globo6(ASI) Roma  -  Brevi notizie di cronaca, economia e politica estera del 28 luglio 2020.

 

Ex stratega militare in procinto di diventare ambasciatore degli Stati Uniti a Berlino

L'ex ufficiale dell'esercito Douglas Macgregor è destinato a diventare il nuovo ambasciatore degli Stati Uniti in Germania. Il presidente Donald Trump ha in programma di nominare il colonnello in pensione per succedere a Richard Grenell, che si è dimesso a giugno, ha detto la Casa Bianca. Macgregor era un veterano di guerra decorato, autore e consulente ed esperto riconosciuto in pianificazione e strategia militare. Macgregor è anche considerato un critico controverso delle operazioni militari statunitensi all'estero. Appare spesso come l’esperto del canale di notizie conservatore Fox News, politicamente vicino a Trump.

L'opposizione del Mali respinge il governo di unità

L'opposizione in Mali respinge la richiesta del Consiglio di sicurezza mondiale e della Comunità economica dell'Africa occidentale (ECOWAS) di formare un governo di unità nazionale. Il controverso presidente Ibrahim Boubacar Keita aveva accettato di farlo a causa delle pressioni internazionali. Il leader del movimento di opposizione del 5 giugno, l'Imam Mahmud Dicko, ha affermato che gli undici morti nelle recenti proteste non avrebbero dovuto essere vani. Si combatte per le dimissioni del presidente. Un altro leader dell'opposizione in Mali, Choguel Maiga, ha fatto una dichiarazione simile.

Israele avverte Hezbollah libanese

Israele ha minacciato la milizia sciita libanese Hezbollah di aspre reazioni in caso di nuovi attacchi sul suo territorio. Il primo ministro Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Benny Gantz hanno dichiarato in una conferenza stampa congiunta che i commando di Hezbollah hanno tentato di attraversare il confine con Israele lunedì. I soldati lo avrebbero impedito. Israele lo considera come un grave incidente. Le tensioni tra le due parti sono cresciute da giorni. L'innesco è stato un attacco missilistico in Siria in cui è stato ucciso un membro anziano di Hezbollah.

L'ex primo ministro della Malesia dichiarato colpevole di scandalo finanziario

L'ex capo del governo malese Najib Razak è stato dichiarato colpevole in un primo processo dello scandalo finanziario presso un fondo sovrano. I pubblici ministeri  avrebbero provato la colpevolezza di Najib per tutte le accuse, ha affermato il giudice a Kuala Lumpur. La sentenza sarà annunciata in un secondo momento. Il 67enne ha una pena detentiva decennale. L'ex primo ministro è accusato di aver rubato circa 8,4 milioni di euro da un fondo sovrano e utilizzato, tra l'altro, per l'acquisto privato di appartamenti di lusso. Al momento pendono altre due cause legali contro Najib.

Francesco Maiorca – Agenzia Stampa Italia