Università, Foad Aodi (Amsi): «No all'abolizione totale del numero chiuso alle facoltà di medicina, urge specializzare tutti i medici laureati»

AMSI e Uniti per Unire: È in aumento la percentuale dell'abbandono dopo il primo anno (il 25%) e sono in calo le immatricolazioni alle lauree scientifiche (- 30%) nel Mondo. Occorre formare i professionisti sanitari del futuro sin dalle superiori con percorsi specializzati.

(ASI) Roma - «Nell'ottica di una indispensabile crescita della professione medica in Italia, noi di Amsi, Associazione Medici di Origine Straniera in Italia, e del Movimento internazionale transculturale interprofessionale Uniti per Unire, vediamo positiva e costruttiva la proposta del Governo e del Ministro Bernini di rendere più trasparenti gli esami di ammissione per l'accesso a Medicina, e abbiamo inoltre la nostra personale ricetta, con una serie di soluzioni che intendiamo a breve proporre all'esecutivo.

Occorre certo agevolare i test di ammissione ma anche creare un percorso idoneo che possa consentire ai nostri migliori studenti, con i voti più alti alle superiori, di diventare consapevoli e convinti di voler intraprendere il percorso di medicina o altre facoltà similari.

Solo così non perderemo i potenziali professionisti sanitari migliori del futuro e li metteremo nella condizione di esprimere al meglio le proprie potenzialità.

Considerati i costi elevati sostenuti dallo Stato per la formazione di uno studente che diventerà un giovane medico, dobbiamo cercare un solido equilibrio che ci consenta di sopperire alla carenza di personale, ma anche di non creare l'effetto opposto, ovvero avere un surplus di medici, che si ritroverebbero senza uno sbocco professionale e che fuggirebbero di conseguenza all'estero.

Allo stesso modo occorre combattere il rischio di abbandono nel primo o nel secondo anno del percorso universitario.

Le nostre indagini, attraverso i nostri esperti in 120 paesi nel mondo, ci indicano che è in aumento, infatti, la percentuale mondiale dell'abbandono dopo il primo anno (il 25%) e sono in calo le immatricolazioni alle lauree scientifiche (- 30%). 

Non dimentichiamo il vistoso calo del 50% degli studenti stranieri che arrivano in Italia.

Si prediligono le facoltà letterarie, quelle legate all'arte, al turismo, alla gastronomia, alla tecnologia, laddove gli studenti pensano di trovare maggiori sbocchi lavorativi.

Le fughe all'estero, le dimissioni volontarie, i salari poco dignitosi, dimostrano la palese perdita di appeal da parte dei giovani verso le professioni sanitarie. 

Occorrono percorsi di accesso alla laurea trasparenti, occorre formare i professionisti sanitari del futuro sin dalle superiori con percorsi specializzati.

Per questa ragione noi di Amsi pensiamo che alla base potrebbe essere possibile addirittura una riforma scolastica finalizzata a supportare il rilancio della nostra sanità, aumentando di un anno o addirittura due le scuole medie, per avviare percorsi specialistici con materie quali biologia, fisica, chimica e altri percorsi scientifici, diminuendo le superiori ad una durata di 3 anni (un esperimento che già funziona in alcuni paesi), sempre ampliando la parte scientifica, per consentire agli studenti una formazione adeguata a superare i test di ammissione a medicina e alle altre facoltà legate alle professioni sanitarie, ripetiamo privilegiando sempre chi ha i voti più alti e magari, dal punto di vista familiare, non ha la possibilità di sostenere un percorso di studi anche se pubblico.

Allo stesso modo dobbiamo aprire maggiormente le porte delle nostre università agli studenti di origine straniera, agevolando il loro percorso di studi, dal momento che anche loro possono essere la risorsa del domani. Ad esempio non eccedere nelle domande sulla cultura italiana e sulla storia della sanità italiana potrebbe essere una soluzione per chi, ad esempio, è in Italia da pochi mesi.

Eliminare i test di ammissione a medicina potrebbe voler dire finire con il creare squilibrio con quello che è il fabbisogno reale di professionisti specializzati  per i prossimi 10 anni, creando lo ripetiamo un problema di sovraffollamento che non sarebbe facile da gestire.

Sei anni di laurea e quattro anni di specializzazione sono un percorso impegnativo, non dimentichiamolo, e occorre formare e sostenere chi dimostra davvero dalle medie e dalle superiori la giusta predisposizione, coltivando e facendo maturare l'interesse di chi lo possiede davvero.

Eliminare i testi di ammissione di medicina potrebbe voler dire avere studenti che apprendono la professione sui libri ma non hanno poi accesso, tutti, a tirocini, altrettanto fondamentali.

Non dimentichiamo che il Governo e il Ministero della Salute devono incentivare quelle specializzazioni dove oggi abbiamo maggiori carenze, come pronto soccorso, chirurgia generale, ortopedia, chirurgia plastica, neonatologia, ginecologia, pediatria, fisiatria, geriatria e pneumologia.

Noi di Amsi negli ultimi 5 anni abbiamo avuto 8mila richieste di professionisti specializzati da parte delle Regioni.

Parlo anche sulla base della mia esperienza da anni come  docente universitario.

Gli studenti che oggi cominciano a frequentare le nostre facoltà relative alle professioni sanitarie hanno il diritto di vivere la realtà di una sanità dove, un domani, saranno abbattuti fenomeni drammatici come le violenze nelle corsie e la medicina difensiva.

Devono poter trovare terreno fertile per coltivare le proprie ambizioni, diventare medici o infermieri sereni, appagati, economicamente e contrattualmente.

Professionisti sereni e felici, italiani e stranieri di origine italiana, non fuggiranno all'estero e, con la giusta specializzazione, saranno in grado di elevare la qualità della tutela della salute, non dimenticando che il primo obiettivo resta sempre il malato, il paziente, il soggetto più fragile».

Così il Prof. Foad Aodi, Presidente di Amsi e del Movimento Uniti per Unire , nonché Docente di Tor Vergata e membro del Registro Esperti della Fnomceo.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

L’eroe irredento della Brigata Sassari: Guido Brunner

(ASI) – Padova. Il nuovo libro di Stefania Di Pasquale, fresco di stampa per i tipi di Ravizza Editore, ha il merito di ricostruire la biografia di Guido Brunner, il quale, ...

Digitale. Convegno al Senato sulla intelligenza artificiale in vista del provvedimento annunciato dal sottosegretario Butti in arrivo in Parlamento

(ASI) Si è svolta, presso la Sala "Caduti di Nassirya" del Senato della Repubblica, la conferenza dal titolo, "IA: Innovazione ed Etica nel Cuore della Rivoluzione Digitale", promossa dalla Senatrice Cinzia ...

Bonus studenti 2024: tutti gli aiuti previsti

(ASI) Nel 2024 sono dodici i bonus studenti attivi, dedicati a coloro che studiano. Sono le famiglie, degli studenti minori a dover fare richiesta, altrimenti, se gli studenti sono maggiorenni, possono ...

Festival del giornalismo, per Forza Nuova è il festival del pensiero unico

(ASI)"Forza Nuova e Lotta Studentesca di Perugia ha voluto salutare il Festival del Giornalismo di Perugia con un’azione politica in centro storico, nell’ultimo giorno della sua edizione.

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "La grande finanza di Soros che depredò l’Italia, finanzia politici che si accaniscono contro di me” 

(ASI) "La verità viene sempre a galla. In molte occasioni la deputata del Partito Democratico Rachele Scarpa si è accanita contro di me, con ipocrite strumentalizzazioni e petizioni di scarso ...

Tanti hanno costruito il loro futuro sul martirio: forse c'è speranza anche per i palestinesi

(ASI) La storia è disseminata di episodi che fanno riferimento diretto o indiretto al martirio, cioè alle persecuzioni subite da singole persone o da interi popoli, a causa di poteri religiosi ...

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Crediti d’imposta, Cataldi (commercialisti): “Strumento da migliorare, non eliminare”

(ASI) “La sospensione del credito di imposta per i beni strumentali nuovi 4.0 e quello per le attività di R&S, emersa dapprima con la pubblicazione del decreto “blocca agevolazioni” ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...