(ASI) "Ha ragione il presidente Biden, la democrazia, ma ancor di più la pace è sotto attacco. Tuttavia non rassicurano le parole che il Neo Presidente Americano ha pronunciato nelle scorse ore, anzi provocano una grande inquietudine proprio sulla pace.

L'attacco lanciato a Putin ed alla Russia oltre che alla Cina, con l'invito al rafforzare l'atlantismo, già accolto, dall'Europa franco-tedesca, cui il neo Primo ministro Italiano, super Mario Draghi, ha ben chiaro, con le sue affermazioni: piu Europa FrancoTedesca e più essere atlantisti, destano preoccupazione. Ma desta anche preoccupazione l'apertura all'Iran, che proprio in questi giorni ha proibito al CT della squadra di sci ad accompagnare la propria squadra perché il marito non ha permesso l'espatrio, e ha impiccato una donna già morta, per aver ucciso il marito che la picchiava insieme ad i suoi figli. Il promotore della democrazia e della pace che si schiera contro la pace e la democrazia. Oltre al calpestare ogni diritto alle donne? Certo, in Italia le donne, quelle del partito che si è sempre professano paladino della parità dei sessi, sono troppo impegnate a protestare per i posti di ministro che il partito ha sbadatamente dimenticato a riservare a loro? Ritornando a Biden, sono certo che non vuole una nuova guerra fredda, ma mi auguro che non inneschi una nuova guerra calda, le parole del primo ministro di Israele Netanyahu che bacchetta Biden, devono far riflettere". Così in una nota Ettore Lembo, giornalista ed opinionista.