(ASI) “Più la magistratura indaga sulla manutenzione omessa sul ponte Morandi, più le accuse nei confronti di ASPI diventano pesanti. Se con dolo, cioè intenzionalmente, non si son posti i sensori sul ponte, la posizione di Autostrade per l'Italia diventa ben più grave.
Quei sensori, infatti, un anno prima della loro  rottura avevano fornito i dati con cui era stato stilato, nel 2014, il documento in cui fu scritto che il ponte Morandi era a "rischio crollo", unico viadotto in tutta Italia a riportare quella dicitura.
Per gli inquirenti, quel documento dimostrerebbe che la società era a conoscenza dei rischi e che non fece nulla. Una circostanza che potrebbe portare alla contestazione del dolo eventuale e non più a una contestazione colposa.
Forza Governo, forza....” Cosi Nicola Morra presidente commissione Antimafia in un post su facebook 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.