(ASI) Settima giornata del mondiale neozelandese e primo risultato che rimarrà nella storia del Rugby. Memorabile infatti la vittoria irlandese sulla favoritissima Australia.

Irlanda perfetta in difesa, non concede nulla all’attacco più forte e spettacolare del mondo, imbriglia ottimamente le fonti del gioco non concedendo metri e spazi a Quade Cooper, Kurtley Beale e James O’Connor. A dimostrare la prova mastodontica degli irlandesi il punteggio, tutto ottenuto da calci, nessuna meta è stata segnata. Ottima la mischia dei verdi con la prima linea irlandese devastante, ottima prova anche dei Flanker verdi veri e propri mastini. Australia ottima in difesa non è mai riuscita ad imporre il proprio ritmo ed il suo gioco soffrendo la ferocia irlandese su ogni pallone. Altra partita della giornata quella tra i campioni iridati sudafricani e le Fiji. Finalmente una bella partita per gli Springboks, dopo la vittoria poco meritata ed al fulmicotone contro il Galles, i campioni del mondo si sopiscono dal torpore e ritrovano il gioco e la vittoria contro un avversario tutt’altro che facile. Punteggio che non rispecchia molto l’andatura della partita, infatti Fiji avrebbe meritato di segnare più  ma l’imprecisione al piede e troppi errori alla mano hanno penalizzato più del dovuto gli isolani. Gioco molto fisico dei figiani, a tratti spumeggiante, figlio del rugby a 7 molto in voga a Fiji, del quale proprio i figiani sono tra i maggiori interpreti al mondo di questa disciplina. Ma oggi il Sud Africa rispolvera una difesa impenetrabile ed un gioco alla mano quasi a livello dello scorso mondiale, segnando sei mete. Terza partita di oggi tra Argentina e Romania, con vittoria facile dei Pumas, che si sbarazzano troppo facilmente di una Romania arrendevole. Irriconoscibile la Romania che nella gara d’esordio aveva si perso contro la Scozia ma mettendola in grossa difficoltà. I rumeni non sono mai entrati in partita e non hanno mai tirato fuori la grinta che li ha contraddistinti nella gara d’esordio, subendo troppo il gioco Argentino. Argentina che liquida la pratica in 30 minuti segnando quattro mete, guadagnando il punto di bonus. La formazione dei Pumas accusata di saper fare solo gioco di mischia e di difendere, ha dimostrato oggi ai critici di saper anche attaccare e giocare bene sui trequarti, realizzando alla fine ben sei mete. Sfida attesa tra le due compagini anche per lo scontro tra le due mischie, considerate tra quelle più rocciose del mondiale, sfida anche in mischia vinta dagli argentini.

AUSTRALIA - IRLANDA

Sabato 17 settembre, ore 10.30 - Eden Park, Auckland

Australia: 15 Kurtley Beale, 14 James O'Connor, 13 Anthony Fainga'a, 12 Pat McCabe, 11 Adam Ashley-Cooper, 10 Quade Cooper, 9 Will Genia, 8 Radike Samo, 7 David Pocock, 6 Rocky Elsom, 5 James Horwill (c), 4 Dan Vickerman, 3 Ben Alexander, 2 Stephen Moore, 1 Sekope Kepu.

In panchina: 16 Tatafu Polota Nau, 17 James Slipper, 18 Rob Simmons, 19 Ben McCalman, 20 Scott Higginbotham, 21 Luke Burgess, 22 Drew Mitchell.

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Tommy Bowe, 13 Brian O'Driscoll (c), 12 Gordon D'Arcy, 11 Keith Earls, 10 Jonathan Sexton, 9 Eoin Reddan, 8 Jamie Heaslip, 7 Sean O'Brien, 6 Stephen Ferris, 5 Paul O'Connell, 5 Donncha O'Callaghan, 3 Mike Ross, 2 Rory Best, 1 Cian Healy.

In panchina: 16 Sean Cronin, 17 Tom Court, 18 Donnacha Ryan, 19 Denis Leamy, 20 Conor Murray, 21 Ronan O'Gara, 22 Andrew Trimble.

Arbitri: Bryce Lawrence (New Zealand); Dave Pearson (England), Stuart Terheege (England); Graham Hughes (England) 

Tabellino: 11min. C.P. O’Connor(AU), 15min. C.P. Sexton(IRL), 18min. Drop Sexton(IRL), 23min. C.P. O’Connor(AU), 49min. C.P. Sexton(IRL), 62 e 70min. C.P. O’Gara(IRL).

ARGENTINA – ROMANIA 43-8

Sabato 17 settembre - Rugby Park, Invercargill

Argentina: 15 Lucas Gonzalez, 14 Gonzalo Camacho, 13 Martin Rodriguez, 12 Marcelo Bosch, 11 Horacio Agulla, 10 Santiago Fernandez, 9 Nicolas Vergallo, 8 Juan Martin Fernandez Lobbe, 7 Juan Manuel Leguizamon, 6 Julio Farias Cabello, 5 Patricio Albacete, 4 Manuel Carizza, 3 Juan Figallo, 2 Mario Ledesma, 1 Rodrigo Roncero.

In panchina: 16 Agustin Creevy, 17 Martin Scelzo, 18 Mariano Galarza, 19 Alejandro Campos, 20 Alfredo Lalanne, 21 Nicolas Sanchez, 22 Juan Jose Imhoff.

Romania: 15 Iulian Dumitras, 14 Madalin Lemnaru, 13 Csaba Gal, 12 Constantin Gheara, 11 Ionel Cazan, 10 Tiberius Dimofte, 9 Florin Surugiu, 8 Daniel Carpo, 7 Ovidiu Tonita, 6 Mihai Macovei, 5 Cristian Petre, 4 Valentin Ursache, 3 Paulica Ion, 2 Marius Tincu (c), 1 Mihaita Lazar.

In panchina: 16 Bogdan Suman, 17 Silviu Florea, 18 Valentin Poparlan, 19 Daniel Ianus, 20 Valentin Calafeteanu, 21 Marin Dumbrava, 22 Florin Vlaicu

Arbitri: Steve Walsh (Australia); Jonathan Kaplan (South Africa), Simon McDowell (Ireland); Shaun Veldsman (South Africa)

Tabellino: 5 min. META Fernandez(ARG) Tr. Rodriguez(ARG), 9min. META Leguizamon(ARG) Tr. Rodriguez(ARG), 13 min. C.P. Dimofte(RO), 21min. META Figallo(ARG), 30min. META Gonzalez(ARG) Tr. Rodriguez(ARG), 32min. META Cazan(RO),44min. C.P. Rodriguez(ARG), 24min. META Imhoff(ARG)Tr. Rodriguez(ARG), 32min. META Fessia(ARG) Tr. Rodriguez(ARG).

SUD AFRICA – FIJI 49-3

Sabato 17 settembre - Wellington Regional Stadium, Wellington

Sud Africa: 15 Pat Lambie, 14 JP Pietersen, 13 Jaque Fourie(70 min.de Jong), 12 Frans Steyn, 11 Odwa Ndungane(53min. Hougard), 10 Morné Steyn, 9 Fourie du Preez(70min. Pienaar), 8 Pierre Spies, 7 Schalk Burger, 6 Heinrich Brüssow, 5 Danie Rossouw, 4 Bakkies Botha(41min. Alberts), 3 Jannie du Plessis(80 min. Smit), 2 John Smit (c)(53min. B.du Plessis), 1 Gurthrö Steenkamp(62 min.Mtawarira).

In panchina: 16 Bismarck du Plessis, 17 Tendai Mtawarira, 18 François Louw, 19 Willem Alberts, 20 François Hougaard, 21 Ruan Pienaar, 22 Juan de Jongh.

Fiji: 15 Kini Murimurivalu, 14 Vereniki Goneva, 13 Gaby Lovobalavu, 12 Seremaia Bai, 11 Naipolioni Nalaga(73min. Fatiaki), 10 Waisea Sedre Luveniyali(64min. Little), 9 Neemia Kenatale(53min. Buatava) Sakiusa Matadigo(70min. Koyamaibole), 7 Akapusi Qera, 6 Dominiko Maiwiriwiri Waqaniburotu, 5 Wame Lewaravu(73min. Talei), 4 Leone Nakarawa, 3 Deacon Manu (c)(70min. Nailago), 2 Sunia Koto(64min. Tuapati), 1 Campese Ma'afu.

In panchina: 16 Talemaitoga Dautu Tuapati, 17 Waisea Nailago, 18 Netani Edward Talei, 19 Sisa Koyamaibole, 20 Vitori Tomu Buatava, 21 Nicky Little, 22 Ravai Fatiaki.

Arbitri: Romain Poite (France); George Clancy (Ireland), Vinny Munro (New Zealand); Matt Goddard (Australia)

Tabellino: 11min. C.P. F.Steyn(SA), 20 min. C.P. Bai(FI), 25min. META Steenkamp(SA) Tr. M.Steyn(SA), 28min. C.P. M.Steyn(SA), 34min. META Fourie(SA), 41min.C.P. M.Steyn(SA), 48min. META F.Steyn(SA)Tr. M.Steyn(SA), 62min. META e Tr. M.Steyn(SA),69min. META Mtawarira(SA)Tr. M.Steyn(SA), 75min. META Rossouw(SA)Tr. M.Steyn(SA).