(ASI) Due ordigni di fattura artigianale e di piccola portata sono esplosi stamani alle tre circa davanti alla sede della Lega Nord di Gemonio, in provincia di Varese.

 

Resta ancora sconosciuta la matrice dello scoppio dei due ordigni; l'iscrizione “Antifa secondo atto”, scritta a spray davanti all'ingresso della sede, fa presumere agli investigatori che si tratti di frange anarchiche appartenenti ai centri sociali.

Sarebbe quindi un atto intimidatorio secondo i carabinieri intervenuti subito nel luogo, anche perchè, vista l'ora delle due esplosioni, gli ordigni non erano rivolti a ferire persone. Numerosi i danni materiali causati dagli scoppi che hanno danneggiato il portone e mandato in frantumi i vetri delle finestre della sede.