INGHILTERRA - SCOZIA 16-12

 

(ASI) Clima tipico britannico vento freddo e pioggia sottile come aghi, quale clima migliore per una sfida che evoca memorabili scontri del passato tra due delle più antiche tradizioni rugbistiche mondiali. La Scozia ci crede non solo per l’onore ma anche perché se una serie di coincidenze combaciano può ancora passare il turno, ed andare a sfidare la Francia ai quarti. Squadre contratte da subito, troppo alta la posta in palio, indisciplinato e nervosissimi gli inglesi che protestano e parlano troppo con l’arbitro, Scozia più composta gioca come una squadra che non ha nulla da perdere. Scozia che perde subito per infortunio muscolare Ruaridh Jackson, ottimamente sostituito da Dan Parks. Primi trenta minuti molto duri, più un autoscontro che una partita di rugby, con la Scozia che tarpa molto bene le ali al gioco inglese, e i giocatori della rosa mostrano chiaramente insofferenza, fallosissimi in mischia ed imprecisi nel gioco alla mano. Poi entrano in gioco i calciatori, ed il gioco inizia a farsi più fluido, con Parks a dettare ottimamente i tempi per la Scozia, e l’Inghilterra che inizia a giocare bene alla mano provando a superare la difesa scozzese. Primo tempo che si chiude con la Scozia in vantaggio nove a tre. Tutti al piede i punti del primo tempo, per la Scozia a segno una volta con Paterson, e due volte con il fantastico piede di Parks, il primo un pò ciabattato che ha messo in difficoltà i guardalinee tanto da essere convalidato dal T.M.O. il secondo un Drop fantastico che chiude il primo tempo. Per l’Inghilterra a segno Jonny Wilkinson, che però sbaglia molto, anzi troppo, piazzando un solo calcio sui quattro tirati. Secondo tempo che inizia come il primo un pò di autoscontro e molti errori, ma a spezzare la routine ci pensano i due scozzesi di origine italiana, Simon Danielli e Nick de Luca, che arrivano in seguito ad un calcetto di Danielli ad un soffio dalla linea di meta, ma De Luca nel raccogliere per poi schiacciare in meta, perde il contatto con l’ovale e commette in avanti. Poi la Scozia con Paterson mette a segno il calcio della qualificazione virtuale, qualificazione e speranze scozzesi che dura solo un minuto, infatti Sir Jonny Wilkinson sale in cattedra prima di uscire per infortunio e piazza un fantastico Drop ed un calcio di punizione. A questo punto saltano tutti gli schemi, la Scozia aggredisce gli inglesi nel tentativo di segnare ma si scopre fin troppo, per l’Inghilterra è un gioco da ragazzi approfittarne, ed alla prima occasione ne approfitta andando in meta con “mister-dive” Chris Ashton. Ottima prova per gli inglesi dell’ala Delon Armitage, moto mobile e sempre pericoloso palla in mano, mentre la Scozia oggi ha mostrato una grande voglia di vincere contrastando ottimamente gli inglesi, e perdendo la partita solamente a tre minuti dalla fine quando cercavano disperatamente la meta qualificazione. Scozia che per la prima volta nella storia dei mondiali non passa ai quarti di finale.

Sabato 1 ottobre, EDEN PARK AUCKLAND

Inghilterra: 15 Ben Foden; 14 Chris Ashton, 13 Manu Tuilagi, 12 Mike Tindall(70min. Toby Flood), 11 Delon Armitage; 10 Jonny Wilkinson(74min. Matt Banahan), 9 Ben Youngs(73min. Richard Wigglesworth); 8 James Haskell(63min. Nick Easter), 7 Lewis Moody (c), 6 Tom Croft; 5 Courtney Lawes, 4 Louis Deacon; 3 Dan Cole, 2 Steve Thompson(66min. Dylan Hartley), 1 Matt Stevens.

In panchina: 16 Dylan Hartley, 17 Alex Corbisiero, 18 Tom Palmer, 19 Nick Easter, 20 Richard Wigglesworth, 21 Toby Flood, 22 Matt Banahan

Scozia: 15 Chris Paterson; 14 Max Evans, 13 Joe Ansbro, 12 Sean Lamont, 11 Simon Danielli; 10 Ruaridh Jackson(4min. Dan Parks), 9 Mike Blair(70min. Chris Cusiter); 8 Richie Vernon, 7 John Barclay, 6 Ally Strokosch(63min. Nathan Hines); 5 Alastair Kellock (c), 4 Richie Gray; 3 Euan Murray, 2 Ross Ford, 1 Allan Jacobsen(66min. Alasdair Dickinson).

In panchina: 16 Scott Lawson, 17 Alasdair Dickinson, 18 Nathan Hines, 19 Ross Rennie, 20 Chris Cusiter, 21 Dan Parks, 22 Nick de Luca.

Arbitro: Craig Joubert (Sud Africa)

Marcatori: 8' C.P. Paterson(SCO), 16' C.P. Parks(SCO), 33' C.P. Wilkinson(ING), 40' Drop Parks(SCO), 55' C.P. Paterson(SCO), 56' Drop Wilkinson(ING), 62' C.P. Wilkinson(ING), 77' META Ashton(ING) Tr. Flood(ING).