(ASI)  È uno smacco enorme per la giovane monarchia spagnola il fatto che la stessa sorella dell'attuale re sia stata rinviata a giudizio per un reato infamante come la frode fiscale.

Uno smacco che senza dubbio mina la stessa stabilità dell'istituzione dopo che lo stesso Juan Carlos, il primo re messo sul trono da Francisco Franco aveva dovuto abdicare sempre a causa dello stesso scandalo.
Una monarchia che dovrebbe rappresentare i principi più nobili della nazione e che, data la sua natura costituzionale ha soprattutto, se non esclusivamente tale compito, viene infangata dal comportamento illegale di uno dei suoi membri importanti!
Difficile per ora prevedere le conseguenze di una tale situazione che però non potranno lasciare intatta la credibilità e la stessa opportunità che la Spagna continui ad essere una monarchia.
Certamente, se il giudizio dei tribunali competenti di Palma de Maiorca, dovesse condannare l'infanta Cristina, che rischia sino ad otto anni di carcere, sarebbe difficile per la monarchia sostenere la liceità del suo ruolo e tutti gli scenari si aprirebbero compreso quello di un passaggio alla repubblica..!

Alessandro Mezzano -  Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.