×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
(ASI) Che campionato! Dalle Vette allo scudetto alle pianure della zona salvezza, nulla è certo e le ultime sei sfide si prospettano esaltanti. Se in cima le tre contendenti si impongono con due goal a testa (ai danni di Chievo, Bologna e Firenze), salvo che il Milan ne ha preso uno a Firenze. In zona Champion- Europa league vista la forbice di che raccoglie in sei punti quattro squadre la lotta è davvero avvincente. La Roma si rilancia sbancando a Udine con due gemme del capitano Totti, che sembra vivere la terza giovinezza, dando una cocente battuta d’arresto a Di Natale e compagni, che perdono il quarto posto a vantaggio paradossalmente della Lazio, che ritrova il sorriso, ai danni del Parma, con un capolavoro di Hernanes e un altrettanto bel goal di Floccari. Ma la partita in assoluto più bella ce l’ha regalata ancora una volta l’incontro dell’ora di pranzo con Juve e Genoa di fronte.

Subito i bianconeri inciampano con un autorete di Bonucci, la Juve prova l’arrembaggio, ma riuscirà solo nel secondo tempo con un altro autogoal di Matteo Rossi, che devierà l’incornata di Pepe. Il Genoa ripasserà avanti con il promesso sposo mancato Floro Flores, ma il “sostituto” Matri, su assist di Toni subentrato metterà subito le cose in chiaro. La Juve dopo aver balbettato sale in cattedra e sempre l’ex Toni, si infila in area e porta un sudato 3 a 2, che sarebbe potuto diventare un 4, con un po’ più di precisione. Finalmente la Juve ha centrato la terza vittoria di fila, cosa che non accadeva da un anno e mezzo e vede le lontane spiagge della Champion più vicine, ma sebbene manca poco alla fine la strada è ancora lunga. Da elogiare, per una volta, Del Neri che sul 1 a 2 ha cambiato modulo e dal 4-3-3 è passato al 4-4-2 sostituendo Melo con Toni e spostando un vivace Pepe sulla sinistra. Ci sono stati in soliti errori, ma la grinta e la voglia di vincere ci sono state, non è la vera Juve, ma c’è almeno il profumo.

In fondo alla classifica c’è da segnalare oltre ai pareggi di Cagliari-Brescia e Bari Catania entrambe sull’ 1 a 1, quello incredibile di Palermo, del neo-tornato Delio Rossi che si è fatto raggiungere, ai tempi di recupero dal Cesena con i soliti Parolo e Giaccherini. I romagnoli che tutti davano per spacciati non si arrendono e vedendo il calo del Parma e il crollo in picchiata della Sampdoria sconfitta a Marassi dal Lecce, che ipoteca la salvezza, ne vedremo delle belle. Siamo poveri nel gioco in Italia, ma assolutamente ricchi nello spettacolo!

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione