(ASI) Ancora una vittoria per i grifoni della pallacanestro nella loro marcia di avvicinamento all’esordio in campionato.

I biancorossi hanno sconfitto i coriacei avversari del Ferentino (squadra anch’essa di DNA) per 79-66, al termine di una gara che li ha visti partire molto lenti per poi innestare il “turbo”, rimontando i laziali per poi superarli quasi di venti punti, prima del rush finale ospite, servito solo a rendere meno dura la sconfitta.
Per il Perugia Basket ennesima ottima prova di Davide Poltroneri (18 punti per lui), ma un po’ tutta la squadra è in netta crescita di condizione, con la difesa che inizia a mordere gli avversari – guidata dalla “vecchia guardia” Bonamente, Chiatti e Caroldi – e con Baldi Rossi che inizia a prendere coscienza delle proprie potenzialità.
I nuovi innesti della campagna acquisti estiva (Truccolo, Bisconti e Kushchev) dimostrano ad ogni gara che ormai il loro inserimento nel tessuto del vecchio gruppo è ormai completato e, pur ancora alla ricerca della forma migliore, hanno espresso tutti una buona partita.

Unica nota stonata della giornata è stato l’infortunio subìto da Costantino Cutolo, che ricadendo a rimbalzo si è distorto la caviglia sinistra: nell’immediato l’articolazione si è gonfiata abbastanza, ma speriamo non sia nulla di grave per lo sfortunato giocatore biancorosso, già in credito da un po’ con la buona sorte.
Nel complesso buona gara dei perugini che, di fronte ad un team rognoso e guidato dall’esperto coach Gramenzi, hanno dimostrato una volta di più che nel prossimo difficile torneo che li aspetta potranno certamente dire la loro.

Da notare che l’intero incasso della partita è andato al Comitato Italiano Paralimpico di Perugia, che con i proventi acquisterà attrezzature speciali (un tavolo da “show down”) per dare la possibilità a ipovedenti e non-vedenti di poter svolgere anch’essi attività sportiva.
In questo senso è stato inadeguata all’occasione la presenza di spettatori al PalaEvangelisti: un vero peccato, che fa il paio con quanto anche coach Steffè ha affermato in mattinata, durante la presentazione alla Città ed alle Istituzioni della Liomatic Perugia Basket.

Il coach giuliano ha infatti sottolineato che Perugia non ha ancora ben compreso l’impegno di società e giocatori nel tenere alto il nome della città sui campi di tutta Italia: visto da fuori è inspiegabile come gli ottimi risultati della squadra biancorossa, ottenuti grazie a comportamenti improntati a serietà ed etica del lavoro, siano ancora tutto sommato “ristretti” ad un numero ancora relativamente piccolo di spettatori. Insomma, il Perugia Basket merita un pubblico da Serie A che possa spingere i propri beniamini verso le vette del panorama cestistico nazionale.

 

Liomatic Perugia-FMC Ferentino 79-66 (10-17; 21-12; 27-16; 21-21)

Liomatic Perugia: Chiatti 7, Caroldi, Bisconti 9, Truccolo 11, Baldi Rossi 15, Cutolo 4, Poltroneri 18, Kushchev 13, Santantonio, Bonamente 2, Cornicchia. All. Steffè.
FMC Ferentino: Guarino 9, Bonfiglio 2, Ihedioha 14, Ianes 6, Panzini 9, Parrillo 2, Carrizzo 4, Iannuzzi 7, Pongetti 12, Fratini 1. All. Gramenzi.