×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Roma. Lo scempio dei cartelloni: quando la pubblicità osteggia la bellezza

 

(ASI) Ray Bradbury, nel suo epocale romanzo “Fahrenheit 451”, sembra volersi sottrarre alla descrizione dei luoghi che caratterizzano il desolante mondo nel quale Guy Montag, protagonista del racconto, vive la sua catarsi. L’unico elemento a cui, tuttavia, sceglie di dedicare un’attenzione più approfondita sono quei maestosi pannelli pubblicitari - definiti “alti come grattacieli” - che costellano le strade al fine di catturare, almeno per un secondo, lo sguardo degli automobilisti che sfrecciano quasi fossero saette.
La scelta narrativa dell’autore, che riserva l’esclusività della sua descrizione degli spazi a questo grigio scenario artificiale, dà la misura di quanto egli reputi la presenza invadente dei cartelloni pubblicitari una componente essenziale di una società angosciante che schiaccia l’individuo. Non pochi critici letterari hanno attribuito a Bradbury doti profetiche, interpretando il suo racconto - scritto nel 1953 - come un’anticipazione di una realtà che si sarebbe oggi manifestata, in almeno alcuni dei tratti descritti dall’autore.

E’ sufficiente farsi un giro per le strade di Roma, capitale d’Italia e (almeno un tempo) culla di civiltà, per rendersi conto di come lo stato di una grande città occidentale possa, effettivamente, fornirci ragioni valide per considerare Bradbury un profeta dello squallore e delle brutture di oggi. Chiunque abbia un minimo di senso estetico può rilevare come l’inestimabile bellezza di Roma venga oggi deturpata dalla presenza divenuta ormai endemica - nelle estreme periferie sino al cuore del centro storico - dei cartelloni pubblicitari. In sfregio a legge e codice della strada, infatti, sembra che Roma sia oggi vittima di una nuova e devastante invasione: quella della pubblicità. Se qualche anno fa a far discutere fu la scelta di coprire i monumenti in ristrutturazione con enormi teli pubblicitari, oggi desta perplessità il fatto che la visione di alcuni monumenti venga oscurata dalla presenza di cartelloni pubblicitari d’ogni tipo e misura. In un tratto di appena settanta metri della raffinata via Veneto, genera stupore la presenza di cinque orologi da strada. L’utilità di queste installazioni è da ricercare, ovviamente, non nell’insanabile tendenza ritardataria degli abituali frequentatori di questa via, bensì nell’esigenza di appioppare, sotto ogni quadrante dell’orologio, una pubblicità bene in vista.

Per spiegare questo malcostume tutto romano può esserci d’aiuto un dato: quattrocentotre ditte ricevono concessioni dal comune di Roma per piantare i loro cartelli pubblicitari. Un numero spropositato, se paragonato a quello di Parigi - altra nobile capitale europea che forse si vuole un po’ più bene di Roma -, la quale appalta concessioni pubblicitarie a sole quattro ditte. Il fervore pubblicitario (accresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni e innestato coerentemente in una sempre più palese società dei consumi) non conosce regole, così da sradicare alberi, occultare monumenti, coprire aree archeologiche e nascondere scorci di verde ad automobilisti e pedoni pur di far spuntare l’ennesimo cartello. Sebbene Davide Bordoni, assessore al commercio del comune di Roma, si ostini ad affermare che “i cartelloni non sono aumentati, si è trattato tutt'al più di spostamenti”, la realtà dei fatti non parla lo stesso ottimistico linguaggio. Per provarlo, basta collegarsi su Google maps e dare uno sguardo alle immagini di Roma pubblicate sul sito e risalenti al 2008: la presenza dei cartelloni era, tre anni fa, notevolmente inferiore a quella di oggi. Chi promette una strenua battaglia basata sulla legalità nei confronti del Campidoglio, accusato di avere le maggiori responsabilità di questo scempio, è l’associazione Cartellopoli, la quale annuncia sul proprio sito un autunno caldo per chiedere che Roma abbia un comparto-affissioni come quello di altre città europee. Aspettando l’ormai imminente autunno, non ci resta che sperare in un’inversione di tendenza che lasci il nostro immaginario collocare “Fahrenheit 451” al genere di fantascienza.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Sardegna, Licheri(M5S): "Il Centrodestra ci ha dato una grossa mano scegliendo Truzzu. Todde competente e brava ma è stata l'ultimissima scelta"

(ASI)“Che il centrodestra ci abbia messo del suo, mi pare indubitabile. Ci hanno dato una grossa mano, non solo perché in questi cinque anni il centrodestra ha veramente fatto ...

Sardegna, Mulè(FI): "Impariamo dagli errori e marciamo compatti verso la scelta del candidato in Basilicata" 

(ASI) In merito all'esito delle votazioni regionali della Sardegna si riportano le dichiarazioni rilasciate a Radio Cusano dal vicepresidente della Camera Giorgio Mulè, esponente politico di Forza Italia. 

Cangianelli (FIPE): per il gambling regolamentato parliamo di digitale, non solo di online

(ASI) Emmanuele Cangianelli, Presidente di EGP, organizzazione di categoria di FIPE Confcommercio degli esercizi pubblici che offrono giochi in concessione (bingo, scommesse, apparecchi da intrattenimento)

Incentivi alle Imprese, Bando ISI INAIL 2023: compilazione delle domande dal 15 aprile 2024

(ASI) Pubblicato il calendario dei prossimi adempimenti legati al bando ISI 2023, l'agevolazione che garantisce finanziamenti a fondo perduto per migliorare la sicurezza sul lavoro.

I tre indizi che fanno una prova dell’inquietante trojan che abbiamo addosso e ci segue ovunque

(ASI) “Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. Era quello che sosteneva Agatha Christie, la famosa scrittrice, regina del giallo. Mi è tornata ...

Missione del Ministro Tajani a Zagabria per partecipare alla sesta riunione del Comitato di coordinamento dei Ministri di Italia e Croazia

(ASI) Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, è in missione a Zagabria per la sesta riunione del Comitato di coordinamento ...

Scuola: Marti (Lega), bene misure approvate in CdM tra cui proroga contratti ATA

(ASI) Roma - “Bene le misure del MIM contenute nel nuovo decreto legge del Pnrr e approvate in Consiglio dei Ministri. Grazie a un lavoro puntuale e in costante sinergia ...

Confcommercio su regolamento ue imballaggi: rischio pesanti effetti su filiere produttive e distributive, modificare norme

(ASI) Il nuovo regolamento Ue sugli imballaggi, che sarà discusso in sede di trilogo ad inizio marzo, desta molte preoccupazioni e, in assenza di modifiche significative, rischia di travolgere interi ...

Pavanelli (M5S): “Sardegna, vittoria storica per Todde e il M5S”

“Alessandra Todde è la prima Presidente di Regione del M5S e la prima donna alla guida della Regione Sardegna. Si tratta di un risultato storico. (ASI) II cittadini sardi hanno ...

L’Economia della cultura come fattore di sviluppo. Gianni Lepre, “una grande opportunità per Napoli e il Mezzogiorno”

(ASI) L’Economia della cultura come fattore di sviluppo, questo il titolo del Convegno che si svolgerà a Napoli il prossimo 28 febbraio nella splendida cornice di Palazzo Fuga.

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113