Uiltrasporti copy(ASI) Roma - “Oggi nella seduta dell’Assemblea della Camera con 19 voti di scarto si è rinviata la votazione sulla mozione presentata dalla maggioranza che avrebbe impegnato palazzo Chigi su temi di tutela sociale dei lavoratori della ex Alitalia e di ITA. È una pagina triste per la democrazia di questo Paese dove si è palesato il totale asservimento del Parlamento al Governo, un Parlamento sempre più esautorato dal suo ruolo costituzionale”.

Così il Segretario Generale Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi commenta la richiesta di rinvio ad altra seduta della discussione sulla compagnia di bandiera.

“Nella mozione gli impegni che venivano chiesti erano volti a garantire la tutela del personale Alitalia con adeguati ammortizzatori sociali, promuovere iniziative per la riapertura della trattativa tra ITA e le Organizzazioni Sindacali volte a ripristinare costruttive relazioni sindacali, considerato che il Presidente Altavilla ha interrotto la trattativa per applicare un regolamento aziendale che prevede un taglio dei salari fino al 50% piuttosto che applicare il ccnl” dichiara Tarlazzi che prosegue:

“Una mozione molto importante per promuovere iniziative affinché ITA proceda in via prioritaria all’assunzione del personale da Alitalia in AS nel pieno rispetto della normativa nazionale ed europea e nel contempo per attivare un tavolo nazionale sull’intero settore del trasporto Aereo in cui vengano affrontate tutte le crisi in atto, motivo per il quale domani è indetto lo sciopero generale di 24 ore.

Mi chiedo come possano ora questi partiti parlare ancora di difesa dei diritti sociali, credo che oggi sia una pagina nera per la democrazia parlamentare” conclude.