×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
(ASI) “Ho proposto a Bersani un “ControAventino”, una occupazione simbolica della Camera da parte dei deputati PD, per parlare al paese, ribadire le nostre proposte sul lavoro, sui diritti civili, contro la crisi economica europea. Un’occupazione simbolica per dire quello che avremmo voluto dire in Aula e che una ex maggioranza di destra arrogante ci impedisce di fare, imbavagliando il Parlamento – è quanto dichiaraoggi l’on. Sandro Gozi, deputato PD, al quotidiano Europa a seguito della interruzione forzata dei lavori delle Camera per due settimane.

“La chiusura della Camera è stata fortemente contrastata dal PD. Ma la gente questo non l' ha visto – continua il deputato cesenate - Per loro, “i parlamentari sono in vacanza” e, come sempre, l’antipolitica travolge tutti, veri responsabili e oppositori, la PDL ma anche il PD. In un parlamento impopolare, troppo spesso offeso dalle urla, dagli insulti, dalla mediocrità;,in un luogo che è invece la nostra Casa comune più preziosa, più cara, noi possiamo suonare la riscossa democratica, dare un segnale di rifiuto, di opposizione dura e di grande rispetto per le istituzioni a tutto il paese; e forse anche a tutta l’Europa che, se e quando ci guarda, lo fa sempre più perplessa e scettica”.

Conclude il parlamentare: “Sulla rete sono state migliaia le adesioni alla proposta di organizzare un “ControAventino. Bersani e Franceschini ci hanno dato un segnale importante invitandoci a lavorare sul territorio e spiegare la nostra opposizione all’interruzione dei lavori d’aula. Ma possiamo fare di più ed essere più forti e credibili insieme con il popolo democratico l’11 dicembre a pizza san. Giovanni".