×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
LA CRONACA 
(ASI) ROMA – Il derby di Roma e tutto il suo fascino: in 90’ racchiusi gli umori della città eterna. L’attesa è snervante, il clima del grande appuntamento si nota. La Lazio si presenta in formazione tipo, dopo il brodino greco di coppa, mentre nella Roma, niente Tatchsidis e spazio a De Rossi in mezzo al campo. Vince la Lazio anche perché la Roma fa di tutto per complicarsi la vita dopo che al 11’ del primo tempo, Lamela aveva portato avanti i suoi con un colpo di testa sul secondo palo che aveva sorpreso la difesa biancoblu, in seguito a calcio d’angolo. La reazione laziale non era csì efficace da far pensare ad un possibile pareggio, se non che Goicoechea commetteva un incredibile errore su una punizione centrale di Candreva da distanza assiderale. 1-1 al 38’ ed a questo punto la squadra di Pektovic, legittimava il vantaggio con un finale di tempo importante, anche se il vantaggio arrivava quasi casualmente: Hernanes provava la botta dal limite il suo tiro goffo diventava un assist per Klose che siglava il gol del 2-1. Nell’attesa del fischio finale del primo tempo di un incertissimo Rocchi, De Rossi la combinava grossa andando a colpire con una gomitata un avversario a centro area laziale. Espulsione diretta per uno dei giocatori più discussi della storia giallorossa. La ripresa si apriva con un altro regalo della difesa romanista, stavolta era Piris a regalare su un piatto d’argento il pallone a Mauri che non si faceva pregare ed impallinava Goicoechea. Lazio avanti di due gol e di un uomo. Derby finito, macchè… Chi decideva di lasciarsi andare a facili entusiasmi doveva aspettare una mezz’oretta ancora visto che prima all’85’ veniva espulso Mauri, per fallo di mano volontario ed essendo già ammonito si beccava il secondo giallo<; sulla conseguente punizione Pjanic infilava la porta biancoceleste, beffando Marchetti che si era spostato a centro area in attesa del probabile cross del giallorosso. Il finale era una bolgia con un incredibile errore di Marquinho, in area, che non riusciva a schiacciare in porta un assist di Tatchsidis, proprio sotto la sud. Romanisti gelati, in nord poteva iniziare la festa.

 

LAZIO-ROMA 3-2

 

LAZIO (4-1-4-1): Marchetti; Konko, Dias, Biava, Lulic (dal 51’ Radu); Ledesma; Gonzales, Candreva (dall’83’ Cana), Hernanes (dal 30’ st. Brocchi), Mauri; Klose. All. Petkovic

ROMA (4-3-3): Goicoechea; Piris, Marquinhos, Burdisso, Balzaretti; De Rossi, Bradley, Florenzi (dal 63’ Marquinho); Lamela (dal 46’ Tatchsidis), Osvaldo, Totti (dal 71’ Pjanic). All. Zeman

MARCATORI: 11’pt. Lamela, 38’ Candreva, 45’ Klose, 46’ Mauri 85’ Pjanic.

NOTE: Al 46’ del primo tempo, espulso De Rossi per fallo di reazione, al 85’ espulso Mauri per doppia ammonizione.

 

Fabio Marracci – Agenzia Stampa Italia