×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

(ASI) Era la domenica delle seconde, dopo la caduta nell’anticipo del Milan con la Roma. Lazio, Napoli e Juve hanno tutte e tre cambiato la sorte del loro match nei minuti finali, la prima superando 3 a 2 l’Udinese, la seconda con un euro-gol di Cavani, dopo un salvataggio sulla linea da parte di Grava, che ha negato e quindi beffato il coraggioso Lecce.

 Chi nel finale ferisce, nel finale perisce questo è capitato alla Juve, che dopo la parata di Storari sul penalty di Marcolini e il fantastico gol in rovesciata di Quagliarella, si fa agguantare da Pellissier come due anni fa, regalando un  prezioso punto per il Chievo e una cocente delusione per i bianconeri, che si ritrovano quarti e vedono sfumare una concreta possibilità di avvicinare il Milan. Milan e Juve che avevano sorriso la scorsa settimana questa volta rimangono deluse, considerando poi che l’odiata Inter si è laureata con il massimo dei voti campione del mondo e rilancia con un insolito e aggressivo Benitez la rincorsa al campionato, richiedendo 4 acquisti per rimanere. Sarà sicuramente un gennaio all’insegna del mercato dove sia l’Inter che la Juve dovranno rivedere le loro rose, mentre la regina del mercato estivo, il Milan, pare avere raggiunto un accordo con il sempre ribelle Cassano, mentre il pupillo del presidente Berlusconi, Ronaldinho, sembra dirigersi verso i Los Angeles Galaxy dell’ex compagno Beckam. Per quanto riguarda le altre partite, il derby della lanterna non ha avuto luogo causa mal tempo, Bari-Palermo, Parma-Bologna pareggiano mentre Catania e Cesena si impongono per 1 a 0 rispettivamente su Brescia e Cagliari. Il campionato va in vacanza a godersi i regali di Natale e tornerà con la Befana, sperando che nelle sue calze ci siano nuovi campioni per rendere ancora più entusiasmante questo avvincente competizione che vede momentaneamente il Milan come campione d’inverno, le sorprendenti Napoli e Lazio a tre punti, le fine ad adesso deluse Roma e Inter rinvigorite dai recenti successi pronte a rilanciare le loro quotazioni e la imbattibile, ma affetta da pareggite Juve pronta, nonostante tutto, a insediare la vetta. Arrivederci a gennaio…

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione