itaisr copy(ASI) Firenze - Nota dell’Associazione Italia-Israele a seguito delle dichiarazioni di Palagi e Bundu. La lotta contro la pandemia e la collaborazione tra Israele e Autorità Nazionale Palestinese “Affermazione false e offensive contro Israele”

L’Associazione Italia-Israele di Firenze invita i Consiglieri Comunali di Firenze a respingere il progetto di risoluzione presentato dai consiglieri Dmitrj Palagi e Antonella Bundu denominato “Le nuove emergenze” perché contiene affermazioni false e offensive contro lo Stato d’Israele, unica democrazia del Medio Oriente.

I due consiglieri vorrebbero ignobilmente sfruttare l’occasione della pandemia di coronavirus per sferrare un nuovo attacco contro Israele, ma hanno scelto il terreno peggiore. Proprio durante il periodo della pandemia si è verificata – nonostante le tensioni esistenti – un’efficace collaborazione tra autorità israeliane e Autorità Nazionale Palestinese per fronteggiare anche nei territori amministrati dall’ANP la minaccia del Covid 19, una collaborazione che ha avuto successo, visto che non solo in Israele ma anche nei territori amministrati dall’ANP il virus è stato contenuto ed è sulla via di essere sconfitto. Quanto a Gaza, il dominio esercitato da Hamas, organizzazione terroristica dichiarata tale dall’Unione Europea, che segue le direttive del regime di Teheran, ha finito, come in altre occasioni, per ritorcersi contro la popolazione.

Dobbiamo purtroppo prendere atto che anche questo progetto di risoluzione si inserisce nell’offensiva propagandistica contro Israele promossa dal regime di Teheran e che ha visto qualche giorno fa l’ayatollah Kamenei, Guida suprema del regime, definire con chiarezza lo scopo di questa offensiva: arrivare alla “soluzione finale” nei confronti di Israele. Che si riprenda apertamente e senza vergogna il linguaggio nazista mette in evidenza quali sono i fini del regime iraniano e dei suoi propagandisti, anche italiani.

Associazione Italia-Israele

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
* Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo in tutte le sezioni del giornale  non ne significa necessariamente la condivisione dei contenuti. Essi - è bene ribadirlo -  rappresentano pareri, interprestazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, la responsabilità sono dell'autore  delle dichiarazioni  e/o  di chi  ci ha fornito il contenuto.  Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento trattato, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione.