(ASI) Luis Enrique va dritto per la sua strada verso la Roma che ha in mente. In sintonia con la società e i suoi giocatori, più forte delle critiche, coerente con il suo credo. Riuscirà il nostro eroe a cambiare la cultura imperante nel calcio italiano fatta solo di risultati.?

"La miglior nostra partita fino ad ora? Quella persa con il Genoa. Una gara che se rigiochiamo 10 volte, 7 volte vinciamo noi, 2 pareggiamo e una volta perdiamo. Dobbiamo lavorare ancora molto. I risultati non mi distraggono. Io sono un martello e i miei giocatori mi seguono."