Il  grande cinema, Eli Wallach il “Brutto”di Sergio Leone spiegato ed analizzato, ad oggi è considerato attualizzante

(ASI) Tuco Benedicto Pacifico Juan Maria Ramirez, è un criminale, meglio definito un vero e proprio ladro di polli,  soprannominato “il brutto”, per i suoi modi ribelli, ma anche schietti e talvolta rozzi, ma sempre efficaci. Si tratta di linguaggio comunicativo diretto,spontaneo senza mezzi termini. Verranno riportate alcune frasi pronunciate da questo grande protagonista più avanti nel testo.La genialità del regista Sergio Leone, è stata quella di creare un personaggio estemporaneo, che sembra essere ancora oggi attuale nel modo di esprimersi e nei confronti della società.

Di nazionalità Messicana, maschio, il suo stato di attività è vivo! Difatti nel film si salverà dando una lezione diumanità al suo amico e nemico il “biondo” o buono interpretato da Clint Eastwood. Il Bruttoconosciuto meglio come Tuco, abbandonerà la famiglia per farsi strada nel mondo dell’ascesa criminale nel vecchio e famigerato lontano Ovest ai tempi della Guerra di Secessione Americana. Viene additato e citato dai giudici per molti crimini, tra i quali: furto di cavalli, rapina a mano armata, stupro di una fanciulla vergine, bigamia, abbandono del tetto coniugale, gioco d’azzardo,e trucco di carte da giuoco e dadi, incitamento alla prostituzione, incendio di una prigione di Stato, danno alla proprietà, omicidio, furto di cavalli, sconfinamento nei territori Apachi, assalto alle carovane e alle diligenze, ed altri ancora.

La sua taglia sulla testa per questi presunti crimini, ammesso che siano stati commessi, si aggira tra i duemila ed i tremila dollari. Ma c’è sempre “il buono” a togliergli la corda dal collo dell’impiccagione sparando sulla forca e salvandolo. I due,il Buono ed il Brutto diventano così amici, ma anche nemici, nel momento che Tuco viene abbandonato.

La coppia affiliata sarà nuovamente riunita per una caccia spietata al bottino di un reggimento di cavalleria sudista nascosta, per una somma di 200.000 dollari. Le frasi che oggi risuonano attuali sono quelle che inneggiano alla libertà del singolo uomo e dell’individuo. Il brutto, Tuco, infatti si pronuncia dicendo ad uno sceriffo :  “E chi è questo, va via un cornuto e ne arriva un altro”.

Il Brutto è dunque contrariato dalla presenza deicacciatori di taglie e dello sceriffo. Inoltre dopo essersi fatto il bagno in una vasca, uccide a pistolettate un altro Bounty Killer dicendo “Quando si spara si spara, non si parla”. E ancora una volta ricongiuntosi con il biondo e dopo essere venuto a conoscenza di sette uomini al soldo del “Cattivo” o Sentenza, interpretato da Lee Van Cleef, pronuncia queste frasi “Non fa niente, vado lo ammazzo e torno, anzi, li ammazzo tutti!”. E ancora grida da lontano a bordo di una carrozza “Dio è con noi, perché anche lui odia gli Yankee”.

 

Continua a leggere