Rifiuti Lombardia ed Emilia Romagna. Conferenza Nazionale su: procedure e criteri di localizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi incluso parco tecnologico.

(ASI) Localizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi: conferenza di interesse nazionale a Bologna con i Presidenti degli Ordini dei Geologi dell'Emilia – Romagna e della Lombardia e  l'Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la radioprotezione.  

Conferenza Nazionale su: procedure e criteri di localizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi incluso parco tecnologico.

Venerdì – 24 Marzo – ore 9 e 30 - conferenza a Bologna con i massimi esperti a confronto - sala Marco Biagi - complesso Baraccano - centro storico di Bologna.

                  

Paride Antolini (Presidente Ordine Geologi Emilia – Romagna) : "E' un tema che interessa tutti, non solo i geologi. Il Deposito Nazionale che verrà progettato servirà per contenere in sicurezza i rifiuti radioattivi prodotti finora in Italia e quelli che verranno prodotti dallo smantellamento delle installazioni nucleari, dalla medicina, industria e ricerca. Il Kazakistan con il 45% è il maggiore produttore di Uranio!".

Interverranno: Maurizio PERNICE, Direttore Generale ISIN (Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la radioprotezione); l'ing. Mario DIONISI, Coordinatore tecnico del servizio rifiuti radioattivi di ISIN; il geologo, Domenico CALCATERRA dell' Università degli Studi di Napoli Federico II, Componente Commissione tecnico-scientifica di supporto all'attività dell'ISIN, il Geologo Vittorio D'ORIANO, Componente Consulta ISIN; il Presidente dell'Ordine dei Geologi della Lombardia Roberto Perotti.

"Saremo a confronto su un tema di interesse per tutti e riguardante la localizzazione, le procedure, i criteri tecnici, in merito al Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi.

Il Deposito Nazionale che verrà progettato servirà per contenere in sicurezza i rifiuti radioattivi prodotti finora in Italia e quelli che verranno prodotti dallo smantellamento delle installazioni nucleari, dalla medicina, industria e ricerca. Come si può facilmente intuire è quanto mai fondamentale l'apporto delle conoscenze geologiche e quindi dei Geologi per individuare un sito idoneo, specialmente per i rifiuti radioattivi ad alta attività.

La localizzazione del Deposito Nazionale per la sicurezza dovrà soddisfare tutta una serie di criteri geologici; fra i criteri di esclusione prettamente geologici (che permettono di scartare le aree che non soddisfano determinati requisiti per la tutela dell'uomo e dell'ambiente) vi sono le zone ad elevato rischio vulcanico, le zone ad elevato rischio sismico, le aree interessate da faglie e le zone interessate da dissesto idrogeologico (frane e alluvioni). Per convalidare o escludere l'idoneità di un sito vanno poi effettuati approfondimenti sulle manifestazioni vulcaniche secondarie, movimenti del suolo legati a fenomeni di subsidenza o sollevamento, fenomeni di erosione accelerata del suolo, la salvaguardia della naturale e locale disponibilità di risorse idriche, la presenza di risorse minerarie e altri di natura non prettamente geologici. Il tema che l'Ordine dei Geologi dell'Emilia-Romagna ha deciso di trattare è sicuramente di primaria importanza, anche in considerazione dell'intenso dibattito fra le forze politiche sull'ipotesi di un ricorso al nucleare per far fronte al bisogno di energia e alla necessità di ridurre le emissioni". Lo ha affermato Paride Antolini, Presidente dell'Ordine dei Geologi dell'Emilia – Romagna, alla vigilia dell'importante conferenza su scala nazionale che si svolgerà a Bologna, Venerdì 24 Marzo.

Il Kazakistan con il 45% è il maggiore produttore di Uranio!

"La materia prima utilizzabile è un elemento che noi geologi conosciamo bene, come  l'Uranio, il cui maggior produttore mondiale, con il 45% è il Kazakistan, l'8% viene dall'Australia, il 12% dalla Namibia, il 10% Canada, il 5% Niger e Russia. La produzione annuale mondiale di uranio è di 53.000 tonnellate, consumato da poco meno di 450 reattori nucleari attivi nel mondo e concentrati in 29 paesi. L'Europa occupa un ruolo di primo piano – ha concluso Paride Antolini -  con 148 reattori attivi in 16 paesi. Questa produzione di energia soddisfa il 10% del fabbisogno mondiale.  In Italia un ritorno al nucleare è pur sempre molto complicato considerando le difficoltà nello smantellare gli impianti chiusi nel 1987 e il sito dove mettere i rifiuti, Deposito Nazionale, non è ancora operativo. L'Ordine dei Geologi dell'Emilia-Romagna organizza a BOLOGNA presso la Sala Prof. Marco Biagi, Baraccano via Santo Stefano 119 P.T., nella giornata di Venerdi 24 marzo, un evento di interesse nazionale con tema: procedure e criteri tecnici di localizzazione del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi incluso parco tecnologico".

E Venerdì conferenza a Bologna con i massimi esperti a confronto. L'evento si svolgerà presso la sala Marco Biagi, nel complesso Baraccano, situato nel centro storico di Bologna.

Interverranno: Maurizio PERNICE, Direttore Generale ISIN (Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la radioprotezione); l'ing. Mario DIONISI, Coordinatore tecnico del servizio rifiuti radioattivi di ISIN; il geologo, Domenico CALCATERRA dell' Università degli Studi di Napoli Federico II, Componente Commissione tecnico-scientifica di supporto all'attività dell'ISIN, il Geologo Vittorio D'ORIANO, Componente Consulta ISIN; il Presidente dell'Ordine dei Geologi della Lombardia Roberto Perotti.

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

L'impresa di fare impresa: al via la Zes unica per il Mezzogiorno. A cura di Maddalena Auriemma

L'impresa di fare impresa: al via la Zes unica per il Mezzogiorno. A cura di Maddalena Auriemma

Europei al giro di boa mentre il mercato scintilla (la riflessione di Sergio Curcio)

Europei al giro di boa mentre il mercato scintilla (la riflessione di Sergio Curcio)

Autonomia, Lorefice (M5S): scelta distruttiva anche per scuola

(ASI) Roma - “In bocca al lupo agli oltre 500.000 giovani da oggi impegnati negli esami di maturità, passaggio che segna l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di crescita ...

Autonomia, De Carlo (FdI): “Risultato possibile solo grazie al Governo Meloni”

(ASI)“L'autonomia differenziata è legge, un risultato possibile solo grazie all'impegno, al lavoro e alla serietà del Governo Meloni. Per anni questo è stato un obbiettivo solo a parole dei governi che ...

Autonomia, Costa (M5S): "Giorno sciagurato per il Paese"

(ASI) Roma - "L'approvazione dell'autonomia differenziata rende questo giorno nefasto per tutto il Paese. Gli effetti si vedranno nei prossimi mesi: scuola, ambiente, sanità, politiche sociali: tutto sarà frammentato e ...

Autonomia, Lazzarini (Lega): grazie a Salvini e a Calderoli, risultato che dedichiamo a nostri militanti

(ASI) Roma  – “Oggi abbiamo scritto una pagina storica per il Paese, il Veneto e tutte le regioni italiane: dopo 40 anni di battaglie politiche della Lega, un referendum tra i ...

Decreto Coesione, Albano (FdI): Zone Logistiche Semplificate anche in Umbria e Marche

(ASI) Roma - “La Commissione Bilancio del Senato ha appena approvato un emendamento al decreto Coesione che prevede la possibilità di istituire le Zone Logistiche Semplificate (ZLS) non solo ...

Autonomia differenziata è legge, Mariolina Castellone: l’Italia non è più una e indivisibile

(ASI) "L’autonomia differenziata è legge. L’Italia non è più una e indivisibile - lo scrive in una nota Facebook la Vice Presidente del Senato Mariolina Castellone - . Si realizza il ...

Commercialisti, Cataldi: “Rendere professione più attrattiva per i giovani”

Venerdì 21 giugno a Brindisi il Convegno regionale Puglia e Basilicata dell’UNGDCEC (ASI) “Dare una visione di medio e lungo termine alla professione di commercialista è fondamentale: è uno sviluppo che passa ...

Il Trattato di cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, non registrato all'Onu?

(ASI) Parigi - La Repubblica Francese oltre al trattato della cessione della Corsica alla Francia da parte di Genova il 15 maggio 1768 (argomento che abbiamo già ampiamente trattato), non avrebbe registrato ...