ASI Giornale RadiogGiornale Radio ASI del 7 settembre 2019

L'informazione mondiale in un clic.

A cura di Marco Paganelli

 

Un saluto dalla redazione del Gr Asi, in studio Marco Paganelli.
Apriamo con gli esteri.
Potrebbe tornare alta la tensione in Venezuela. Il procuratore generale, vicino al Capo dello Stato Nicolas Maduro, ha accusato formalmente ieri il leader dell’opposizione Juan Guaidò di “alto tradimento della patria”. L'indagine è stata avviata in seguito ai "negoziati illegali" sulla possibile cessione, valutata dal leader dell’opposizione di Caracas, della regione dell’Esequibo a “imprese transnazionali”. Gli Stati Uniti avevano minacciato, in passato, un possibile intervento militare in caso di arresto dell’autoproclamato presidente, riconosciuto come tale da Washington e da altre 52 nazioni. Russia e Cina si erano opposte però a tale linea, giudicandola una grave violazione del diritto internazionale e una pericolosa ingerenza negli affari interni di un paese sovrano.

Cambiamo argomento.

L'Italia partecipi con convinzione ad un “progetto europeo lungimirante, sostenibile ed equilibrato dal punto di vista ambientale, sociale e territoriale". E’ l’invito contenuto nel messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, reso noto oggi dall’ex premier Enrico Letta, durante il Forum Ambrosetti in corso a Cernobbio. Il numero uno del Quirinale ha sottolineato, nel testo, la necessità di riesaminare il Patto stabilità per rilanciare gli investimenti e di affrontare il tema della “tassazione delle grandi multinazionali, per un sistema equo e corretto".

Operazione, in Abruzzo, contro i reati tributari a favore del terrorismo internazionale. Carabinieri e Guardia di Finanza dell’Aquila hanno sequestrato, nelle ultime ore, beni per un milione di euro ed eseguito 10 ordini di custodia cautelare contro 8 tunisini e 2 italiani. Coinvolti anche una commercialista del nostro paese e l’imam della moschea di Martinsicuro, località della provincia di Teramo. Avrebbero distratto, secondo l’accusa, del denaro, frutto in parte di evasione fiscale, per finanziare alcune attività dell’organizzazione radicale islamica al Nusra.

Per il momento è tutto, grazie per l’ascolto, ci risentiamo nel prossimo appuntamento del Gr Asi.