×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Italia: un paese con un debito pubblico elevato

(ASI) La maggior parte degli italiani, questi tempi, si chiederà perché il debito pubblico italiano sia cosi alto. La risposta non è cosi ovvia e scostata e si presta ad una serie di complicazioni per tutti i soggetti, anche per quelli che si definiscono “economisti”.

In generale la dinamica del peso del debito riflette essenzialmente il fabbisogno finanziario delle amministrazioni pubbliche e l’andamento dell’economia.

Procediamo per gradi. L’Italia è sempre stata ed è un paese con un debito pubblico elevato. Gli anni in cui il debito è stato superiore al prodotto interno non sono casi isolati. Secondo un recente studio della Banca d’Italia su 147 anni osservati, dal 1861 al 2008, l’incidenza del debito delle Amministrazioni pubbliche è stato superiore al PIL, superando il rapporto del 100%.

L’unico periodo positivo in termini di livello di debito fu registrato nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, caratterizzato dal miracolo economico e da un peso del debito in media ben al di sotto del 35 per cento.

In una prima fase, a partire dalla fine degli anni ’60, l'aumento è stato determinato dalla componente "primaria“, ossia la differenza tra entrate ed uscite delle amministrazioni pubbliche al netto pagamento degli interessi: nel 1975 il disavanzo primario tocca il livello record (8,1 per cento). A questo punto, il debito accumulato è già diventato significativo e il suo servizio richiede una crescente spesa per gli interessi.

All’incremento della spesa pubblica per il consolidamento dello Stato Sociale effettuato negli anni ’60, non ha seguito un aumento delle entrate pubbliche, che si è avuto solo con la riforma tributaria del 1974. Tale condizione ha permesso l’istaurarsi di un circolo vizioso tra finanziamento del debito tramite nuova emissione di onere.

Negli anni ’80 l’onere, nonostante il grave disavanzo primario accumulato negli anni precedenti sia stato dimezzato, cresce sempre più rapidamente spinto dalla spesa per gli interessi.

Negli anni ’90 si è cercato di risanare l’economia pubblica. La differenza tra debito e prodotto complessivo è diminuito grazie all’entrata nell’Unione Europea che ha ridotto la spesa per gli interessi. Pur attestandosi ancora su alti valori, il rapporto debito/PIL diminuì più rapidamente, passando dal 121.8 per cento del 1994 al 113.7 per cento del 1999.

La cause dell’attuale crisi del debito italiano, oltre ad essere influenzate dal percorso storico appena descritto, risiedono nella tecnica utilizzata dagli anni 2000 in poi per ridurre il rapporto debito/PIL. L’avanzo primario è sceso dal 6.7 per cento del 1999 al 0.2 per cento del 2005. L’anomalia principale è stata la riduzione nel settennio 2000-2007 del debito pubblico aumentando le spesa e riducendo le entrate. Con tale meccanismo si espone la solidità patrimoniale di uno stato alle oscillazioni improvvise di un possibile ribasso del PIL e in un possibile rialzo del livelli di interesse da pagare sul debito, cosa che è prontamente successa con la crisi iniziata nel 2007/2008.

 

Alessandro Bulletti – Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...

Veneto, Tabarelli (UGL Salute): "Su Arpa Veneto basta giochetti, si trovino soluzioni per il bene dei lavoratori"

(ASI) "Fondi contrattuali, pronta disponibilità, applicazione contrattuale fantasiosa, programma di formazione senza ECM, sono situazioni che hanno messo a dura prova i lavoratori di ARPA Veneto.        &...

Maltempo: Coldiretti, è allarme gelate per ortaggi e frutta. Il freddo arriva dopo un inizio 2024 più caldo di sempre con +2,04 gradi

(ASI) Con il crollo delle temperature è allarme gelate nelle campagne italiane, dove lo sbalzo termico rischia di causare gravi danni agli alberi da frutto, in primis ciliegie, albicocche e pesche, ...

M5S: da Meloni bugie e omissioni su AGI, par condicio e carcere a giornalisti

(ASI) Roma - “Parlando della situazione della libertà di stampa in Italia, Giorgia Meloni ha inanellato una serie di falsità e di omissioni che non sono degni di un presidente ...

Rischio idrogeologico: Mazzetti (FI), "Gettiamo le basi per nuova strategia di contrasto"

Lunedì 22 aprile convegno dell'Intergruppo "Progetto Italia" al Palazzo delle Professioni a Prato (ASI) Prato  – C'è un prima e un dopo l'alluvione di novembre: adesso è il momento di una ...

 Elezioni in Basilicata, UNCEM: costruire legami tra territori e sostenere i comuni insieme. la montagna è strategica per affrontare crisi demografica e climatica

(ASI)"La Basilicata che va al voto e che sceglie il Presidente e il Consiglio regionale deve avere una attenzione specifica per montagna e piccoli Comuni. Deve cambiare verso nell'investire ...

Europa League. Roma Milan 2-1. Le parole dei due allenatori De Rossi e Pioli

(ASI) Un match di straordinaria intensità ed importanza ha promosso in semifinale la Roma, che ora spera di riprendersi ciò che le è stato sottratto lo scorso anno. A questo però ...

Pd: Domani a Catania terzo incontro 'Impresa Domani' su Innovazione

(ASI) Domani, sabato 20 aprile, a Catania presso Isola Catania (Piazza Cardinale Pappalardo, 23), si terrà "Innovazione, Tecnologie, Intelligenze", terzo appuntamento del ciclo di incontri "Impresa Domani", che il Pd dedica alle ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113