(ASI) “Il coronavirus non può sospendere la democrazia. Non è successo negli Stati Uniti, non accadrà in Portogallo, Francia, Germania non è accaduto neppure in Italia dove si sono celebrate le elezioni regionali pochi mesi fa e dove a giugno si voterà nelle principali città italiane: Roma, Milano, Torino, Bologna, Napoli.

L’unica ragione per la quale non vogliono andare al voto è che il centrodestra è talmente cresciuto da non avere neppure bisogno di quel premio di maggioranza che Pd e M5S abrogarono prima del 2018 per avvelenare i pozzi e impedire ci fosse un governo in sintonia con il popolo. Gli italiani vogliono essere governati dal centrodestra che a oggi avrebbe una maggioranza bulgara sia alla Camera sia al Senato. In una fase storica drammatica l’Italia ha bisogno di un governo solido e autorevole, di una maggioranza coesa, di programmi comuni per gestire la crisi economica derivata dalla pandemia.
Il presidente del Consiglio Conte rassegni le dimissioni al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e si avvii il percorso per restituire alla nostra comunità la libertà e la sovranità di un governo espressione della volontà popolare e non figlio di giochini di palazzo”.  È quanto ha dichiarato il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli durante la diretta Facebook sugli aggiornamenti della crisi.