caucasoarmaz(ASI) La seconda guerra del Nagorno-Karabakh è stata un conflitto tra le forze azere e quelle armene per il possesso della regione caucasica del Nagorno-Karabakh concluso il 9 novembre con la decisive mediazione di Mosca.

 

Nello scacchiere geopolitico delle alleanze, la Russia e la  Turchia, in ambiti diversi, hanno giocato un ruolo fondamentale. Putin, con un’incisiva azione diplomatica, ha fermato il conflitto, ha chiuso le antiche controversie territoriali e si eretto a garante della pace fra le due nazioni.  Erdogan ha ceduto i droni da combattimento all’Azerbaigian per un valore di 65 milioni di euro. Queste armi micidiali  hanno determinato la superiorità militare sul campo degli azeri e decretato la sconfitta degli armeni.

Il conflitto armato tra le due Paesi era  iniziato il 27 settembre. Mentre è terminato il 10 ottobre 2020. Gli aerei senza pilota meno costosi dei caccia,  ma con una potenza di attacco davvero devastante, ha portato la vittoria delle forze azere riuscendo a recuperare quella striscia di territorio il Nagorno, perduta nella guerra degli anni 90.

Nelle guerre moderne diventano determinanti i droni senza pilota.

Grazie a questi mezzi bellici l’apparato militare azero è riuscito a distruggere le postazioni di artiglieria, i carri armati, i centri di comunicazione, i cannoni anti-aerei ed anche a neutralizzare le truppe di fanteria armene. Gli azeri hanno vinto il nemico utilizzando il questa tecnologia militare moderna.  Il sostegno  della Turchia e delle  sue aziende produttrici di questa arma  bellica è stata determinante. Gli armeni prima di lasciare i territori hanno bruciato pozzi, e abitazioni. Questa pratica ricorda la campagna napoleonica in  Russia. In quei tempi lontani i russi  facevano terra bruciata per lasciare un pugno di mosche al nemico. Però, il fatti politici rilevanti sono: l’Azerbaigian è ritornato in possesso dei territori contesi all’Armenia, Russia e Turchia sono state protagoniste e hanno fatto sentire tutta la loro influenza politica anche nello scenario internazionale caucasico.

Massimiliano Pezzella – Agenzia Stampa Italia

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.