×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Islanda: il Fondo Monetario Internazionale se ne va

(ASI) Dopo circa tre anni, il Fondo Monetario Internazionale e l’Islanda prenderanno strade diverse.

 

In tempi di presunti salvataggi nazionali portati avanti con ricette neoliberiste, di annullamenti di sovranità monetarie nazionali e di politiche di tagli violenti alle strutture amministrative ed economiche dei singoli stati, il piccolo stato scandinavo ha deciso di proseguire fermamente nella strada intrapresa oltre un anno fa, attraverso un imponente consenso dell’opinione pubblica nazionale, generalmente formata ed informata su temi così delicati e importanti.

Come riportano diversi servizi della tv pubblica islandese Ruv, l’FMI ha portato a termine la sua sesta revisione dell’economia nazionale islandese a Washington, ritenendo non necessario continuare il proprio lavoro sull’isola dell’Atlantico. L’FMI concluderà quindi le operazioni in Islanda, e la lascerà.

Il Primo Ministro islandese Johanna Siguroardottir ha annunciato la partenza dei funzionari in una conferenza stampa nella cittadina di Iono nei giorni scorsi, aggiungendo che la ricostruzione economica islandese è sulla retta via, con miglioramenti in corso e risultati ottenuti prima del previsto. Ha inoltre detto che la ricostruzione islandese dopo il collasso bancario del 2008 “è andata oltre ogni aspettativa”

Il Ministro delle Finanze Steingrimur J. Sigfusson ha preso parte alla conferenza sostenendo che la stabilità finanziaria islandese sarebbe nuovamente ristrutturata.

Il Ministro dell’Economia e del Commercio Arni Pall Arnason ha parlato in maniera più personale, dicendo che molte persone erano preoccupate della cooperazione tra FMI e Islanda, che il loro welfare state – altro elemento di vanto e di efficienza - sarebbe stato tagliato duramente e che sarebbero state prese misure drastiche, basate sui diktat classici utilizzati dal Fondo Monetario nei suoi interventi in Estremo Oriente e in Sudamerica. Army crede che la ragione per la quale tutto questo non si è verificato in Islanda è perché i prestiti forniti dall’FMI al governo Islandese hanno permesso a quest’ultimo di prendere più tempo per fissare budget e obiettivi.

L’arrivo del FMI in Islanda come è noto fu accolto in maniera estremamente fredda da gran parte della popolazione, convinta che il FMI avrebbe chiuso l’Islanda in uno stato di permanente debito, come ormai troppi paesi hanno già sperimentato in passato. La partenza dei funzionari del FMI viene quindi vista con ottimismo da gran parte dell’opinione pubblica.

Ed eccoci così arrivati ad oggi. Con l’Islanda che si sta riprendendo dalla terribile crisi economica e lo sta facendo in modo del tutto opposto a quello che viene generalmente propagandato come inevitabile. Niente salvataggi da parte di BCE, FMI o World Bank, niente cessione della propria sovranità a nazioni straniere, ma piuttosto un percorso di riappropriazione dei diritti e della partecipazione, e un coinvolgimento dell’opinione pubblica nazionale tra le più alte d’Occidente.

Ultimi articoli

Ambiente, Ferrara (M5S): nella riforma ETS altolà agli inceneritori, Governo ne tenga conto.

(ASI) “Bruciare rifiuti fa male all’ambiente e non conviene anche dal punto di vista economico. La Commissione Ambiente del Parlamento europeo ha votato la fine dell’esenzione dell’incenerimento ...

Calabresi, Gasparri: non dimentichiamo suo esempio ma nemmeno odio che aizzò gli assassini 

(ASI) “Cinquant’anni fa, gli estremisti rossi di Lotta Continua assassinavano il commissario Luigi Calabresi. Esempio di correttezza, uomo onesto, che ha sacrificato sé stesso per l’ordine e la ...

Alleanza per Israele: parole Albanese inaccettabili, dimissioni subito

(ASI) Roma - “Le parole di Francesca Albanese, nuova Relatrice ONU per i diritti umani nei Territori palestinesi, con le quali giustifica la violenza dei terroristi palestinesi contro Israele e ...

Disuguaglianze, Scalfi (Azione): atti concreti per risanare i divari nella società

(ASI) “Il Covid ha accentuato le disuguaglianze nel nostro Paese in particolar modo per donne, giovani e Meridione. Anni di disinvestimenti sociali e materiali, accentuati dalla pandemia, ci hanno lasciato ...

La strana ricchezza di Zelensky 

(ASI) La ricchezza del leader di un'Ucraina dilaniata dalla guerra ha attirato l'attenzione dei politici europei. I Paesi Bassi hanno espresso interesse per le origini dei capitali del presidente ...

Pakistan, attentato a Karachi: vittime

(ASI) Una donna è morta e altre 11 persone, tra cui tre poliziotti, sono rimaste ferite in un'esplosione nella città meridionale di Karachi, in Pakistan. La polizia della città pachistana ha comunicato ...

Omotransfobia. Pro Vita Famiglia: Emergenza è fake news, no indottrinamento scuole

(ASI) Roma -  «Gli ultimi dati Oscad riferiti al 2021, su un totale di 361 segnalazioni di matrice discriminatoria, parlano di 77 segnalazioni riguardanti l’omotransfobia, in netto calo rispetto agli anni ...

Diritto & Società Bilancio consuntivo condominiale. L'analisi è dell'avvocato Alessandro Di Dato nella rubrica Diritto & Società

(ASI) Diritto & Società Bilancio consuntivo condominiale. L'analisi è dell'avvocato Alessandro Di Dato nella rubrica Diritto & Società

Frosinone, incontro tra i dirigenti dell'Ospedale Spaziani e i sindacalisti di Confintesa Sanità Lazio

(ASI) Presso i locali della Direzione Sanitaria dell’Ospedale Spaziani di Frosinone si è svolto un incontro tra il Direttore Sanitario dei presidi ospedalieri di Frosinone ed Alatri, Dr Fabi ed ...

Continua la polemica sul Reddito di Cittadinanza. A Napoli e provincia una spesa pari all’intero nord Italia

(ASI) Continua senza sosta la polemica sul Reddito di Cittadinanza, una misura nata con le migliori intenzioni, ma poi finita con la solita ‘frittata all’italiana’. Analisti ed esperti sono ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113