Le pagelle della Juve

Buffon: 9

Dopo un avvio un po’ incerto, il portierone si conferma il numero 1 con incredibili parate. Decisivo il rigore parato contro il Genoa.

 

Storari: 8

Come vice è una sicurezza. Farebbe gola a molte squadre, ma ha scelto di vivere all’ombra di Buffon, ma all’occasione c’è sempre.

Rubinho: SV

Solo una comparsa all’ultima di campionato. Non si può giudicare, ma con Buffon e Storari c’è poco da fare.

Barzagli: 8

Stagione meno fortunata delle altre per gli infortuni, sempre impeccabili, un totem nonostante i 33 anni.

Bonucci: 8

C’è sempre qualche sbavatura, ma rispetto al primo scudetto sono ridotte al minimo. Diversi goal importanti come quello a Lione.

Chiellini: 9

Un guerriero. L’unica cosa evitabile sono i 3 turni di squalifica dopo la gomitata a Pjianic. Non molla mai ed è un muro.

Ogbonna: 6

Voto generoso. Non ha convinto, tantissimi errori. Ricorda il Bonucci del primo anno, speriamo che maturi e che prenda più fiducia.

Caceres: 8

Una rivelazione. La panchina gli va stretta, al momento di sostituire Barzagli è stato incredibile. In crescita.

Lichsteiner 8

E’ il motore della fascia destra. Quando non c’è, si sente la sua mancanza. Prezioso negli assist e all’occorrenza segna pure. E’ uno dei senatori di Conte per quanto si pizzichi spesso con lui.

Isla 6

Un pochino meglio dell’anno scorso. Qualche bella partita l’ha fatta, ma non è l’Isla dell’Udienese pagato 19 milioni. Non dà garanzie.

Padoin: 7

Il suo lo fa sempre, con tanto di un goal decisivo contro l’Atalanta per tre punti che fanno parte del record. Non è un top, ma un buon gregario.

Asamoah: 8

Nella seconda parte del campionato si è rivisto il bulldozer della scorsa stagione prima della Coppa d’Africa. Infaticabile e talvolta devastante. Una bella conferma.

Peluso: 6

Sulla fase difensiva da rivedere, quando sostituisce Asamoah non è alla sua altezza. Si impegna, fa il suo, ma gli manca qualcosa.

Pepe: SV

Sfortunato per due anni. Ma un grandissimo tifoso e uomo spogliatoio. Diciamo che si può definire come un aiuto del regista Conte.

Pirlo: 10

E’ un fenomeno. Punizioni capolavoro, sempre determinante. L’unica pecca è l’età anagrafica, ma se la Juve ha vinto il terzo scudetto, gran parte del merito è suo. Bisognerebbe clonarlo.

Marchisio: 8

Parte in sordina, schiacciato dal talnto Pogba. Poi però con la stagione cresce e sostituisce i vari infortunati di turno e torna a essere un leader. Si era perso, ma poi si è ritrovato.

Pogba: 9

Un talento diventato oggetto di desiderio di mezza Europa. Segna, cambia le partite, è imponente. A 20 anni è diventato titolare, giocando più di tutti e scalzando Marchisio in persona. Non si sa se resterà, ma al mondo come lui ce ne sono pochi e può ancora migliorare molto.

Vidal: 9

E’ il guerriero. Quest’anno come capocannoniere si è dovuto arrendere a Tevez, ma ricordiamo che è un centrocampista. Lotta sempre, peccato solo che nel finale di stagione gli infortuni lo abbiano condizionato. Non c’è Juve senza Vidal.

Tevez: 10

Si è presa la maglia di Del Piero con qualche perplessità e ha fatto benissimo. Ha superato la doppia cifra, uomo leader, goal splendidi e decisivi. L’apache è tornato. Si è alla fine sbloccato in Europa. Ha stupito tutti, per quanto si sapeva fosse un campione. Si riparte da lui.

Llorente: 9

Oggetto misterioso inizialmente, poi al Santiago  Bernabeu arriva il primo goal e lì cambia la stagione. Secondo in reti solo a Tevez, un ingranaggio vincente nei meccanismi di Conte. Una spalla perfetta per Tevez. E pensare che è arrivato a parametro zero.

Giovinco: 7

Non ha giocato come l’anno scorso, ma nella parte finale della stagione ha apportato una grande mano. Importanti i goal al Milan e all’Udinese. Conte lo apprezza e lo considera, nonostante una parte del tifo non lo abbia ancora accettato.

Osvaldo: 6

Non ha convinto. Due goal in Europa, poi il nulla fino al goal contro la Roma al 94’. Ci si aspettava di più. Il riscatto a 20 milioni sembra un’utopia.

Quagliarella. 6

Non si capisce. Ha giocato pochissimo, ma ha fatto delle belle prestazione. Ha pagato il fatto di non essere voluto andare alla Lazio. Con Conte non si sono mai amati e ciò inficia nelle  sue qualità.

Vucinic: 6

Sufficienza politica. Due goal che non contanto contro Lazio e Roma. Tanti infortuni. Ormai ceduto all’Inter è dovuto tornare, ma è come se non fosse tornato. Lo si ringrazia per aver dato un fondamentale contributo nei due scudetti precedenti, ma quest’anno è stato solo una triste comparsa. Peccato.

Conte: 10

Che dire di un allenatore che vince tre scudetti di fila, facendo il record europeo? Che è un grande! Certo manca qual cosina nelle gare secche in Europa (Vedi Galatasaray e Benfica), ma questa Juve non è ancora da vertici europei. Se vuole andare, lo si capisce, ma se rimane, può diventare il Ferguson italiano e fare la storia. Ricordiamo a mister Conte che il maestro Lippi ha vinto la Champion, lui no. Perché non provare a imitarlo e superarlo?

 

Daniele Corvi - Agenzia Stampa Italia

 

 

Ultimi articoli

Putin parteciperà alla cerimonia di apertura del Forum dell'Esercito 2022 del 15 agosto

(ASI) Il 15 agosto, il presidente russo Vladimir Putin parteciperà alla cerimonia di apertura del forum internazionale Esercito-2022 e degli International Army Games (Giochi Internazionali dell'Esercito n.d.r.), secondo quanto ...

Maltempo: in arrivo piogge e temporali al Centro-Nord. Allerta gialla in 5 Regioni: Liguria, Toscana, Umbria, Marche e Lazio.

(ASI) Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ...

Solidarietà, Festa dell'Assunta: Bambino Gesù del Cairo e Parrocchia Santa Domitilla ospitano 60 giovani ucraini

(ASI) Latina - La Parrocchia Santa Domitilla di Latina insieme all'Associazione Bambino Gesù del Cairo Onlus, il cui Presidente è Monsignor Gaid Yoannis Lazhi, già Segretario personale di Sua Santità Papa ...

Elezioni. Jacopo Coghe (Pro Vita & Famiglia): PD a trazione radicale con matrimonio gay, Ddl Zan e aborto

(ASI) Roma - «Per il Partito Democratico tra le priorità del nuovo Parlamento ci saranno il matrimonio gay e il Ddl Zan, per la prima volta inseriti in un ...

Genova: Il Ministro Giovannini, in rappresentanza del Governo, partecipa alla commemorazione per le vittime del crollo del Ponte Morandi. 

(ASI) Roma – Il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, in rappresentanza del Governo, ha partecipato a Genova alla cerimonia commemorativa per le vittime del crollo del Ponte ...

Lucca, Nuovi orizzonti per l'Italia sollecita intervento Asl nordovest per rendere operativo nel territorio il servizio della continuità assistenziale

(ASI) Lucca - "Nuovi orizzonti  per l'Italia  sezione di  Lucca: La continuità assistenziale ex guardia medica è  un servizio assente nel nostro territorio, non rispondono.

Ponte Morandi, Teresa Bellanova: tragedia che non doveva accadere. Qualità, efficienza e sicurezza delle infrastrutture non sono negoziabili

(ASI) "14 agosto 2018, il crollo del Ponte Morandi, uno schianto nel cuore dell'Italia, una tragedia che non doveva accadere.Accanto ai familiari delle vittime, a chi è stato colpito negli affetti e ...

Vecchione: addio Piero Angela, maestro di gentilezza e di cultura

(ASI) Ricorderò sempre Piero Angela per la sua gentilezza e per la sua cultura che donava a tutti.. RIP ❤

Lanzi e Croatti (M5S): "Elezioni, M5S garanzia su impegni presi con cittadini"

(ASI) "Ieri è stato pubblicato il programma del MoVimento 5 Stelle. Dal taglio dell'IRAP e del cuneo fiscale per imprese e lavoratori al salario minimo orario, contrasto del precariato e parità salariale, ...

Elezioni. Rauti (FdI): da sinistra soltanto antagonismo e niente idee. Impegno FdI per sostegno a famiglie e natalità e su Recovery Plan rispetto impegni ma revisione

(ASI) "La sinistra dall'inizio di questa campagna elettorale sta facendo una sorta di 'terrorismo politico' sulla vittoria del centrodestra e vorrebbe spaventare l'Europa ed i mercati. Invece, fin dall’inizio ...