×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

(ASI) - Ormai è certo, il primo obiettivo per il mercato di gennaio del Milan è l'argentino ormai ex Manchester City Carlos Alberto Martinez Tevez ma chiamato da tutti Carlitos Apache. Carlos Tevez, attaccante Argentino classe 1984, è nato a Ciudadela alle porte di Buenos Aires, ed è cresciuto nel quartiere Ejército de los Andes, un barrio (quartiere popolare) poco raccomandato, con un elevato indice di criminalità, al punto da essere considerato uno dei luoghi più pericolosi della capitale

Il quartiere è soprannominato Fuerte Apache, proprio da qui deriva il soprannome Apache, che Carlos si porta dietro fin da bambino, forse anche a causa del suo carattere ribelle.
Facciamo un passo indietro, i rapporti tra Carlos Tevez e l'allenatore del Manchester City Roberto Mancini, non sono mai stati rose e fiori e in questo inizio di stagione, a causa del poco utilizzo dell'attaccane si sono incrinati vertiginosamente, ripicche da parte dell'allenatore e rifiuti del giocatore ad entrare in campo, hanno scaldato questo inizio di stagione, fino al punto di non ritorno, il 15 Novembre, giorno in cui ha inviato un certificato medico, dove afferma di non essere in condizioni psico fisiche per rientrare in Inghilterra.

L'Apache era volato in Argentina, senza permesso della squadra l'11 Novembre scorso ed inizialmente ha detto che si sarebbe fermato 3 giorni, ma il giorno in cui sarebbe dovuto rientrare è arrivato questo certificato a Manchester e visto che nessuno sa quando e se tornerà Mancini si è premunito andando a colloquio con lo sceicco Mansour patron del Club, da quel momento Tevez è stato collocato sul mercato.

Il Milan alle porte, ha subito iniziato in sordina a trattare con l'agente del giocatore, con l'aiuto di Mino Raiola, per l'arrivo sotto la Madonnina del fuoriclasse Argentino, si parla di prestito oneroso fino a fine stagione e poi riscatto di circa 25 milioni. Il Milan sta dal canto suo, cercando di incanalare a suo favore la trattativa al punto che oggi, le pretese della dirigenza inglese sono già scese di 1 milione nel prestito, dai 4 iniziale si è passati a 3, ad ore è atteso il rilancio del Milan, che potrebbe essere quello definitivo, entro la prossima settimana secondo nostre indiscrezioni inglesi, si chiuderà la trattativa.

 L'unica grana ancora da sciogliere è quella legata all'ingaggio faraonico che Tevez percepisce al Manchester City, circa 8 milioni netti a stagione, cifra lontana anni luce, dal tetto salariale di Via Turati, ma visto che la volontà del giocatore è quella di andare a Milano, sarà facile per la coppia Galliani-Raiola, far scendere le pretese. Per quanto riguarda invece il riscatto, di 25 milioni di euro, in questi ultimi giorni, si è parlato di inserire nella trattativa Alexandre Pato, visto i continui infortuni e gli alti e bassi nelle prestazioni, in modo da non tirare fuori soldi in estate.