×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Libia, incontro Frattini-Jalil: "L'Italia  al riconoscimento internazionale del CNT"

(ASI) Oggi c'è stato l'atteso incontro alla Farnesina tra il Ministro Franco Frattini ed il Presidente del CNT, Mustafa Abdel Jalil. Il ministro degli esteri italiano ha dichiarato. "L’Italia lavora per un riconoscimento del Consiglio Nazionale Transitorio libico come unico interlocutore della comunità internazionale.

 I ribelli di Bengasi promettono cooperazione in primo luogo a Italia, Francia e Qatar (unici Paesi che li hanno riconosciuti), ad esempio nel contrasto all’immigrazione clandestina, e si impegnano al rispetto dei trattati internazionali, come quello di Amicizia con l’Italia.L’Italia, ha affermato Frattini, intende ''spiegare agli altri paesi europei e del mondo perché anche loro dovranno presto riconoscere il consiglio nazionale transitorio libico da cui nascerà la nuova Libia''. Jalil, ha spiegato Frattini, ha confermato che il Cnt intende passare ''da una Libia in cui si prende il potere seduti su un carro armato a una Libia in cui si prende il potere con le urne. E' quanto ci aspettavamo e che ci fa essere convinti di aver fatto bene ad aver riconosciuti il Cnt'' come unico interlocutore legittimo del popolo libico. Inoltre, ha aggiunto Frattini, il CNT ha garantito che ''tutti i trattati internazionali saranno rispettati, a cominciare dal trattato di amicizia italo libico che potrà continuare ad essere seguito quando le condizioni di sicurezza sul territorio lo permetteranno''. ''Da qui - ha aggiunto - inizierà una fase di ricostruzione, rilancio e sostengono per tutta la Libia''.

Prima però, è necessaria l’uscita di scena di Gheddafi, la cui repressione secondo Jalil avrebbe provocato diecimila morti e oltre cinquantamila feriti. Frattini ha spiegato che una delle opzioni sul tavolo della comunità internazionale è fornire strumenti per l’autodifesa del CNT. Se ne discuterà il 2 maggio a Roma nella terza riunione del Gruppo di Contatto, ha aggiunto Frattini, ricordando che l'Italia è ''favorevole all'invio di strumenti tecnici'', come attrezzature per le intercettazioni, radar o rivelatori notturni. ''La risoluzione numero 1973 dell'Onu non vieta l'aiuto in termini di autodifesa per il popolo libico, ma siccome altri Paesi hanno opinioni diverse, è una questione che dovremo affrontare'', ha sottolineato il Ministro.

Alla riunione di Roma l’Italia chiederà l’attivazione di "strumenti legali internazionali per consentire la vendita dei prodotti petroliferi in Cirenaica a produttori, fornitori e acquirenti internazionali", ha detto Frattini, auspicando che a Roma vengano prese decisioni anche in merito alla possibilità che il Cnt possa disporre di "somme di denaro provenienti dagli assetti congelati del regime che sono di proprietà del popolo libico".

Intanto non si fermerà l’iniziativa italiana sul fronte umanitario. Frattini ha promesso a Jalil "che aumenteremo il numero di feriti gravi da trasportare negli ospedali italiani e contiamo di inviare ulteriori team medici in Libia". Il leader libico ha chiesto che ad essere accolti nelle strutture ospedaliere siano un centinaio di persone, ha riferito il ministro, parlando di "una cifra possibile" e garantendo che "su questo lavoreremo".

''Cooperazione e amicizia saranno offerti in primo luogo a Italia, Francia e Qatar, poi a Gran Bretagna e Usa'' e poi agli altri Paesi ''a seconda del sostegno dato fino ad oggi'', ha affermato Abdul Jalil, aggiungendo che in futuro la Libia coopererà con l'Italia per controllare l'afflusso di immigrati clandestini dai confini libici verso le coste italiane. "Opereremo insieme per chiudere i nostri confini a questi flussi", ha spiegato, sottolineando che in Libia "il 40% dei delitti sono commessi da africani sfollati provenienti dal sud allo scopo di approdare in Europa". ''Non accetteremo queste persone in futuro'', anche perché - ha spiegato Jalil - ''forse ne soffriamo più di voi perché abbiamo più difficoltà economiche a ricevere gli immigrati''.

Il CNT, inoltre, “conta molto sul ruolo dell’Italia e su una sua partecipazione allargata'' specialmente per quanto riguarda ''la protezione dei civili libici'', ha dichiarato Ali al Isawi, responsabile della politica estera del CNT, aggiungendo che ''i raid della Nato non sono sufficienti'' e auspicando che durante la riunione del gruppo di contatto a Roma vi sia una ''soluzione per fornire quanto serve al nostro popolo per proteggere i civili e ottenere la libertà''.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Cospito. Malan (FdI): titolo del Domani è istigazione alla violenza contro premier Meloni

(ASI) “Gravissimo il titolo sbattuto in prima pagina dal quotidiano Domani di oggi. Scrivere “il presidente Meloni è pronta a lasciar morire in carcere Cospito” non soltanto è palesemente falso, ma è anche ...

Cina. Effetto riaperture: indici PMI in risalita dopo la fine della politica zero-Covid

(ASI) Quando il governo cinese, tra novembre e dicembre, aveva annunciato la graduale rimozione della stringente politica zero-Covid, il nuovo trend sembrava ormai chiaro. In Occidente, non pochi osservatori e ...

Dati Istat. Paolo Capone, Leader UGL: “Riformare politiche del lavoro per rilanciare occupazione”

(ASI) “I dati Istat relativi al mese di dicembre 2022 evidenziano una crescita dell’occupazione che si attesta al 60,5% per effetto dell'aumento dei dipendenti permanenti e degli autonomi (+34 mila). Un ...

Pil, Fenu (M5S): USA e UE puntano su crediti imposta, governo va indietro

(ASI) Roma - “Basterebbe un minimo di analisi comparata per capire quanto sia importante, per la crescita degli investimenti e del Paese in generale, il meccanismo economico dei crediti ...

Sanremo: Casini, controllo RAI su parole Zelensky notizia ridicola e deprimente

(ASI) Roma – “Che sia affidato alla burocrazia della Rai il controllo di ciò che Zelensky dirà a Sanremo è una notizia che non so se sia più ridicola o deprimente”.

Resto al Sud, l’autoimpresa su misura per i giovani. Riflessioni e proposte del giuslavorista Severino Nappi

Resto al Sud, l’autoimpresa su misura per i giovani. Riflessioni e proposte del giuslavorista Severino Nappi

VITA, nasce la rete territoriale della comunità sociale e politica. Il progetto VITA diventa realtà.

(ASI) Sara Cunial “VITA vuole dare al nostro Paese la forza e la consapevolezza per contrastare la politica al servizio di interessi extra nazionali e forze neoliberiste, incentrata sulla paura ...

Cospito. Speranzon (FDI): Quotidiano “Domani” Chieda scusa per titolo contro Meloni

(ASI) Manifestazioni violente, lettere minatorie, sabotaggi, episodi vandalici. Il clima sociale in queste ore è incandescente, di tutto c’è bisogno tranne che di qualche giornale che si metta a soffiare sul ...

Qatargate, Pignedoli (M5S): revoca immunità atto dovuto

(ASI) “La revoca dell’immunità a Andrea Cozzolino e Marc Tarabella, coinvolti nello scandalo corruzione che ha colpito il Parlamento europeo, è un atto dovuto nell’interesse sia dei due europarlamentari, ...

Cisl Fp sottoscrive la lettera-appello “Analisi e Criticità aggiornamento LG 21 per i Disturbi dello Spettro autistico in Età Evolutiva pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità nel Novembre 2022”

(ASI) Chiedendo che si investa con più forza nel sistema di supporto e intervento per le persone affette da disturbi dello spettro autistico e i loro familiari, potenziando la rete ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113