×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Impianti rinnovabili, Confartigianato rilancia l’allarme “esodati” a rischio 200mila operatori del settore in Italia
(ASI) Perugia – Non si placa l’allarme lavoro per coloro che vengono ormai definiti come gli “esodati delle rinnovabili”. Duecentomila addetti in tutta Italia, di cui alcune centinaia anche nella provincia di Perugia, operanti nel settore (fotovoltaico, biomasse, solare termico, pompe di calore e geotermia). La causa è da ricercarsi nel decreto legislativo numero 28 del 2011, in vigore dal primo agosto 2013, rischiano di cessare la propria attività.La norma, infatti, che recepisce una direttiva europea e ha lo scopo di incentivare l’uso delle energie rinnovabili, non riconosce ai responsabili tecnici delle imprese impiantistiche l’abilitazione oggi, invece, riconosciuta dalla legge 37 del 2008. A denunciare il problema è, ancora una volta, Confartigianato Impianti Perugia con il suo responsabile provinciale Giuseppe Mariucci. "Se questa situazione non verrà superata – spiega Mariucci -, 80mila aziende verranno escluse dal mercato, impedendo così loro di svolgere il proprio lavoro. In questo modo si va a ledere il principio stesso di libera concorrenza. Occorre che venga predisposto con urgenza un provvedimento ad hoc. In mancanza di ciò, si determinerebbe una gravissima disparità di trattamento a danno di attività economiche perfettame. Il decreto in questione stabilisce, quale requisito per poter effettuare interventi di installazione nel settore delle rinnovabili, percorsi di qualificazione professionale per i responsabili tecnici delle aziende, siano essi titolari o dipendenti. Ma, mentre per i laureati e i diplomati agli istituti tecnici la legge non prevede obblighi di formazione e per i diplomati di scuola professionale impone un corso di 80 ore, per i numerosi titolari e dipendenti in possesso del solo titolo di studio della scuola dell’obbligo, anche se con un’esperienza di anni di lavoro, il decreto non prevede nessun riconoscimento delle competenze acquisite e nega anche la possibilità di svolgere corsi di aggiornamento professionale.

“Chiediamo - afferma ancora Mariucci – che il decreto legislativo 28/11, una disposizione assurda che nega agli impiantisti il diritto di lavorare e che finisce, così, per creare una nuova categoria di esodati, venga definitivamente cambiato. Soprattutto nell’attuale momento di crisi, una norma come questa si abbatte come una mannaia sulle imprese e sui lavoratori. Tutto il contrario di quanto servirebbe sia per favorire l’occupazione sia per contribuire a sviluppare il settore delle energie rinnovabili”.

Redazione Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Lavoro. Speranzon (FdI): Presentata pdl per favorire staffetta generazionale nelle aziende

(ASI)“Nelle aziende dei servizi ambientali e del trasporto pubblico locale si registra da anni il bisogno di un ricambio generazionale. Ho presentato una proposta di legge al Senato per ...

Pratica di Mare, Gasparri: Berlusconi è stato vero pacifista

(ASI) "Il 28 maggio del 2002, a Pratica di Mare, il Presidente Berlusconi portò il presidente americano George Bush e quello russo Putin a firmare degli accordi tra la federazione russa e ...

Air Dolomiti, Sciopero di 24 ore dei piloti. Uiltrasporti: pronti ad azioni di lotta per tutta stagione estiva se inascoltati

(ASI) Roma - I piloti della compagnia aerea Air Dolomiti, di proprietà del gruppo Lufthansa, continuano con determinazione la loro protesta per ottenere, a oltre 10 anni dalla scadenza, il rinnovo ...

50 anni fa, nel corso di una manifestazione contro il terrorismo in Piazza della Loggia a Brescia, una bomba provocò la morte di 8 persone e ne ferì oltre cento.

(ASI) “Il 28 maggio 1974 costituisce una ferita profonda nella storia del Paese. La ferocia e la violenza dell’ignobile disegno eversivo colpirono vittime innocenti nel tentativo di minare le basi della ...

Giornata Nazionale di Confcommercio “Legalità, Ci Piace!”

Domani, alle ore 10.00, in Confcommercio con Sangalli, Valditara e Molteni. (ASI) Domani 29 maggio, alle ore 10.00 a Roma, nella sede della Confederazione, si svolgerà la Giornata nazionale di Confcommercio “Legalità, ci ...

Napoli grande polo culturale europeo

(ASI) Che Napoli sia la capitale geografica del Mediterraneo è assodato e universalmente riconosciuto, ma che la città di Parthenope possa assumere anche il ruolo di polo culturale europeo è un fatto ...

Cnpr forum, logistica settore strategico per la competitività

(ASI)  “In Italia per poter usufruire di un servizio adeguato di logistica sono necessari due grandi fattori: gli investimenti su strade, ferrovie e porti da un lato; usufruire di ...

MO: Provenzano (PD), Netanyahu si fermi, subito cessate il fuoco 

(ASI) "Ancora orrore dalla Striscia di Gaza. Ieri una strage di civili e bambini a Rafah. Immagini inaccettabili, tanto più a due giorni dalla pronuncia della Corte internazionale di Giustizia.

Presidente Giorgia Meloni e Presidente degli Emirati Arabi Uniti, Mohamed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan: ribaditi gli eccellenti rapporti bilaterali.

Creata joint venture MAESTRAL tra Fincantieri e l’emiratina EDGE Group (ASI) "Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Presidente degli Emirati ...

MO: Laureti (PD), subito cessate il fuoco e riconoscimento stato Palestina 

(ASI) "Nel Sud di Gaza, a Rafah, un raid israeliano contro un campo di persone sfollate. L'ennesima strage di civili, in una comunità piegata, da mesi, dalla violenza militare e ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113