bordoni3(ASI) Roma -  "Gli esiti del Cdm fiume come spiegato da Conte e dal ministro Speranza vanno nella direzione di alzare il livello d’allerta per salvaguardare la salute degli italiani mettendo al primo posto i principi di proporzionalità ed adeguatezza dapprima sottovalutati".
Così il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier, Davide Bordoni. "Bloccare i voli diretti non è stato evidentemente sufficiente ed è per questo che per Roma Capitale torniamo a chiedere con forza l’identificazione di tutte le persone arrivate dalla Cina nell'ultimo periodo attraverso i voli con scalo che sono tutt'ora aperti e pienamente funzionanti, è sufficiente  controllare sui più comuni motori di ricerca viaggi affinché venga predisposta una quarantena. Il sindaco Sala ha chiesto di chiudere le scuole a Milano, oltre le Università, e di estendere anche ai comuni dell’area metropolitana la decisione, un’area di 1.576 km2 e più di 3 milioni di persone, le ricadute sull'economia saranno gravissime. Dal premier e ministri non una parola sul tema aeroporti e rafforzamento dei controlli ma ricordo a tutti che Fiumicino è uno degli scali più importanti del mondo ed è la porta d’ingresso alla Capitale; chiedo nel prossimo decreto legge un correttivo anche in questo senso perché nel fronteggiare l’emergenza il tema della difesa dei confini non può essere sottovalutato".