×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Precisazioni. Quello che la gente deve sapere su alimentazione e malattie

 

 

Gentile Direttore, mi sono imbattuto per caso, come spesso capita gironzolando, nel sito alla pagina http://www.agenziastampaitalia.it/index.php?option=com_content&view=article&id=7382:porta-a-portaalimentazione-vegetariana-dichiarazioni-faziose-e-pretetuose-di-calabresi-a-co&catid=16:italia&Itemid=39 ("Porta a porta: Alimentazione vegetariana, dichiarazioni faziose e pretetuose di Calabresi & CO" del 07/03/2012  n.d.r.) e devo segnalarle che vengono riportate alcune informazioni che eufemisticamente possiamo definire poco aderenti alle evidenze scientifiche disponibili. Non riesco a capire a chi riferire le affermazioni riportate (probabilmente al citato presidente del PAE), ma le vorrei segnalare che l'articolo ospita, indipendentemente dall'autore, una serie di informazioni poco corrette che le riporto in ordine:

1.- Le malattie vascolari, cancri, ipertensione, diabete ed obesità rappresentano i reali danni derivanti dall’assunzione alimentare di carne, così come sostenuto da autorevoli esponenti ed organizzazioni ed agenzie internazionali accreditate.

Falso: non esiste nessuna correlazione tra malattie vascolari, cancro, ipertensione, diabete ed obesità e il consumo di carne. Esiste una correlazione tra consumi inadeguati di carne rossa e conservata e malattie cardiovascolari o alcuni tipi di cancro (consumo inadeguato è un consumo superiore a 750 grammi a settimana di la carne rossa), ma nessunissima correlazione positiva con la carne bianca anzi c'è una debole evidenza di protezione da pesce o carne bianca. La correlazione è debole…ma almeno non è positiva, come invece comunicate al consumatore.

2. - Il Prof. Umberto Veronesi direttore scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia dichiara “Attenti all’alimentazione innesca i tumori più del fumo, la prevenzione riduce i decessi più della medicina e comincia a tavola. I dati sul cancro al colon dimostrano che è quasi inesistente nei paesi a dieta priva di carne. ” Ad innescare il tumore nel 35% dei casi è per il consumo improprio di carne; seguono il tabacco (30%), le infezioni virali (10%), i fattori riproduttivi (7%), l’attività lavorativa e l’inquinamento (4%)”. Mangiare carne fa male.

Distorto: il Prof. Veronesi dice (e giustamente) che ad innescare il tumore è l'uso improprio di carne. Fuori dal virgolettato viene invece scritto: "la carne fa male" ed è un'informazione falsa

3. - La stessa indicazione è confermata dallo studio “ meat intake and mortality” pubblicato nel 2009 negli Stati Uniti sul bimestrale “ Archives of internal medicine” le conclusioni sono state che consumare carne lavorata, comunque di provenienza industriale, eleva il rischio di morte per tumore e malattie cardiache.

Falso: è la carne conservata il responsabile, non tutta la carne.

4.- Il World Cancer Research Fund (WCRF) e l’ American Institute for Cancer Research sottolineano come vi sia una chiara evidenza che l’assunzione di carne sia causa di cancro al colon ponendo come obiettivo per la salute pubblica un consumo medio di 300 gr. a settimana (43 gr. al giorno) , e di evitare in modo assoluto carni processate, come pancetta, prosciutto, salame, salsicce, carne in scatola, ecc.

Chi lo afferma ha commesso due omissioni abbastanza censurabili: la prima è che 300 grammi è l'obiettivo di media di popolazione per quanto riguarda il consumo di carne ROSSA (non di carni). La raccomandazione a livello individuale invece è ben diversa: si consiglia di consumare non più di 500 grammi di carne ROSSA (non di carni). Con un consumo di questo tipo si stima che a livello di popolazione il consumo di carne ROSSA (non di carni) possa essere di 300 grammi a settimana. Seconda omissione: i quantitativi si riferiscono alla carne così come si consuma, cioè cotta, che equivale ad un quantitativo di carne ROSSA cruda settimanale di 750 grammi (più di un etto al giorno).

5. - I dati confermano che il 30-40 % dei tumori si potrebbero evitare se uomini e donne nei paesi ricchi si nutrissero in modo diverso. “Questo modo di mangiare ha contribuito grandemente allo sviluppo di malattie quali l’obesità, il diabete, l’ipertensione, l’aterosclerosi, l’infarto, l’osteoporosi, e molti tipi di tumori tra cui quello dell’intestino, della mammella e della prostata ”afferma Franco Berrino, direttore del dipartimento di medicina preventiva e predittiva nonché responsabile del Servizio di Epidemiologia dell’Istituto dei Tumori di Milano.

Dove si parla di carne?

Fiducioso che vorrete dare spazio sul vostro sito ad un'informazione più corretta e più aderente alle evidenze scientifiche le porgo cordiali saluti

Dott. Andrea Ghiselli

Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Ramona Castellino e Carla Peroni(Ancora Italia Roma): Senza una teoria rivoluzionaria, non può esserci un partito rivoluzionario

(ASI) "La Sezione romana di Ancora Italia rilancia il comunicato del nazionale:" Senza una teoria rivoluzionaria, non può esserci un partito rivoluzionario!

Il servilismo volontario

(ASI) «Gli uomini coraggiosi per conquistare il bene che desiderano non temono di affrontare il pericolo; la gente intraprendente non rifiuta la fatica. Invece gli uomini deboli e pressoché storditi ...

Amministrative di Gubbio: il sondaggio Winpoll di oggi dà al secondo posto Rocco Girlanda e vincente al ballottaggio contro la candidata delle sinistre

(ASI)  Manca poco alle elezioni amministrative a Gubbio. L’ultimo sondaggio realizzato da WinPoll registra una salita tra alcuni candidati del centrodestra come l'ex parlementare Rocco Girlanda ...

Chicco Forti. Filini,Rizzetto,Tozzi,Calovini,de Bertoldi (Fdi) il ritorno in Italia successo diplomatico Governo Meloni

(ASI) Dopo 25 anni vissuti in prigione negli USA, a causa di una complessa vicenda giudiziaria, Chicco Forti, ritorna in Italia per scontare la pena nel nostro Paese.

Giornata Api: Coldiretti, SOS Invasione miele dall’estero, +23% nel 2024

Alveare Italia in difficoltà anche per le anomalie climatiche, ma la direttiva breakfast porterà più trasparenza (ASI) "Nel 2024 sono aumentate del 23% le importazioni di miele straniero, mentre le anomalie climatiche, ...

FNC UGL Comunicazioni Catania al sit-in contro la privatizzazione di Poste Italiane

(ASI) La FNC UGL Comunicazioni di Catania ha partecipato oggi, di fronte la Prefettura di Palermo, al sit-in per esprimere il proprio dissenso verso la seconda tranche di privatizzazione ...

Congiuntura, Confindustria: Economia italiana in crescita, ma velocità diverse: bene i servizi, turismo record, male l'industria.

(ASI) Economia italiana in crescita, ma a velocità diverse: turismo record, bene servizi ed export netto, male l’industria. Aumenta ancora il lavoro, ma salgono anche le ore autorizzate ...

Pace, Ricci (PD): "Condivido l'Appello di Trieste del mondo cattolico. Ci impegna alla costruzione della pace, che passa dai territori"

(ASI) Roma - "Ho letto negli scorsi giorni l'appello sul tema della pace che numerose associazioni e sigle cattoliche hanno lanciato e rivolto da un lato per suscitare un doveroso ...

G7: Deloitte: "Salvaguardare la competitività delle imprese per vincere le sfide globali"

(ASI) Consegnata la Dichiarazione Finale delle industrie del G7 sulle principali sfide dell'agenda economica globale al Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, da parte di Emma Marcegaglia, Presidente del B7 Italia ...

Sanità, Indagine Nursing Up. Carenza di personale pronta ad esplodere nei mesi estivi. Tra le regioni più in difficoltà, al primo posto ci sono Lombardia e Campania.

  I dati della nostra indagine. Nelle regioni più interessate dal fenomeno si viaggerà con un media di 12-13 pazienti in gestione per ogni infermiere. Una media che va ben ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113