×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
(ASI) Il campo di San Siro, questa settimana, e’ finito nell’occhio del ciclone…………… Il Barca, per bocca di Pep Guardiola, se n’e’ lamentato molto, inviando addirittura una lettera formale di protesta all’UEFA - Nel testo si e’ posto in evidenza la precarietà del terreno di gioco, ritenuto non idoneo per una gara di Champions League, un terreno che avrebbe impedito ai catalani di svolgere il loro celebre palleggio, palla a terra……………….L’UEFA, a dire il vero, ha liquidato tutto con due parole, affermando che il campo meneghino, anche se non ideale…..era comunque regolare per lo svolgimento della partita -La querelle, quindi, e’ subito rientrata………….ma il problema resta, vale a dire il campo di San Siro…………..che da tempo e’ sotto osservazione, perche’ se ne lamentano tutti, dopo averci giocato, perfino Milan e Inter che sono i normali fruitori dell’impianto - Proprio in questi giorni, Galliani ha dato il la’ all’ipotesi del campo in sintetico, chiamando in causa ed invocando una risposta rapida e positiva da parte dei cugini nerazzurri - Probabilmente si andra’ in modo rapido , verso questa, che appare come l’unica soluzione possibile, e sinceramente non si capisce come l’idea del campo sintetico non sia stata presa in esame prima dalle due societa’ milanesi - Il Novara ed il Cesena, che per prime in serie A, hanno optato per il campo in sintetico, hanno da tempo indicato la via da seguire sia per il presente che per il futuro….. - Il sintetico, soprattutto quello di ultima generazione, ha solo vantaggi nei confronti dell’erba - Da garanzia assoluta, in ogni punto del campo, della regolarita’ del rimbalzo del pallone, a differenza dell’erba (perche’ se e’ fangosa il pallone rimbalza in un modo, mentre se e’ asciutta(l’erba), il pallone rimbalza in un altro modo………………….) - Soprattutto in inverno, in Italia, si giocano due campionati differenti…..pensate alle squadre che giocano al nord, sui campi fangosi, e a quelle che giocano al sud, sui campi asciutti……..sono due campionati diversi che si svolgono all’interno di un unico torneo.non ha senso…..--- E’ tempo di passare al sintetico, per assicurare anche una maggiore regolarita’, tecnica, del campionato - Perche’ chi gioca 19 partite a Catania,compresa la stagione invernale, non ha le stesse condizioni (parlo di terreno di gioco), rispetto a chi gioca 19 partite a Milano, a Torino o a Genova - E poi,visto che ormai tutti i presidenti, sulla scia della Juventus, cominciano a pensare allo stadio di proprieta’, che forse e’ l’unica scappatoia possibile per salvarsi dalla spirale dei debiti che attanaglia le societa’ di calcio – Perche’ non pensare, nella progettazione dei nuovi impianti, a coprire completamente gli stadi, come il SAPPORO DOME di Hiroshi Hara lo stadio del mondiale che si e’ svolto in Corea del sud e Giappone - Il calcio e’ uno spettacolo, al quale si assiste seduti in poltroncina numerata, meglio farlo al chiuso dentro una “grande palestra”, piuttosto che a 10 gradi sottozero o mentre nevica…….. - Forse sto sognando……