×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

 (ASI) Il nervosismo di Massimiliano Allegri, in questi ultimi tempi, e’ diventato evidente a tutti - Anche ieri, nella conferenza di presentazione del match con il Genoa, se ne sono avuti segnali chiari, soprattutto quando il tecnico toscano si e’ lasciato andare a considerazioni ancora “ sul goal fantasma di Muntari” che a suo dire pesa sul campionato……….., ma che comunque………. lo scudetto sara’ del Milan -

 Per carita’, che il tecnico toscano tiri la volata al Milan ed inciti i suoi “ci sta” ed appare del tutto legittimo – Ma il ritornare di continuo su questo episodio, sta diventando una sorta di alibi del tecnico rossonero, un voler mettere le mani avanti………….. un alibi che nasce dalla paura (concreta) di perdere tutto , anche il campionato, e di fare “zeru tituli” come diceva lo special one Mourinho - Se il Milan (grande favorito della vigilia) non dovesse vincere il campionato, i motivi non sarebbero certo legati solo alla mancata concessione del goal di Muntari - Forse Allegri dimentica che al Milan sono stati assegnati 9 calci di rigore (quasi tutti decisivi per il risultato finale (mentre alla Juve 1 soltanto………..) - Forse Allegri dimentica che il Milan ha gia’ perso 5 partite , mentre la Juve e’ ancora imbattuta (caso unico, fino ad oggi in EUROPA) - Forse Allegri dimentica, che per vincere il campionato, non basta essere “sulla carta” la squadra piu’ forte tecnicamente, ma, come dice Pavel Nedved, bisogna dimostrarlo sul campo - Il campionato, e’ una corsa a tappe, come il giro d’Italia, vince il piu regolare, il piu’ completo, il piu’ bravo - Allegri dice che se la Juve, a detta di tutti, sta facendo un campionato straordinario , allora lo sta facendo anche il Milan, dato che si trova ad un solo punto dai bianconeri - C’e’ da dire che questo e’ vero solo in parte……., perche’ molto nasce anche da un certa anomalia data dai tre punti assegnati alla vittoria……. E dal conseguente livellamento (in basso) del pareggio (1 punto), che va quasi a posizionarsi allo stesso livello della sconfitta(0 punti) - Se fossimo ancora in regime dei due punti (per la vittoria) la classifica , alla 32° giornata, risulterebbe la seguente: Juve punti 50 ; Milan punti 47 - Lo scarto in classifica sarebbe quindi maggiore……….Ma a parte questa divagazione, di carattere storico/statistica , c’e da dire in conclusione che Il Milan, paga non solo gli infortuni, ma, una Champions dispendiosa e difficile come non mai ( basta vedere anche le condizioni del Napoli), e paga soprattutto, per la forza della Juventus, inaspettata, e probabilmente sottovalutata dal tecnico rossonero, che nel momento cruciale della stagione ha denotato scarsa esperienza, a questi livelli, con decisioni quanto meno discutibili (basta pensare al mancato turnover nel ritorno con la Juve in coppa Italia - all’impiego di Thiago Silva sempre a Torino - a quello di Pato al Camp Nou, e via dicendo……….Comunque chi vivra’ vedra’ e tutto e’ rimandato al prossimo 13 Maggio ……… …