×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113

(ASI) Dopo l'inasprirsi degli scontri, Homs, città della Siria occidentale, era stata oggetto di una pesante evacuazione da parte dei propri abitanti. La comunità cristiana aveva pagato il tributo più alto di questa tragedia, abbandonando in massa una città cui è storicamente legata. Rimaneva ad Homs un unico superstite di questa epurazione, che aveva voluto romanticamente sfidare l'incedere sicuro di disastrosi eventi. Elias Mansour, 84 anni, cristiano greco-ortodosso, non aveva voluto lasciare la sua casa, nella strada di Wadi Sayeh, perché doveva prendersi cura di suo figlio Adnane, handicappato, anche se sapeva che la sua vita era in pericolo.

Lo scorso 30 ottobre - come riferisce l'agenzia Fides - anche quest’ultimo abitante cristiano di Homs è rimasto ucciso. Un sacerdote greco-ortodosso, che conosceva bene il coraggioso anziano, ha riferito le sue ultime parole. Elias Mansour ripeteva ostinatamente che non avrebbe lasciato la sua casa per nessun motivo e che, se avesse incontrato i ribelli, "avrebbe ricordato loro i Dieci Comandamenti e le Sacre Scritture". Un altro sacerdote sta cercando il figlio disabile di Mansour, senza che per ora si abbiano riscontri positivi in tal senso.

La stessa agenzia Fides riferisce che la mattina del 31 ottobre, nel quartiere di Hamidiyeh, sempre ad Homs, diversi spari hanno colpito il monastero nel quale vivono dei gesuiti e nel quale sono attualmente ospitate decine di famiglie di sfollati. Molta paura, qualche danno all'edificio, ma fortunatamente nessuna vittima.

Le cronache testimoniano che la Siria è attualmente teatro di ostilità nei confronti dei cristiani. Secondo fonti vicine alla Santa Sede, sarebbero ad oggi 300mila i cristiani sfollati. Un bollettino assai desolante per un Paese in cui i cristiani rappresentano il 10% della popolazione e che, in passato, hanno spesso ricoperto importanti cariche ministeriali e negli uffici pubblici, oltre ad aver fornito un autentico impulso sociale alla società siriana grazie alle proprie organizzazioni ed opere missionarie.

Anche Padre Piero Gheddo, sacerdote del Pontificio Istituto Missioni Estere, parla di "una sorta di persecuzione, una vera e propria pulizia etnica" contro i cristiani in Siria. Che cosa dovrebbe fare l'Occidente? "Sicuramente - sostiene Padre Gheddo - non dovrebbe rifornire di armi i ribelli, perché si rischia di trasformare la Siria in uno Stato islamista e intollerante". Padre Gheddo rileva che "purtroppo all'interno dei ribelli si stanno facendo sempre più strada le forze di al Qaeda".

Federico Cenci – Agenzia Stampa Italia

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2022 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.