Giornale Radio ASI del 24 dicembre 2018

L'informazione mondiale in un clic.

A cura di Marco Paganelli

Un saluto dalla redazione del Gr Asi, in studio Marco Paganelli.
Apriamo con gli esteri.
L’eruzione improvvisa, avvenuta ieri, del vulcano Krakatoa ha causato un devastante maremoto che ha colpito l’Indonesia, nello stretto della Sonda, tra le isole Giava e Sumatra. Il bilancio provvisorio delle vittime, riferito dalle autorità, parla di almeno 281 morti, 1000 feriti e 60 dispersi. La Farnesina sta verificando l’eventuale presenza di italiani, coinvolti nella tragedia, mediante l’Unità di Crisi ed è pronta a offrire loro assistenza. Lo tsunami ha generato onde alte fino a 20 metri che hanno provocato danni a una decina di alberghi, 550 abitazioni e 350 barche. Polemiche, intanto, per quanto dichiarato dal portavoce dell’agenzia per la gestione dei disastri, Purwo Nugroho, che ha denunciato che il sistema di allarme è disattivo dal 2012 per la scarsità di fondi, atti di vandalismo e problemi tecnici.

Veniamo in Italia.
Approvata a palazzo Madama, nella notte tra sabato e domenica, la legge di Bilancio. Il provvedimento arriverà alla Camera il 28 dicembre. I tempi stretti in Senato sono stati causati dalla complessa trattativa con l’Unione Europea, ha spiegato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Polemiche da tutti i partiti delle opposizioni che hanno denunciato i danni derivanti dalle nuove norme. Manifestazione di protesta del Partito Democratico, davanti a Montecitorio, sabato prossimo. “Non abbiamo fatto miracoli, ma siamo persone di parola”, ha commentato il vicepremier Matteo Salvini. “Stanno girando un po’ troppe balle sulla manovra del popolo”, ha spiegato il collega, anche lui numero due di palazzo Chigi, Luigi Di Maio.

Borse. Pausa natalizia per Milano e alcune europee. Aperta Londra che ha segnato, in avvio di contrattazioni, un calo dello 0,7% a 6677 punti. Parigi in ribasso invece dello 0,93% a 4650.

Per il momento è tutto, grazie per l’ascolto, auguri di buon Natale a voi e ai vostri cari dal Gr Asi, ci risentiamo nella prossima edizione.