La grande speculazione energetica: Gianni Lepre, “a rischio 120mila imprese e 600mila posti di lavoro”

(ASI) Le grandi manovre speculative su guerra e inflazione che hanno condotto al rincaro esponenziale delle materie prime e la lievitazione oltre misura delle bollette energetiche di famiglie e imprese, stanno pregiudicando la tenuta del Sistema Paese.

L’esecutivo che verrà fuori dalle elezioni del 25 settembre dovrà darsi da fare per scongiurare il default di oltre 100mila imprese, con una potenziale perdita di oltre 600mila posti di lavoro. Sono questi i dati che emergono dallo status quo in momento particolarmente difficile per l’economia del continente europeo. La profonda incertezza sul futuro e la guerra in atto tra Russia e Ucraina nel cuore dell’Europa dell’est, non lascia presagire nulla di buono, e la preoccupazione sulla questione energetica rischia di annullare tutto quello che è stato costruito negli ultimi decenni. “La situazione in Italia è abbastanza critica - ha commentato Gianni Lepre, opinionista economico del TG2 - la speculazione in atto sull’energia, come già detto più volte, non centra nulla con la guerra, ma è una questione di giochi di potere che conducono in Olanda al mercato TTF, che è diventato un vero e proprio mercatino rionale al rialzo”. Lepre ha poi continuato: “Con la scusa della guerra e delle incertezze sullo scacchiere geopolitico, i prezzi dell’energia sono schizzati alle stelle, facendo triplicare le bollette di famiglie e imprese. Questa situazione sta portando nel baratro oltre 120mila piccole imprese che non riescono a far fronte ai costi energetici triplicati. Poi c’è anche la questione famiglie che già prima del 24 febbraio avevano difficoltà sociali, adesso vanno verso l’impoverimento totale”. Il noto economista poi ha analizzato la situazione politica: “Il nuovo esecutivo che uscirà dalle urne dopo il 25 settembre, avrà un capito gravoso, anzi gravosissimo. Mettere una pezza a questa situazione non è affatto semplice, e non basta quanto è stato espresso nel DL Aiuti Ter, le mance una tantum servono a poco rispetto al clima da recessione totale che si paventa”. Lepre, che tra le altre cose è presidente della Commissione Reti e Distretti Produttivi di ODCEC Napoli, ha poi concluso: “Il nuovo governo impieghi da subito le risorse necessarie traendole da quei 200 mld di sprechi della spesa pubblica che supera ogni anno i mille miliardi. Ma poi, diversamente da come si ciancia in questa campagna elettorale, si pensi a rimodulare il Pnrr, che adesso deve calzare uno ‘stivale’ un bel po' diverso da quello che avevamo conosciuto nel periodo della ripresa post pandemia”.

Tags
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Elezioni, Jonghi Lavarini: cresce l'astensionismo. L'elettorato premia la Meloni, crolla la Lega, tiene Forza Italia e il PD va all'opposizione

(ASI) Si sono svolte le elezioni politiche il 25 settembre. Crescono ancora sia l'astensionismo, quindi la sfiducia degli italiani nel sistema, che la volatilità del restante elettorato che, ad ogni elezione, ...

The rose Trilogy – La trilogia delle rose di Maria Tedeschi

(ASI) Castellammare di Stabia (Na) – Dopo il grande successo de La rosa gialla, opera in versione audible, The Rose Trilogy – La Trilogia delle rose, è l’ultima fatica letteraria di ...

Cina, Russia e gli altri. Politica estera rischia ulteriore deriva ma governo dovrà fare conti con realtà

(ASI) Con il trionfo di Fratelli d'Italia e della sua leader Giorgia Meloni alle ultime elezioni politiche italiane, il Belpaese vira decisamente verso destra. Il 26% raccolto dalla formazione di ispirazione ...

Elezioni, gli elettori bocciano il fronte del dissenso diviso. Unito con il 3,85% sarebbe entrato in Parlamento

(ASI) Il fronte del dissenso, che era stato molto unito nelle grandi manifestazioni di piazza durante il periodo della contestazione popolare contro l’obbligo vaccinale e la politica del governo ...

Cuzzupi (UGL): Risultati elettorali, e adesso si lavori per costruire il futuro

(ASI) “Adesso è il momento di costruire il futuro. Questa deve essere la parola d’ordine del Parlamento che scaturirà da questa tornata elettorale. I risultati non lasciano ombra di dubbi: ...

 Mario Adinolfi: Il nostro percorso continua

(ASI) Anche questa è fatta. A chi profetizzava “zero voti” rispondiamo ringraziando le decine di migliaia di italiani che ci hanno scelto tra tutti, nella difficoltà di una presenza a macchia ...

Sanità, De Palma Nursing Up: con i rincari energetici, gli infermieri italiani rischiano di trovarsi coinvolti nel disastro  sociale e di diventare nuovi poveri. 

(ASI) Roma - «Mesi fa, quando ancora le contingenze economico-finanziarie del nostro Paese, seppur gravi, non erano arrivate a toccare lo stato di emergenza attuale, il nostro sindacato fu il ...

Elezioni, Mannello: Astensionismo, primo partito

(ASI) "Ho vinto io, assertore convinto dell’astensionismo" scrivevo già nel 2015, in occasione delle elezioni regionali.  Stamane, con il dato ufficiale del 36% di cittadini italiani che hanno scelto, legittimamente, ...

Politiche, Tavernise (M5S): "Movimento prima forza politica in Calabria anche grazie al lavoro in Regione"

(ASI) Corigigliano Rossano (Cosenza) – "C'è un dato politico chiaro in Calabria: il M5S è la prima forza politica della regione. I seggi all'uninominale contesi nella provincia di Cosenza e ...

Wizz Air abbandona lo scalo aereo di Palermo, intervengono Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl T.A.

(ASI) Aeroporto Falcone Borsellino: le Segreterie Regionali FILT CGIL, FIT CISL,  UILTRASPORTI e UGL Trasporto Aereo, a seguito della notizia della chiusura  da parte di Wizz Air della ...