. Secondo le nostre stime, nel mese di febbraio i prezzi al consumo dovrebbero registrare un incremento dello 0,3% su gennaio, portando il tasso di variazione tendenziale al 9,4%.

PIL MENSILE

La minor dinamicità dei consumi e le incertezze che gravano sul versante produttivo consolidano le attese di un primo bimestre debolmente negativo. A febbraio 2023, secondo le nostre stime, il PIL è atteso ridursi dello 0,4% in termini congiunturali, con una crescita dello 0,6% sullo stesso mese del 2022 (tab. 1). In presenza di un rimbalzo solo esiguo nel mese di marzo, il primo trimestre si chiuderebbe con una moderata flessione congiunturale, confermando la “recessione tecnica”.

TAB. 1 – Pil mensile

 

Variazioni Congiunturali

Variazioni Tendenziali

I trimestre 2022

0,1

6,4

II trimestre

1,1

5,0

III trimestre

0,5

2,7

IV trimestre

-0,1

1,7

2022

 

3,9

Novembre '22

0,0

1,6

Dicembre

0,0

1,4

Gennaio '23

-0,3

1,9

Feb

-0,4

0,6

Fonte: Istat e previsioni Ufficio Studi Confcommercio

 

ICC (INDICATORE CONSUMI CONFCOMMERCIO)

A gennaio 2023 l’Indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha evidenziato un incremento dell’1,0% sullo stesso mese del 2022 (tab. 2). Il dato è sintesi di un aumento della domanda per i servizi (+9,0%) e di una flessione di quella relativa ai beni (-1,3%). L’andamento dell’ultimo mese è peraltro influenzato dal confronto con un periodo in cui vi fu un’impennata di casi di Covid-19, in presenza di regole ancora stringenti, con una conseguente diminuzione delle attività produttive e della mobilità delle persone.

Nonostante i recuperi, la domanda, calcolata nella metrica dell’ICC, è ancora distante dai livelli pre-pandemia. Nel confronto con gennaio 2019 l’ICC risulta inferiore del 10,7% (tab. 2). Per i servizi il calo è del 21,7%, confermando come il percorso per il ritorno ai livelli pre crisi sia lungo e non si concluderà, in molti casi, prima del 2024.

LE DINAMICHE TENDENZIALI

Anche a gennaio 2023 le componenti più dinamiche della domanda sono state quelle relative alla fruizione di servizi per il tempo libero. Nonostante le positive performance dell’ultimo anno i livelli di consumo permangono distanti da quelli del 2019. Va sottolineato come i servizi siano la grandezza che più ha risentito degli effetti delle diverse ondate pandemiche. Questo fatto induce a leggere con cautela il dato tendenziale dell’ultimo mese, che in molti casi sottintende un rallentamento o una riduzione in termini congiunturali.  

Relativamente ai beni, il dato di gennaio consolida la tendenza generalizzata al ridimensionamento della domanda, fase iniziata nella seconda parte del 2022. Dati positivi si rilevano solo per le autovetture vendute a privati (+10,0%), l’abbigliamento e le calzature (+1,8% tendenziale) e i carburanti (+5,0%). Si conferma in riduzione anche a gennaio la domanda di mobili (-4,0% nel confronto annuo), di elettrodomestici (-2,0% tendenziale) e per gli alimentari (-4,6% su base annua). Per quest’ultimo segmento, ormai da mesi l’elevata inflazione sta costringendo le famiglie a scelte di consumo molto attente limitando le quantità e modificando, in alcuni casi, la qualità. Effetto inflazione che continua a incidere anche sui consumi di energia elettrica (-3,8% su base annua).

 

TAB. 2 – VARIAZIONI TENDENZIALI DELL’ICC IN QUANTITA’ (dati grezzi)

 

Var.% su base annua

Var.% su 2019

 

2021

2022

 

 

 

 

 

2023

2022

 

2023

 

Anno

Anno

I trim

II trim

III trim

IV trim

Dic

Gen

Anno

Dic

Gen

SERVIZI

12,6

15,6

34,9

33,8

4,5

3,7

2,9

9,0

-11,1

-12,2

-21,7

BENI

7,0

0,2

2,5

1,0

-0,3

-2,1

-2,5

-1,3

-1,1

-0,6

-6,4

TOTALE

8,3

4,1

8,9

8,7

1,2

-0,7

-1,3

1,0

-4,2

-3,6

-10,7

Beni e servizi ricreativi

13,0

4,2

13,8

8,6

0,1

-1,9

-1,4

-0,2

-8,7

-10,6

-15,0

- servizi ricreativi

33,1

165,4

7030,0

786,1

99,5

37,9

27,6

71,2

-19,6

-32,3

-36,0

- giochi, giocattoli, art. per sport e campeggio

14,3

3,5

14,2

4,0

1,4

-1,3

1,2

0,5

0,7

2,8

-3,5

Alberghi, pasti e consumazioni fuori casa

19,5

22,1

76,5

52,3

3,8

4,0

2,7

16,5

-14,2

-17,2

-35,0

- alberghi

26,2

36,6

234,2

119,0

7,0

20,2

20,3

24,5

-20,9

-19,4

-23,6

- pubblici esercizi

17,9

18,4

63,4

40,5

2,5

1,6

0,5

15,1

-12,0

-16,8

-36,8

Beni e servizi per la mobilità

9,3

5,4

-1,5

5,7

6,5

10,8

9,2

9,5

-9,7

-5,8

-17,4

- automobili

5,5

-15,6

-25,6

-23,1

-7,8

2,4

7,4

10,0

-23,8

-19,0

-19,8

- carburanti

8,8

16,4

18,5

21,5

12,0

14,6

8,8

5,0

1,2

3,6

-17,7

- trasporti aerei

17,4

105,8

412,8

294,4

56,3

41,3

38,5

75,6

-16,4

-11,6

-12,7

Beni e servizi per la comunicazione

4,7

5,0

5,4

4,7

7,7

2,7

0,2

0,0

14,1

12,6

14,0

- servizi per le comunicazioni

1,4

1,5

0,6

1,2

2,8

1,5

0,1

0,9

-3,3

-0,7

-1,3

Beni e servizi per la cura della persona

6,6

4,9

12,0

5,4

1,8

1,0

-0,8

-5,1

4,9

5,8

6,4

- prodotti farmaceutici e terapeutici

6,0

6,1

15,5

6,4

1,8

0,9

-2,5

-8,0

8,1

10,6

8,2

Abbigliamento e calzature

15,7

4,7

17,9

7,0

2,0

-2,7

-0,1

1,8

-6,7

-2,9

-18,5

Beni e servizi per la casa

8,6

-0,6

3,6

0,9

-1,9

-4,3

-4,8

-2,3

3,6

0,8

1,4

- energia elettrica

4,1

-1,0

2,6

2,0

-1,1

-7,2

-9,1

-3,8

1,6

-0,2

-4,7

- mobili, tessili e arredamento per la casa

18,0

-1,4

7,0

0,5

-4,5

-5,8

-7,4

-4,0

1,7

9,0

-9,2

- elettrodomestici, TV e altri apparecchi

19,0

-0,7

7,5

2,4

-3,4

-5,8

-3,3

-2,0

11,1

-8,6

27,1

Alimentari, bevande e tabacchi

0,4

-3,5

-2,8

-2,1

-3,1

-5,8

-5,7

-4,0

-1,5

-0,8

-2,7

- alimentari e bevande

0,9

-3,9

-3,0

-2,3

-3,5

-6,5

-6,2

-4,6

-0,9

-0,2

-1,7

- tabacchi

-3,5

-0,8

-1,4

-1,0

-0,6

-0,3

-0,6

0,3

-6,4

-5,3

-9,5

Fonte: Istat e previsioni Ufficio Studi Confcommercio

 

 

PREZZI AL CONSUMO: LE TENDENZE A BREVE TERMINE

Sulla base delle dinamiche registrate dalle diverse variabili che concorrono alla formazione dei prezzi al consumo si stima per il mese di febbraio 2023 una variazione dello 0,3% in termini congiunturali e del 9,4% su base annua. Pur avviato, il processo di rientro dell’inflazione non appare privo di incognite. L’inflazione di fondo continua, infatti, a mostrare una progressiva tendenza all’aumento, evidenziando come all’interno del sistema importazione-produzione-distribuzione le tensioni non si siano ancora esaurite. Solo in autunno l’inflazione dovrebbe tornare su valori prossimi a quelli indicati come obiettivo dalla politica monetaria. La persistenza dell’inflazione su valori storicamente elevati consolida le attese di una prima parte dell’anno molto debole sul versante dei consumi.

 

TAB. 3 – STIMA DELLA VARIAZIONE DEI PREZZI AL CONSUMO

 

 

di cui:

     
 

INDICE GENERALE

 Prodotti alimentari e bevande analcoliche

Abitazione, acqua, elettricità e combustibili

Trasporti

Servizi ricettivi e di ristorazione

   

VARIAZIONI CONGIUNTURALI

 

Mar '22

1,0

0,9

0,9

3,9

0,6

Apr

-0,1

1,3

-1,8

-1,4

1,3

Mag

0,8

1,2

1,8

1,2

1,8

Giu

1,2

1,1

1,4

3,5

1,7

Lug

0,4

0,3

-0,3

1,6

0,0

Ago

0,8

0,9

6,1

-1,7

0,7

Set

0,3

1,2

0,5

-2,1

1,6

Ott

3,4

1,9

24,1

-0,4

-0,8

Nov

0,5

0,9

2,4

0,1

-0,8

Dic

0,3

0,3

-1,0

0,1

0,4

Gen. '23 (*)

0,2 (0,6)

1,1 (0,8)

-4,6 (0,6)

0,8 (1,0)

0,7 (0,4)

Feb (**)

0,3

0,9

-1,5

1,0

0,2

   

VARIAZIONI TENDENZIALI

   

Mar '22

6,5

5,8

28,3

11,0

4,7

Apr

6,0

6,4

24,7

9,7

3,6

Mag

6,8

7,4

26,4

10,8

6,0

Giu

8,0

9,0

28,1

13,7

7,2

Lug

7,9

10,0

24,7

13,9

6,4

Ago

8,4

10,5

31,5

10,3

6,5

Set

8,9

11,7

32,1

9,5

8,0

Ott

11,8

13,5

57,0

8,1

7,6

Nov

11,8

13,6

56,6

6,9

7,9

Dic

11,6

13,1

54,5

6,2

8,1

Gen. '23 (*)

10,1 (10,5)

12,8 (12,5)

35,2 (42,6)

7,4 (7,7)

7,2 (6,9)

Feb (**)

9,4

12,7

28,4

6,4

7,7

(*) Il dato ISTAT di gennaio è provvisorio; tra parentesi la stima della precedente Congiuntura

(**) Previsioni

Fonte: Istat e previsioni Ufficio Studi Confcommercio

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...