Giunto a Perugia il Treno del Milite Ignoto. Così l’Italia ricorda i propri figli caduti durante la Prima Guerra Mondiale.

(ASI) Perugia. È giunto oggi a Perugia il treno del Milite Ignoto. Il convoglio rievocativo, frutto della collaborazione tra il gruppo Ferrovie dello Stato e lo Stato Maggiore delle Forze armate ha fatto tappa in Umbria durante il suo percorso di avvicinamento alla capitale.

Durante la solenne cerimonia tenutasi nel corso della mattinata odierna alla stazione di Fontivegge sono intervenuti svariati alti ufficiali del comando regionale dell’arma dei Carabinieri e del Capo di Stato di Maggiore delle forze armate, oltre a rappresentanti ufficiali della Marina, dell’Aeronautica, dell’Esercito, della Guardia di Finanza e della Polizia. In rappresentanza delle istituzioni locali erano presenti la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, la Presidente della Provincia di Perugia (e sindaco di Assisi) Stefania Proietti e l’assessore Luca Merli in rappresentanza del comune di Perugia. Molte erano inoltre le scolaresche del territorio presenti in uscita didattica formativa. Il tutto è stato impreziosito da carabinieri in alta uniforme e dalla presenza della fanfara dell’arma.

Il treno del Milite Ignoto ha celebrato quest’anno i 101 anni. Da oltre un secolo infatti l’Italia ricorda la traslazione della salma di uno dei tanti suoi figli caduti durante la Prima Guerra Mondiale. In particolare vengono ricordati coloro i cui corpi non vennero mai riconosciuti o ritrovati. Il Milite Ignoto rappresentò tutti gli italiani, caduti o feriti, durante questa drammatica pagina della storia mondiale che vide l’allora Regno d’Italia vincere uno dei conflitti più sanguinosi della storia. La bara contenente le spoglie mortali del Milite Ignoto venne posta su un affusto di cannone e onorata dal tricolore d’Italia. Il viaggio della salma ebbe luogo il 29 ottobre del 1921. Partito da Aquilea e diretto a Roma, il treno attraversò le principali città d’Italia. La velocità di crociera venne ridotta al minimo, e il normale traffico ferroviario sospeso, per consentire al popolo di rendere omaggio ai propri caduti per la vittoria e la pace. Sempre in tale occasione venne imposto il più assoluto silenzio. Furono infatti espressamente vietati, dall’allora Ministero della Guerra, ogni tipo di discorso pubblico o di manifestazione di indirizzo politico o propagandistico. Venne disposto che potesse essere suonata solo la Canzone del Piave, e comunque non più di una sola volta ad ogni sosta in stazione. La composizione del treno originale prevedeva 15 carri per raccogliere le numerose ghirlande e corone di fiori. Erano presenti anche delle carrozze passeggeri dedicate alla scorta d’onore e al trasporto della rappresentanza politica di senatori e deputati, ma anche di madri e vedove di guerra, così come dei rappresentanti dei mutilati di guerra ed ex combattenti.
Il 2 novembre del 1921 il treno giunse a Roma. Da allora la salma del Milite Ignoto riposa ai piedi della statua della Dea Roma all’altare della patria presso il Vittoriano, onorata giorno e notte da un picchetto d’onore delle forze armate.
“Oggi ricordiamo quei giovani che oltre 100 anni fa andarono in guerra affinché finalmente si potesse giungere alla pace, dando la loro vita per quella che oggi è la nostra democrazia e quelle che sono oggi le nostre libertà” – ha dichiarato la presidente Proietti.
Da allora la salma del Milite Ignoto riposa ai piedi della statua della Dea Roma all’altare della patria presso il Vittoriano, onorata giorno e notte da un picchetto d’onore delle forze armate.
Il treno del Milite Ignoto offrirà la possibilità di rivivere gli eventi che coinvolsero il treno originale grazie ad una mostra allestita a bordo, che sarà visitabile gratuitamente fino alle ore 18 di oggi. Il treno rievocativo sarà in sosta presso la stazione di Perugia Fontivegge fino alla mezzanotte circa. Dopodiché partirà alla volta dell’Aquila toccando Assisi alle 00:45 e Foligno alle 01:18, ove è prevista una sosta di venti minuti. A Terni giungerà attorno alle ore 2 di notte per poi essere instradato lungo la Terni – Rieti – L’Aquila dove è previsto all’alba l’arrivo nella città abruzzese. Dopodiché si proseguirà verso Foggia, Bari, La Calabria Ionica, la Siciliia e la Sardegna. L’ultima tappa sarà infine a Roma, il 4 novembre, in concomitanza con la festa delle forze armate che celebra l’armistizio che concluse la Prima Guerra Mondiale.

Cenusa Alexandru Rares – Agenzia Stampa Italia

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Autonomia, Lorefice (M5S): scelta distruttiva anche per scuola

(ASI) Roma - “In bocca al lupo agli oltre 500.000 giovani da oggi impegnati negli esami di maturità, passaggio che segna l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di crescita ...

Autonomia, De Carlo (FdI): “Risultato possibile solo grazie al Governo Meloni”

(ASI)“L'autonomia differenziata è legge, un risultato possibile solo grazie all'impegno, al lavoro e alla serietà del Governo Meloni. Per anni questo è stato un obbiettivo solo a parole dei governi che ...

Autonomia, Costa (M5S): "Giorno sciagurato per il Paese"

(ASI) Roma - "L'approvazione dell'autonomia differenziata rende questo giorno nefasto per tutto il Paese. Gli effetti si vedranno nei prossimi mesi: scuola, ambiente, sanità, politiche sociali: tutto sarà frammentato e ...

Autonomia, Lazzarini (Lega): grazie a Salvini e a Calderoli, risultato che dedichiamo a nostri militanti

(ASI) Roma  – “Oggi abbiamo scritto una pagina storica per il Paese, il Veneto e tutte le regioni italiane: dopo 40 anni di battaglie politiche della Lega, un referendum tra i ...

Decreto Coesione, Albano (FdI): Zone Logistiche Semplificate anche in Umbria e Marche

(ASI) Roma - “La Commissione Bilancio del Senato ha appena approvato un emendamento al decreto Coesione che prevede la possibilità di istituire le Zone Logistiche Semplificate (ZLS) non solo ...

Autonomia differenziata è legge, Mariolina Castellone: l’Italia non è più una e indivisibile

(ASI) "L’autonomia differenziata è legge. L’Italia non è più una e indivisibile - lo scrive in una nota Facebook la Vice Presidente del Senato Mariolina Castellone - . Si realizza il ...

Commercialisti, Cataldi: “Rendere professione più attrattiva per i giovani”

Venerdì 21 giugno a Brindisi il Convegno regionale Puglia e Basilicata dell’UNGDCEC (ASI) “Dare una visione di medio e lungo termine alla professione di commercialista è fondamentale: è uno sviluppo che passa ...

Il Trattato di cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, non registrato all'Onu?

(ASI) Parigi - La Repubblica Francese oltre al trattato della cessione della Corsica alla Francia da parte di Genova il 15 maggio 1768 (argomento che abbiamo già ampiamente trattato), non avrebbe registrato ...

L’On. Renata Bueno commenta le Elezioni Europee

(ASI) Onorevole Bueno, come considera il risultato delle recenti elezioni europee, dove le forze conservatrici hanno prevalso? "Il risultato delle elezioni europee evidenzia una forte domanda di sicurezza e ...

Lavoro: Laureti (PD): a Latina barbarie che merita risposta immediata

(ASI) "Un grave incidente sul lavoro trasformato in una barbarie: un uomo di nazionalità indiana ha perso un braccio mentre lavorava presso un'azienda agricola in provincia di Latina, nei pressi ...