Tra sogno e realtà: Nautic Sud 2023: Gianni Lepre, “Torna a Napoli la kermesse internazionale della nautica da diporto, volano dell’economia locale. Ne è convinto anche il ministro Urso”

(ASI) Napoli - Torniamo a parlare di nautica da diporto, e la grande tradizione partenopea del settore. Alla Mostra d’Oltremare di Napoli è partita la kermesse del Nautic Sud edizione 2023, che terminerà il prossimo 19 febbraio. Per l’economia locale la filiera nautica è estremamente importante e i numeri supportano questa tesi così come sottolineato da AFINA, l’Associazione della Filiera Italiana della Nautica presieduta da Gennaro Amato.

“Il 2023 è partito all’insegna del riscatto e della valorizzazione del settore mare - esordisce Gianni Lepre, economista e consulente AFINA - e la 49a edizione del Nautic Sud è uno straordinario esempio di quanto Napoli sia la capitale più acclamata del settore diportistico, eccellenza del Made in Italy”. Il prof. Lepre che tra le altre cose è presidente della Commissione reti e Distretti produttivi di ODCEC Napoli ha poi continuato: “E’ purtroppo una realtà il fatto che Napoli continui a sottovalutare e sottostimare il settore nautico, nonostante il sindaco Gaetano Manfredi stia provando a ricucire il rapporto tra la città e il suo mare. L’interessamento dell’amministrazione cittadina alle criticità del settore lasciano ben sperare che prima o poi si colmi anche il capo infrastrutturale dovuto alla carenza di posti barca.

Un fatto è certo, il danno all’economia globale, e non solo di settore, è enorme se consideriamo anche gli indotti”. Il noto economista è andato poi a fondo sull’argomento: “La mancanza di ormeggi sicuri e attrezzati nel golfo più bello del mondo si è trasformato in un vero e proprio handicap, basti pensare che su 10 potenziali barche prodotte, 5 di esse non troveranno ormeggio nei porti turistici cittadini. In questo caso, calcolare i danni è una semplice operazione matematica se consideriamo che  una stagione, che in genere dura sei mesi, costa per un’imbarcazione media tra i 12 e i 15 mila euro. Ma veniamo ai dati, che meglio fotografano quella che è la debacle economica : mancano all’appello circa 600 posti barca, ciò significa in soldoni 300 mln di mancate commesse; 6 mln di mancati incassi per rimessaggio; 8mln il danno per la carenza di ormeggi, con 11 mln di euro di mancati incassi sull’indotto del settore, quindi denari sottratti alla ristorazione, alle strutture ricettive, al commercio al dettaglio, in pratica tutto l’indotto” .

Ma anche sul versante lavoro le cose le ripercussioni sono enormi: “Sono 6mila i posti di lavoro persi per mancate commesse legate ai posti barca; 100 invece i posti derivanti dalla filiera , ed un altro centinaio quelli relativi al personale di bordo, per un totale complessivo di oltre 6300 posti di lavoro bruciati, insieme a 126 mln di mancate retribuzioni. La matematica non è un’opinione, e questi sono numeri importanti per la città, una ferita aperta nell’economia locale che, volente o nolente, ha il mare come centro di gravità”. Lepre ha poi sottolineato: “La Nautica a Napoli è da sempre una leva imprescindibile di sviluppo economico e valorizzazione delle bellezze e dei paesaggi. E’ giunto il momento di portare questa realtà all’attenzione del governo centrale, affinché possa trasformare le idee in progetti cantierabili non solo per superare l’ impasse ma anche e soprattutto per garantire all’economia del mare quella marcia in più”. 

Il presidente Lepre ha poi concluso: “La prima delle marce in più è rappresentata dall’apprezzamento e dalla vicinanza del ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso che in una missiva inviata al presidente di AFINA Gennaro Amato ha tenuto a sottolineare che ‘La nautica rappresenta un settore di punta del nostro Made in Italy,  ancora una volta, ha evidenziato il ministro Urso, Il genius loci italico riesce a concentrare innovazione e tradizione, artigianato e buon gusto in tutte le componenti del settore: meccanica, tecnologia, design, mobile arredo e componentistica’. Il ministro ha poi continuato: ‘Siete un settore composito, ma ciascuno di voi racconta il meglio dell’Italia che il Governo da subito si e impegnato a mantenere e potenziare. In particolare, nella legge di bilancio, oltre al rifinanziamento di misure da sempre gradite alle imprese come i Contratti di sviluppo e la Nuova Sabatini, abbiamo introdotto nuove iniziative a sostegno del Made in Italy’. Il Ministro Urso ha poi concluso: ‘Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy è la casa di chiunque abbia voglia di fare per migliorare la nostra nazione che da sempre punta sul mare come risorsa per crescere’. Con questi presupposti, Napoli e la diportistica possono stare tranquilli per il rilancio di un settore nevralgico che per la sua eccellenza è riuscito a conquistare l’intero Paese”.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...

Olimpiadi 2026, Cappelletti (M5S): si fermi capriccio pista bob e Salvini-Zaia chiedano scusa

(ASI) Roma. – “È ormai palese che non ci sono i tempi tecnici per realizzare il “budello del ghiaccio” a Cortina per i Giochi olimpici del 2026. Il governo metta fina a questa ...