In Moldavia democrazia e stato di diritto sono a rischio?
(ASI) In Repubblica di Moldova, Stato che ha recentemente ottenuto lo status di candidato all'integrazione nell'Unione europea si susseguono vicende giudiziarie alquanto allarmanti. Il rispetto dei principi democratici fondamentali dello stato di diritto,come il pluralismo di opinione, il multipartitismo, il diritto di associazione e di riunione, il diritto a un sistema giudiziario equo ed equo, che osservi pienamente il diritto e tuteli i diritti e le libertà dei cittadini, sembrano essere elementi in discussione in Moldova.
 
Attualmente c'è un solo partito al potere nella Repubblica di Moldova, il Partito di Azione e Solidarietà (PAS), che si è dichiarato europeista. Il leader e fondatore di questo partito è Maia Sandu, Presidente della Repubblica estremamente influente in termini di processi decisionali all'interno delle istituzioni del Paese, a prescindere dalla separazione dei poteri. Vale anche la pena notare che il presidente Maia Sandu e il suo partito godono di un enorme sostegno da parte delle istituzioni europee, che gli hanno dato credito sulla fiducia e che finora hanno reagito molto timidamente quando il governo di Chisinau ha commesso errori o apparentemente  sembra aver abusato del suo potere.
 
Sebbene nelle cancellerie occidentali il governo moldavo sia percepito come equo e            anticorruzione, alcune delle sue azioni sollevano seri interrogativi e richiedono un monitoraggio molto più attento.  Ad esempio, la cosiddetta riforma della giustizia, che ha portato alla rimozione del Procuratore generale, è stata realizzata con gravi carenze procedurali. Lo ha rilevato anche la Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa che si occupa di diritti umani e stato di diritto, che ha espresso parere negativo sulle modifiche apportate alla riforma ed ha elaborato una serie di raccomandazioni che sono state ignorate dalla maggioranza parlamentare di Chisinau. Un altro elemento di prova che conferma i presunti abusi è la nota emessa dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, che raccomandava alla Moldova di rivedere le sue decisioni sulla destituzione del Procuratore generale, suggerendo che, in caso contrario, lui vincerà la sua causa presso la CEDU.
Un'altra riforma controversa riguarda l'attività radiotelevisiva della Moldova, che ha consentito al partito al governo di subordinarvi tutte le emittenti radiofoniche e televisive pubbliche, ma ha anche messo in enorme svantaggio i media privati e critici nei confronti dell'attuale governo. Questo fatto è stato rilevato anche dal Consiglio d'Europa, che ha deciso, a seguito di queste azioni, di porre la Repubblica di Moldova sotto un monitoraggio speciale, il che significa che la democrazia in questo Paese si sta deteriorando invece di evolversi.
La parte più preoccupante, tuttavia, è l'atteggiamento del governo guidato da PAS nei confronti dei partiti di opposizione, in particolare i partiti parlamentari, che sono emarginati, intimiditi e privati ​​del diritto di iniziativa. Tuttavia, in uno Stato democratico, l'opposizione ha un ruolo importante quanto quello del governo, e il suo compito è denunciare ogni abuso o errore da parte della maggioranza e mantenere vivo lo spirito critico nella società, al fine di garantire  equilibrio di potere e principio di rappresentatività.
Inoltre, in alcuni casi il governo cerca di annientare le forze di opposizione, attraverso perquisizioni, detenzioni, arresti, divieto del diritto alla protesta. A riprova di ciò, è dei giorni scorsi la detenzione e la successiva custodia cautelare in un famigerato carcere di Chisinau di una delle figure di spicco dell'opposizione parlamentare, la deputata al Parlamento, Marina Tauber, che è anche vicepresidente del partito 'SHOR', la terza forza politica della Repubblica di Moldova e membro del gruppo europeo AECR/ECR. Allo stesso tempo, sono stati effettuati ampi controlli sul partito, con membri e attivisti del partito perquisiti, spogliati dei loro averi e in alcuni casi detenuti da polizia.
 
 Dovrebbe essere nell'interesse dell'Unione europea, che i potenziali membri dell'area comunitaria condividano i valori comuni e rispettino, in primo luogo, i diritti umani e le libertà fondamentali.
Tags
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Cina. Manifattura torna in territorio espansivo, cresce la fiducia delle imprese

(ASI) Torna in territorio espansivo la manifattura a settembre. È questa la notizia più importante che emerge dal consueto rapporto mensile del Dipartimento Nazionale di Statistica della Repubblica Popolare Cinese. Malgrado ...

Alleanza per Israele: congratulazioni a Bothelo eletto al vertice della Comunità ebraica portoghese

(ASI) Roma/Lisbona, 30 settembre 2022 - “Ci congratuliamo vivamente con l’amico Davide Bothelo per la sua elezione a Presidente della Comunità ebraica di Lisbona. Davide Bothelo, è medico, già da vent’...

Diritto & Società: La Colpa medica. Analisi giuridica delle circostanze a cura dell'avvocato Alessandro DI Dato

Diritto & Società: La Colpa medica. Analisi giuridica delle circostanze a cura dell'avvocato Alessandro DI Dato

Emergenza economia e lavoro, le priorità del nuovo governo (a cura del giuslavorista Severino Nappi)

Emergenza economia e lavoro, le priorità del nuovo governo (a cura del giuslavorista Severino Nappi)

Rdc, Nappi (Lega): con quale coraggio parla De Luca?

(ASI) “Con quale coraggio De Luca parla di reddito di cittadinanza? Voglio ricordare al governatore che proprio lui, con la totale assenza di ogni intervento regionale in materia di politiche ...

Rampelli (VPC-FDI): “La madre di tutte le battaglie è il tetto al prezzo del gas in Europa”

(ASI) “Per affrontare il caro energia bisogna agire subito in sede europea per porre un freno alla speculazione in corso alla borsa di Amsterdam e imporre un tetto al prezzo ...

Croatti e Lanzi (M5S): "Al via incontri per organizzazione M5s sui territori. Il 6 ottobre si parte da Ravenna"

(ASI) "Giovedì 6 ottobre saremo a Ravenna per partecipare all'incontro del gruppo locale. Sarà l'occasione per fare il punto sulla situazione post elezioni e per organizzare il lavoro che ci aspetta ...

8 e 9 ottobre  Roma,  Un anno dopo.  Taormina, Trisciuoglio, Castellino :  Italia Libera - Il Popolo del dissenso si presenta all'Italia

È nell’Urbe che sarà lanciato la nostra adesione al Fronte Unitario di Resistenza. È nell’Urbe che Italia Libera - Il Popolo del Dissenso presenterà il Librezzo Azzurro i 7 punti ...

Ucraina, Papa Francesco ripete: “È in atto la Terza Guerra Mondiale

(ASI) "È in corso una guerra e credo sia un errore pensare che sia un film di cowboy dove ci sono buoni e cattivi. E’ un errore anche pensare che ...

Usa, dipartimento di Stato: “Via cittadini americani dalla Russia”

(ASI) I cittadini americani sono invitati a "lasciare la Russia immediatamente", usando "le limitate opzioni" di trasporto commerciale ancora disponibili.