cuba(ASI) Riceviamo e pubblichiamo. Si è riunito presso il Revulver di Piazza Carmine il Comitato promotore della Giornata di solidarietà con il popolo cubano e con gli immigrati cubani residenti negli USA, che giorno 25 luglio termineranno a Washington la loro marcia per rivendicare diritti elementari, come quello di poter inviare aiuti economici ai propri familiari rimasti nella madrepatria.

L’altro grande obiettivo della marcia degli immigrati cubani è la fine del Blocco economico e finanziario cerca di strangolare l’esperienza di questo piccolo paese che ha come principale colpa quello di essersi liberato dal dominio imperialistico statunitense e dalle mafie internazionali.

L’altra colpa che vorrebbero far pagare a Cuba è quella di non esportare armi e strumenti di morte, bensì medici, insegnanti, tecnici: solidarietà verso tutti i popoli, come per quello italiano che ha prontamente beneficiato dell’aiuto cubano per affrontare l’emergenza Covid, senza guardare al colore politico della regione che ha visto intervenire la brigata medica.

Domenica 25 luglio a Reggio Calabria faremo sentire il nostro sostegno e la nostra gratitudine verso un popolo che è il simbolo della lotta per l’eguaglianza fra gli uomini, per la pace e per il riscatto degli oppressi. La manifestazione si svolgerà a Piazza Carmine dalle 18.30 e si articolerà in momenti di discussione e approfondimento, spazi musicali e la possibilità di gustare piatti della tradizione cubana. La presenza di Marco Papacci, presidente dell’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba, aiuterà a capire anche come poter aiutare concretamente il popolo cubano in questo periodo di emergenza.

Il nucleo promotore del Comitato è composto da Movimento per la Rinascita del P.C.I. e l’unità dei Comunisti, USB, Movimento Giovani sulla Strada, csc Nuvola Rossa, Revulver.

Comitato promotore della Giornata di solidarietà con il popolo cubano