×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
(ASI) Stasera, 27 luglio alle ore 21.15 l’anfiteatro comunale di Zafferana Etnea renderà omaggio alla commedia Plautina con Eleonora Brigliadori in "Truculentus". "Truculentus" è la storia di un "disastro" teatrale: la compagnia in meno di 5 minuti‚ viene a conoscenza che numerosi suoi attori sono andati via. La situazione precipita ulteriormente poco prima di andare in scena, mettendo a repentaglio lo spettacolo. Riusciranno gli attori ad affrontare lo spettacolo? La soluzione è offerta dallo stesso teatro che, nel suo raccontarsi attraverso situazioni ora umane ora rocambolesche‚ offrirà una conclusione ai protagonisti.

Un’opera che offre una lettura delle dinamiche tra uomini e donne, e che racconta gli stessi argomenti sui quali ancora oggi basiamo gli spunti più divertenti del nostro teatro comico. È sufficiente ricordare che il fulcro del Truculentus (dal latino "zoticone") è proprio questa donna disinibita‚ Fronesio‚ che‚ pur dalla sua bassa posizione sociale di cortigiana‚ tiene in pugno ben tre uomini‚ senza che nessuno di essi riesca mai a protestare efficacemente.

La modernità di Plauto risiede proprio in questa amara ironia misogina che permea l'intera trama‚ ingenerando negli spettatori maschi una sorta di autocompiacimento per non essere così sciocchi da farsi ingannare da una donna e‚ viceversa nelle spettatrici l'orgoglio di appartenere allo scaltro genere femminile. Potrà dunque essersi affievolito l'effetto comico delle battute‚ ma non l'eterna freschezza del messaggio umano cui Plauto continuamente allude‚ "strizzando l'occhio" al suo pubblico.

Biglietti (poltrona numerata 22 euro) e gradinata non numerata 19 euro) su www.ctbox.it

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione