×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

(ASI) Veniamo da una settimana in cui ancora una volta molti giornali e televisioni, sempre gli stessi, hanno parlato e straparlato del rigore concesso alla Juve contro il Parma e del goal non goal di Pirlo -

Ancora una volta “l’antijuventinismo becero” si e’ scatenato e l’ha fatta da padrone sui media e sul web - Addirittura , noti opinionisti, hanno dissertato sull’antipatia che suscita la Juve, della quale ormai non se ne puo’ piu’ - qualcuno ha detto basta , perche ‘ ormai il bicchiere e’ pieno (sempre riferito all’antipatia) - Incredibile veramente….......sono curioso di vedere che cosa scriveranno dopo aver visto il rigore concesso al Milan al Dall’Ara di Bologna… Il povero Pioli, ha passato la notte in bianco e ancora non riesce a riprendersi… .e ora “i soliti noti” che cosa diranno - La verita’, e’ che con l’introduzione degli arbitri di linea, il margine di errore degli arbitri si e’ ridotto , ma non si e’ azzerato - A Torino , ha sbagliato il guardalinee mentre sul rigore di Pazzini, l’arbitro d’area , deve per forza di cose , essersi distratto.

Quello che stupisce, e’ questo accanimento terapeutico verso la Juventus, del quale ormai non se ne puo’ piu’, il bicchiere e’ “veramente pieno” - Per tornare al calcio giocato c’e’ da dire che questo avvio di campionato ha gia’ dato un’indicazione ben precisa sui valori in campo e su quella che potra’ essere la lotta per lo scudetto…. - La Juve ha confermato di essere la piu’ accreditata alla vittoria finale …. poi il Napoli, che probabilmente sara’ la maggiore antagonista dei bianconeri …quindi l’Inter, piu’ forte del previsto, ed infine un gruppetto che comprende Roma, Milan, Lazio, e la sorpresa che potrebbe venire dalla Fiorentina, in grado di dar fastidio anche alle grandi…

Dino Pompili-Agenzia Stampa Italia

 

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione