×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

Dopo la visita, Washington comincia a preoccuparsi


E' stato uno scienziato statunitense, ad aver rilasciato alla stampa del proprio paese, un'intervista, ad una settimana di distanza dalla sua visita in Corea del Nord, dove - come riporta Euronews - ha potuto osservare, definendosi "stupefatto", un'installazione ad alta tecnologia di centinaia di centrifughe per il trattamento dell'uranio. Durissime anche le reazioni di Tokyo, che ha definito inaccettabile questo nuovo avanzamento del programma atomico del Governo Nord Coreano. Si tratta della centrale di Yong Byon. Tuttavia, in base a prime osservazioni, gli scopi di queste centrifughe sono primariamente energetici e civili, ma tanto è bastato per scatenare l'ennesima crisi internazionale nel già teso Mar Giallo. Gates, Segretario alla Difesa, e Muller, Generale dello Stato Maggiore degli Usa, gettano benzina sul fuoco, annunciando che Pyongyang sta contravvenendo palesemente agli accordi stabiliti durante l'incontro tra le "Sei Nazioni" del Febbraio scorso. Nel frattempo Washington aveva annunciato la prossima visita in Asia del professor Stephan Bosworth, che si intratterrà con delle delegazioni di Cina, Giappone e Corea del Sud, proprio per discutere della questione nucleare della Corea del Nord. Una visita che comincerà con un livello di tensione molto alto.

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione