Perché i progressisti più radicali non vogliono l'accordo italo - albanese sui migranti?
(ASI) Roma - Firmato un protocollo d'intesa italo - albanese per la gestione del flusso dei migranti irregolari che giungono in Italia, fra il Primo Ministro albanese Edi Rama e il Presidente del Consiglio Italiano Giorgia Meloni.                                                         
Finalmente, dopo tante incertezze il Governo Meloni, vedendo diminuire anche i suoi consensi, soprattutto nell'elettorato di destra, compie un atto sovranista, in controtendenza contro le politiche europeiste e mondialiste che vorrebbero vedere gli Stati come dei meri esecutori amministrativi degli interessi della finanza internazionale, dei fuscelli al vento dinnanzi a grandi fenomeni storici e geoeconomici, come quelli della immigrazione clandestina tra il sud e il nord del mondo che ha visto nei secoli, il Mediterraneo, come uno dei suoi teatri principali.
L'accordo tra l'Italia e l'Albania prevede, in buona sostanza, la temporanea cessione della sovranità albanese in due aree dove verranno costruite dalle autorità italiana dei campi di accoglienza, richieste di asilo e di rimpatrio, in cambio di un corrispettivo economico che permetterà ai funzionari italiani di godere di extraterritorialità nelle aree e al governo albanese di poter pagare le spese per la vigilanza fuori dal campo.
In particolare, l'Italia, entro 90 giorni dall'entrata in vigore dell'accordo, dovrebbe versare all'Albania un anticipo di 16,5 milioni di euro per poter così realizzare le due strutture nel porto di Shengjin e nella località di Gjader.  
L'accordo che rientra nella collaborazione con i paesi limitrofi all'UE per le problematiche inerenti i flussi migratori,  può avere una importanza fondamentale non solo per le gestione  dei migranti irregolari (in quanto l'accordo italo - albanese può essere un modello per il futuro come ha detto il cancelliere tedesco Scholz), ma anche per ragioni geoconomiche, perché l'Italia (e indirettamente l'Europa appena l'Albania entrerà ufficialmente nella UE), consoliderà la sua influenza economica e politica sul paese costiero dei Balcani meridionali che ha sempre avuto storicamente un forte legame con lo Stivale del Belpaese, un area su cui hanno messo gli occhi anche gli sceicchi arabi che vorrebbero realizzare almeno un importante porto mediterraneo al fine di prendere il sopravvento a livello commerciale su quello italiano di Trieste.
 Intanto la sinistra progressista italiana ed europea e le correnti più mondialiste della Chiesa Cattolica (da quelle che vedono nei migranti delle nuove conversioni e/o vocazioni, fino a quelle che vorrebbero una completa apertura della Chiesa del Terzo Millennio nei confronti delle altre religioni mediterranee monoteiste ed abramitiche, ossia verso l'Ebraismo e l'Islam, per mettere forse le basi di una nuova religione mondiale) criticano aspramente la scelta sovranista  sulla immigrazione clandestina del Governo Meloni e di Fratelli d'Italia che seppur  ha abbandonato le politiche  anti europeiste e anti Nato, vuole cercare di portare avanti un minimo di politica estera nazionalista e di tutela degli interessi italiani all'interno della UE, dell'Alleanza Atlantica e degli accordi integrati tra gli Stati Europei nel quale rientra il "Patto del Quirinale" italo - francese.
Ma, ovviamente ogni forma anche di pseudo politica sovranista  é avversata dalla sinistra progressista più radicale che vorrebbe riscrivere finanche la storia in un'ottica globalista al 100%, per sradicare le radici della cultura euro-mediterranea, popolare e nazionale, per fondare una nuova civiltà, una società fluida basata sui valori del multiculturalismo - multietnico, dall'assenza di vincoli identitari non solo territoriali e culturali, ma anche religiosi e morali, funzionali allo sviluppo di un nuovo impero universale della finanza internazionale che sottometta i popoli e l''uomo con la sua dignità umana tramite un debito inestinguibile e la superiorità delle macchine sull'individuo.
 
Cristiano Vignali - Agenzia Stampa Italia


 Note.Le fo0nti delle foto sonoi di pubblico dominio tratte da Wikipedia il Primo Ministro dell'Albania Edi Rama e il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni.
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Bolivia e Iran consolidano la cooperazione strategica

(ASI) Il presidente della Bolivia, Luis Arce, e il suo omologo iraniano Ebrahim Raisi, hanno rilanciato la cooperazione bilaterale tra i due paesi nei settori della sanità, dell’istruzione, dell’...

Molestie, O.N.A. : "Una Commissione Antimolestie alla scherma dopo l'ultimo caso di stupro dell'atleta in ritiro in Toscana".

(ASI) Riceviamo e pubblichiamo - " Alla vigilia dell'8 marzo è quanto propone l'Osservatorio Nazionale Antimolestie, presente al Dipartimento Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ancora Superbonus ma per quali soggetti?

(ASI) Il superbonus continua a poter essere fruito sulle spese relative agli interventi agevolati ma solo per alcuni soggetti, quali persone fisiche, condomini e Enti del Terzo Settore, novità introdotta ...

Sicilia, Agricoltura: Geraci (Lega), dipendenti ESA ottengono contratto dei regionali, riforma importante che rilancia l'ente al quale sono state assegnate nuove competenze 

(ASI) Palermo – "Finalmente si dà dignità ai dipendenti dell'Ente di sviluppo agricolo, ai quali viene riconosciuto il trattamento economico al pari dei dipendenti regionali. Si chiude una vertenza decennale che ...

Scuola, Floridia (M5S): Valditara fa passerelle in Abruzzo tra propaganda e fallimenti

(ASI) Roma  - "Domanda diretta a Giuseppe Valditara: non trova fortemente inopportuno visitare le scuole abruzzesi proprio nell'ultima settimana di campagna elettorale? Non poteva aspettare qualche giorno e recarsi ...

Università, Foad Aodi (Amsi): «No all'abolizione totale del numero chiuso alle facoltà di medicina, urge specializzare tutti i medici laureati»

(ASI) Roma - «Nell'ottica di una indispensabile crescita della professione medica in Italia, noi di Amsi, Associazione Medici di Origine Straniera in Italia, e del Movimento internazionale transculturale interprofessionale ...

Dossieraggio, Gasparri: chi ha conflitti d'interessi non partecipi a Commissione Antimafia

(ASI) “Siamo di fronte a una P2 moltiplicata per cento quindi bisogna tenere alta la guardia. Chi ha conflitti d'interessi non partecipi alla Commissione Antimafia, mi riferisco a chi è stato ...

Politiche attive del Ministero del Lavoro. Nasce Sviluppo Lavoro Italia Spa

 Nell’ambito della propria riorganizzazione, rientrano all’interno del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali le funzioni di programmazione delle politiche del lavoro e la gestione dei relativi ...

Dossier. Malan (FdI): fare piena luce, preoccupante sinistra minimizzi o giustifichi metodi da regimi totalitari  

(ASI) “Fratelli d’Italia vuole che si faccia piena luce su quanto sta emergendo. Qualcuno ha cercato illegalmente dei dati che dovrebbero servire a eventuali indagini per alimentare macchine del ...

Inchiesta Perugia, PD: "Da Melillo e Cantone contributo di rigore e chiarezza"

(ASI) "La richiesta di urgente audizione a Commissione  Antimafia, Copasir e CSM da parte del Procuratore Nazionale Antimafia Melillo e del Procuratore di Perugia Cantone va accolta subito. Per ...