Autonomia Differenziata, Macchia (ISPE Sanità): "La sanità non sia tra le materie oggetto di maggiori autonomie"

"La revisione del Titolo V ha già fatto abbastanza danni, le differenze vanno sanate, non aggravate. ISPE SANITÀ sostiene con forza la posizione del Ministro Schillaci".

(ASI) Roma – "L'approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del disegno di legge, a firma del Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Roberto Calderoli, desta profonda preoccupazione e l'ipotesi di inserire la Sanità tra le materie oggetto di maggiori autonomie necessita di un'attenta riflessione".

Lo afferma Francesco Macchia, Presidente dell'Istituto per la Promozione dell'Etica in Sanità-ISPE Sanità, ricordando che "la Riforma del Titolo V della Costituzione del 2001 ha già portato a differenze laceranti tra i sistemi sanitari delle diverse Regioni e Province autonome: a testimoniarlo in modo inequivocabile ci sono le disparità negli adempimenti LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e la sempre crescente migrazione sanitaria tra le Regioni".
L'intento dichiarato è quello di innescare una competizione virtuosa tra Regioni. Ma occorre ricordare che se si indice una competizione c'è sempre qualcuno che perde, e questo non è lo spirito del nostro Servizio Sanitario Nazionale (SSN) dove nessuno, invece, dovrebbe essere lasciato indietro. In questo caso a perdere sarebbero i cittadini che vivono in territori più svantaggiati. "Non solo, – prosegue il Presidente ISPE e Vice Presidente dello European Healthcare Fraud and Corruption Network (EHFCN) – se venissero accettate le richieste di alcune Regioni, come la possibilità di gestire fondi integrativi o modificare la governance dell'offerta ospedaliera, ci troveremmo in concreto ad avere 21 Servizi Sanitari Regionali. Comprensibile che le Regioni più ricche lo richiedano, inaccettabile che il Governo possa pensare di concederlo rinunciando a quel SSN che in 35 anni ha portato salute ed equità nel nostro Paese".
Negli ultimi giorni, il Ministro della Salute Orazio Schillaci ha più volte ricordato che la sanità è già competenza regionale e le Regioni si occupano della messa in campo dei fondi erogati dal Ministero. L'auspicio del Ministro è che l'autonomia non impatti in modo negativo e l'intenzione è che il Governo abbia competenze in più per verificare chi fa bene e chi no e intervenga dove ci sono delle chiare mancanze. "ISPE Sanità sostiene la posizione di Schillaci, nella speranza che si continui a lavorare nell'interesse di tutti i cittadini, senza differenze di appartenenza regionale, e della salute dell'intera popolazione", conclude Macchia.

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...