×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

(ASI) Un’incredibile quanto imprevedibile cavalcata verso la gloria quella della Juve di Conte che ridà vigore al ferito popolo juventino e supera persino la sua gloriosa storia. Ripercorriamo le trentotto imprese.

 

1- Juve-Parma: 4-1 (Lichsteiner, Pepe, Vidal, Marchisio, Giovinco (r))

11 Settembre 2011. Partita dominata con il 4-2-4 che ha visto un imperioso esordio di fronte a una cornice strepitosa.

2- Siena-Juve: 0-1 (Matri)

18 Settembre 2011. Siena ben disposto, con la Juve che riesce a sfondare verso la fine con l’ex Cagliari.

3- Juve-Bologna: 1-1 (Vucinic, Portanova)

21 Settembre 2011. Si presenta Vucinic, come genio e sregolatezza, prima porta in vantaggio la Juve, poi si fa espellere facilitando l’insperato pareggio al Bologna.

4- Catania-Juve: 1-1 (Berghessio, Krasic)

25 Settembre 2011. Sotto il diluvio il Catania sorprendente di Montella mette alle corde gli uomini di Conte e aggiusta le cose il subentrato Krasic, già oggetto di discussione.

5- Juve-Milan: 2-0 (Marchisio, Marchisio)

2 Ottobre 2011. Prima prova di maturità e la Juve schiaccia il Milan, che le prende per tutta la partita, ma ci vuole un’incursione di Marchisio per far capitolare i rossoneri e poi raddoppia con un tiro da fuori area che inganna Abbiati.

6- Chievo-Juve: 0-0

16 Ottobre 2011. Un passo indietro. La Juve non sfonda la difesa veronese.

7- Juve-Genoa: 2-2 (Matri, M.Rossi, Matri Caracciolo)

22 Ottobre 2011. Un Genoa coriaceo e una Juve non impeccabile in difesa permettono di farsi agguantare due volte dal grifone e non basta la doppietta di Matri. Sarà l’unica squadra a segnare due goal in campionato a Torino.

8- Juve-Fiorentina: 2-1 (Bonucci, Jovetic, Matri)

25 Ottobre 2011. Domina la Juve, ma questa volta controlla meglio e nonostante il pareggio di Jovetic, con il solito Matri passa in vantaggio e gestisce.

9- Inter-Juve; 1-2 (Vucinic, Maicon, Marchisio)

29 Ottobre 2011. Il derby d’Italia regala un’altra prova di carattere della Juve contro la nemica Inter dell’ex Ranieri, subentrato a Gasperini. La Juve si impone con forza e carattere.

10- Juve-Palermo: 3-0 (Pepe, Matri, Marchisio)

20 Novembre 2011. Autorevole prova che s’impone con i tre uomini più in forma.

11- Lazio-Juve: 0-1 (Pepe)

26 Novembre 2011. Partita difficilissima, tra due squadre che si contendono la vetta, ma Pepe, come l’anno prima, determina il colpaccio.

12- Napolo-Juve: 3-3 (Hamsik, Pandev, Matri, Pandev, Estigarribia, Pepe)

29 Novembre 2011. La partita più emozionante e forse quella che ha dato alla Juve la consapevolezza dei suoi mezzi. Hamsik, pur sbagliando un rigore e Pandev strapazzano la Juve e a venti minuti dal termini sono in vantaggio di due goal, poi però la squadra di Conte non si arrende, accorcia la distanza con un diagonale di Estigarribia e poi Pepe s’inventa un incredibile goal per un rocambolesco pareggio.

13- Juve-Cesena: 2-0 (Marchisio, Vidal (r))

4 Dicembre 2011. La Juve domina, ma passa solo dopo la fine del secondo tempo. Vidal trasforma il primo rigore assegnato.

14- Roma-Juve: 1-1 (De Rossi, Chiellini)

12 Dicembre 2011. La Roma di Luis Enrique convince e con De Rossi messo a centrale difensivo passa in vantaggio. Nel secondo tempo la Juve pareggia con Chiellini, ma quello che bisogna rilevare è che Buffon ipnotizza Totti che sbaglia un rigore.

15- Juve-Novara: 2-0 (Pepe, Quagliarella)

18 Dicembre 2011. Subito apre le marcature Pepe, poi verso la fine un’inzuccata ridà dopo un anno la gioia del goal a Quagliarella, che si lascia alle spalle l’infortunio.

16- Udinese-Juve: 0-0

21 Dicembre 2011. Si recupera la prima di campionato, rimandata per il primo sciopero dei calciatori nella storia. La Juve attacca, ma l’Udinese blocca.

17- Lecce-Juve 0-1 (Matri)

8 Gennaio 2012. La Juve va in vantaggio con Matri e poi gestisce, ma non convince la performance.

18- Juve-Cagliari: 1-1 (Vucinic, Cossu)

15 Gennaio 2012. Stecca la Juve, che si fa pareggiare da un coraggioso Cagliari, ma Milito la grazierà con il gola nel derby.

19- Atalanta-Juve: 0-2 (Lichsteiner, Giaccherini)

21 Gennaio 2012. La Juve si diploma campione d’inverno, come ha aperto il girone così lo chiude con goal di Lichsteiner e poi chiude con Giaccherini, su assist pregevole di Marrone.

20- Juve-Udinese: 2-1 (Matri, Floro Flores, Matri)

28 Gennaio 2012. Prova convincente e ancora Matri a dare la carica alla Juve.

21- Juve-Siena: 0-0.

5 Febbraio 2012. Chiudendosi a riccio il Siena impedisce alla Juve di vincere. Si discute per un rigore non dato alla Juve.

22- Parma-Juve: 0-0.

15 Febbraio 2012. Altra polemica per un rigore non concesso e per la data del recupero per la neve, la Juve perde terreno.

23- Juve-Catania: 3-1 (Barrientos, Pirlo, Chiellini, Quagliarella)

18 Febbraio 2012. Partita sentita, ma subito in svantaggio. Primo goal di Pirlo con una punizione magistrale, poi con l’espulsione dell’ex Motta, la Juve riesce a controllare la partita e vola. Da segnalare l’entusiasmo della panchina che al goal di Quagliarella, Storai ferisce sia l’attaccante che Pepe.

24- Milan-Juve: 1-1 (Nocerino, Matri)

25 Febbraio 2012. La partita della discordia. Più che per i goal degli ex, il match sarà ricordato per il goal fantasma di Muntari, che la manona di Buffon ha ingannato l’arbitro per accendere una velenosa serie di polemiche. Espulso Vidal nel finale.

25- Juve-Chievo: 1-1 (De Ceglie, Dramé)

3 Marzo 2012. Il Milan si rifà, la Juve stecca e si fa sorpassare con un goffo errore di Bonucci.

26- Bologna-Juve (Di Vaio, Vucinic)

7 Marzo 2012. Juve nervosa, subito in svantaggio, il fischiato Vucinic pareggia, poi c’è un altro caso rigore non concesso, Conte protesta e viene espulso. Il Milan sorride e va avanti. Altro recupero per neve fatale.

27- Genoa-Juve: 0-0.

11 Marzo 2012. Con Alessio in panchina la Juve ci prova in tutti i modi, ma tra pali e traverse l’unica a sorridere ancora è il Milan che va a +4.

28- Fiorentina-Juve: 0-5 (Vucinic, Vidal, Marchisio, Pirlo, Padoin)

17 Marzo 2012. Arrivano, anzi piovono i goal per una vittoria storica, che si mette bene dopo un colpo di testa di Cerci che si fa espellere.

29- Juve-Inter: 2-0 (Caceres, Del Piero)

25 Marzo 2012. Primo tempo Juve assediata dall’Inter, poi a inizio ripresa colpo di testa di Caceres per il suo terzo goal in stagione dopo la doppietta in Coppia Italia al Milan e colpo di magia di Del Piero che s’infila in area, abbatte l’Inter smarrita. Ranieri sarà esonerato per Stramaccioni. Passo falso del Milan a Catania distratto dal Champion

30- Juve-Napoli: 3-0 (Vucinic, Vidal, Quagliarella).

1 Aprile 2012. Dopo un primo tempo di studio, la Juve si scatena e schiaffeggia i suoi rivali per la conquista della Coppa Italia. Da segnalare che il primo goal era stato inizialmente assegnato a Bonucci).

31- Palermo-Juve: 0-2 (Bonucci, Quagliarella).

7 Aprile 2012. Bonucci voleva a tutti i costi segnare e c’è riuscito, seguito anche da Quagliarella in un ottimo momento. La squadra di Mutti si difende bene, ma non basta. Amauri fa pace con i tifosi e regala una vittoria insperata ai tifosi della Fiorentina e della Juve.

32- Juve-Lazio: 2-1. (Pepe, Mauri, Del Piero)

11 Aprile 2011. Nel primo tempo se non era per Marchetti la Juve avrebbe fatto una valanga di goal. La Lazio si chiude, la Juve sembra rassegnarsi a un pareggio, ma Del Piero inganna tutti e con una proverbiale punizione incanta il popolo bianconero.

33- Juve-Roma: 4-0 (Vidal, Vidal, Pirlo, Marchisio)

22 Aprile 2012: Una prima mezz’ora fantastica, Juve fa tre goal alla sbandata Roma di Luis Enrique, che vede sfumare il suo progetto. Pirlo si fa parare il rigore (espulso Stekelemburg), ma segna su ribattuta. La Juve fa solo il quarto non umilia di più la Roma, che sul finale si fa nervoso. Altro suicidio del Milan che pareggia nel finale contro un tenace Bologna che fa sentire alla Juve il profumo dello scudetto.

34- Cesena-Juve: 0-1 (Borriello).

25 Aprile 2012. Pirlo complica le cose, sbagliando il rigore. Poi Borriello nel finale diventa l’uomo della provvidenza.

 

35- Novara-Juve: 0-4 (Vucinic, Borriello, Vidal, Vucinic).

29 Aprile 2012. Festa Juve, sotto gli occhi di Boniperti e Platini. Vucinic realizza la sua prima doppietta in bianconero.

36. Juve- Lecce: 1-1 (Marchisio, Bertolacci)

2 Maggio 2012. Quello che non ti aspetti a 5 minuti dalla fine Buffon fa una colossale papera che rianima le speranze del Milan, dopo essere passati in vantaggio subito.

37- Cagliari-Juve: 0-2 (Vucinic, aut. Canini)

6 Maggio 2012. La Juve è nervosa e con lo sguardo a Milano, ma l’Inter è in forma e dopo essere passata in vantaggio ed essersi fatta rimontare, ha visto Milito ergersi a paladino della Juve con la sua tripletta, suggellata dal gran tiro di Maicon. La Juve diventa campione d’Italia per la ventotessima volta per la giustizia, per la trentesima nel campo.

38- Juve- Atalanta: 3-1 (Marrone, Del Piero, Lichsteiner (aut.), Barzagli (r))

13 Maggio 2012. La festa di Del Piero con celebrazione dello scudetto. Juve a segno con tutti i suoi uomini con Barzagli invocato dai tifosi a battere il rigore. Imbattuta, nella storia a 84 punti lasciando dietro di 4 al Milan (e via al goal e alle polemiche del gol di Muntari). Questa è la degna chiusura di una straordinaria stagione e di un immenso campione.

Daniele Corvi-Agenzia Stampa Italia