Dopo il terzo turno in testa al campionato c’è una sola squadra, l’Olimpia Milano “griffata” Armani che - per la prima volta dopo oltre 16 anni (era l'11 ottobre 1994) - si trova in solitudine a guardare le altre squadre dall’alto in basso.

 

È questo un risultato che – seppure parziale – conferma le previsioni della vigilia, vale a dire una Mens Sana Siena rivoluzionata che scende di livello e una Olimpia Milano che, dopo aver condotto un mercato sontuoso, intende tornare a cucirsi uno scudetto sulla sua gloriosa canotta. Le altre squadre fanno fatica a confermarsi outsider: pensiamo alla sempre incostante Roma, all’acerba Treviso e alla Virtus Bologna ancora da valutare appieno.

Nei risultati della giornata numero 3 spiccano le vittorie di Cantù, che sbanca il PalaEUR confermandosi squadra molto quadrata e completa, di Pesaro sul campo di una Caserta in piena crisi di risultati e di Montegranaro contro la giovane Treviso. Importanti, però, sono state anche la prima vittoria in trasferta di Sassari, che passa a Teramo ancora a zero punti, e - in chiave salvezza - quella di Cremona a Brindisi.

Siena conferma quindi di attraversare un momento di transizione, con gli abituali meccanismi saltati per il forte ricambio di giocatori: Varese riesce a superare i campioni d’Italia uscenti proprio sul filo di lana, ma indubbiamente con merito.

Milano suda per tre tempi contro la volitiva Biella, fino a dare la zampata decisiva con i suoi uomini di classe, conquistando il primato solitario pur senza due titolari.

Ora per i meneghini il calendario presenta un paio di gare più che abbordabili contro le neopromosse Brindisi e Sassari, a differenza dei rivali senesi che se la devono vedere contro Caserta e Cantù: è molto probabile che per qualche giornata il quadro non cambierà, con l’Olimpia a tirare il gruppo, infortuni permettendo.

Nel quarto turno da segnalare la classica Pesaro-Bologna, gara dal sapore antico, mentre Avellino-Roma appare anch’essa molto equilibrata, per un torneo che quest’anno sarà davvero pieno di sorprese.

 

Riepilogo della terza giornata:

Varese-Siena 87-86, Biella-Milano 72-81, Caserta-Pesaro 89-91, Bologna-Avellino 73-66, Montegranaro-Treviso 79-72, Roma-Cantù 66-78, Teramo-Sassari 77-79, Brindisi-Cremona 64-71.

 Classifica:

Milano 6

Siena, Cantù, Bologna, Varese, Pesaro, Montegranaro, Biella e Sassari 4

Roma, Treviso, Avellino, Cremona e Brindisi 2

Caserta e Teramo 0

 

Prossimo turno (4a giornata – 7/11/2010 ore 18.15):

Cantù-Teramo (sabato ore 20), Treviso-Varese (sabato ore 20), Siena-Caserta (ore 11.45), Milano-Brindisi, Avellino-Roma, Pesaro-Bologna, Cremona-Montegranaro, Sassari-Biella.