×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Lavoro/Inps. Fammoni (Cgil): Cig in calo per aumento licenziamenti

(ASI) “Una fetta sempre più grande di lavoratori sta passando dalla cassa integrazione al licenziamento”.

Così il segretario confederale della Cgil, Fulvio Fammoni, commenta in una nota i dati sulla cig diffusi oggi dall'Inps, aggiungendo: “E' pressoché sicuro che il 2011 si chiuderà con una autorizzazione vicina al miliardo di ore di cassa integrazione, fortunatamente minore rispetto a quello del 2010 ma, allo stesso tempo, simile al dato del 2009. Solo questo testimonia la pervasività e la forza della crisi, peraltro confermata da tutti i dati produttivi. Se le proiezioni sul 2011 sono quindi di un miliardo di ore di cassa integrazione - osserva Fammoni - la domanda e cosa succederà il prossimo anno e se il calo attualmente registrato significa riassorbimento di tutti quei lavoratori. A questo bisogna saper rispondere a meno che la scelta non sia dire che tutto va bene a prescindere. Le nostre strutture territoriali ci segnalano che una parte importante dei lavoratori passa dalla cassa integrazione al licenziamento e che per il 2012 un numero crescente di aziende sta valutando analoghe scelte, a fronte di prospettive di uno stallo della domanda e della produzione, accentuate dalla manovra recessiva del governo”. Quanto poi al calo della richiesta di indennità di disoccupazione, Fammoni precisa: “Oltre il 50% è disoccupato da più di un anno e che quindi in gran parte non ha più i requisiti per fare domanda, quindi i dati non sono per niente bassi. Lo stato del lavoro in Italia è molto grave al di là della propaganda: la fine del periodo di cassa tende a trasformarsi in espulsione, sempre più persone sono scoperte dai requisiti per la disoccupazione, tanti precari (l'80% delle nuove assunzioni attualmente) sono privi di ogni tutela. Occorre una svolta e dare una priorità evidente al lavoro, ai suoi problemi e al suo futuro. Non c'è niente di questo nelle scelte di un governo che anzi usa la crisi per tagliare diritti. Saranno invece queste - conclude - le proposte e le priorità dell'iniziativa della Cgil verso una grande manifestazione nazionale per il lavoro”.

Continua a leggere